Nationwide Series – Kyle e Kurt Busch si divideranno il sedile della Toyota Camry #54 del KyleBusch Motorsports

fonte immagine: kylebuschmotorsports.com

Il Kyle Busch Motorsports salirà a tempo pieno in Nationwide Series con un duo d’eccezione a dividersi il sedile della Toyota Camry #54 sponsorizzata da Monster Energy: Kyle e Kurt Busch si alterneranno al volante con l’obiettivo di vincere il titolo Owners.

Il programma sarà di primissimo ordine e il proprietario del team, Kyle Busch, correrà a Daytona e nelle quattro gare successive, prima di cedere per la prima volta il volante al fratello. L’alternanza tra i due sarà definita anche in base agli impegni di Kurt con il Phonix Racing, che ha in programma di schierare il pilota di Las Vegas nelle gare più importanti della serie.

Read moreNationwide Series – Kyle e Kurt Busch si divideranno il sedile della Toyota Camry #54 del KyleBusch Motorsports

Back to the Future: La prima vittoria di Barrichello in F1.

L’annuncio della Williams, che ha deciso di affiancare Bruno Senna a Maldonado, a meno di clamorose sorprese estromette di fatto dalla F1 Rubens Barrichello dopo ben 19 stagioni di militanza e 323 Gp (record assoluto nella storia della F1).
Per la nostra rubrica Back to the Future vi vogliamo riproporre le emozioni del primo successo di Rubens in F1 nel Gp di Germania del 2000: nel primo video il (pazzo) andamento della gara, nel secondo, che trovate dopo il salto, le immagini del podio con le lacrime di un commosso Barrichello.

Read moreBack to the Future: La prima vittoria di Barrichello in F1.

UN LOGO PER SALVARE I GP EUROPEI! A LOGO TO SAVE EUROPEAN TRACKS!

Il rischio c’è ed è elevato. Tra qualche anno l’Europa perderà parte dei suoi gp nel calendario della F1. Bernie l’ha detto più volte che a lui, teams e FIA del vecchio continente interessa poco o nulla e nononostante le parole di Montezzemolo contro queste idea, che parla parla da anni ai tifosi ma non combina mai niente, vedi voce riduzione de biglietti, sappiamo tutti che finirà così. Ad oggi solo Montecarlo ,Silverstone,Ungheria e Monza sono al sicuro. E’ uno scandalo che una pista come SPA,l’università delle corse, sia sempre messa in discussione e che rischi di sparire dal calendario…e con essa il gp di Germania, d’Europa, di non vedere mai più un altro gp di Francia o di sognare di vedere ritornare in calendario locations storiche come Zeltweg o Brands.Io non vorrei vedere un alternanza Belgio/Francia…le vorrei entrambi. Ovvio che i mercati finanziari la fanno da padrone e dettano legge…ovvio che non siamo noi a decidere e tanto meno possiamo far cambiare idea a loro signori potenti, ma per una volta almeno facciamo sentire la nostra voce unita e dimostriamo il nostro disagio. Per questo abbiamo pensato ad un logo da condividere con voi amici tifosi e con chi come noi scrive in blog e siti. Un logo silenzioso, non urlato ma che dimostri che comunque noi non siamo indifferenti a quello che succede e alla storia che stanno cancellando…perchè parliamo di F1 ma lo stesso discorso potrebbe essere fatto per  il futuro mondiale endurance. Mettetelo pure nelle bacheche di facebook, nel vostro blog o sito, condividetelo e fatelo girare su Twitter…basta poco…non servirà? Almeno ci abbiamo provato e potremmo dire che noi non siamo stati a guardare, ma per una volta tutti uniti.
Contattatemi se volete il logo al mio indirizzo internet. rturcato@motorsportrants.com

Here below the article in english

Read moreUN LOGO PER SALVARE I GP EUROPEI! A LOGO TO SAVE EUROPEAN TRACKS!

F1, Indignati a giorni alterni?

Come sicuramente ricorderete lo scorso anno il Gp del Bahrain, inizialmente inserito in calendario come gara inaugurale della stagione, fu prima rimandato e poi definitivamente cancellato a causa dei moti di protesta che si erano scatenati nel piccolo regno del Golfo Persico, in continuità con le rivolte che avevano interessato numerosi paesi del Nord Africa e del Medio Oriente e passate alla storia come “Primavera Araba”.
Il campione del mondo 1996 Damon Hill coraggiosamente aveva invitato la F1 a tenere un alto profilo morale e, quindi, a non recarsi per protesta in Bahrein.
A distanza di un anno il figlio di Graham compie un bel 180 gradi e sostiene che la F1 può andare in Bahrein “con la coscienza pulita” (centra forse il fatto che l’inglese ha appena firmato per l’emittente Sky per seguire i Gran Premi?).

Read moreF1, Indignati a giorni alterni?