Le Mans, 3° ora – La morte di Allan Simonsen oscura lo spettacolo

Sfortunatamente la notizia più importante dopo le prime 3 ore di gara non è la leadership dell’Audi, bensì la morte del driver Aston Martin Allan Simonsen.

Il pilota originario della Danimarca, a bordo della Vantage #95, si apprestava a compiere la piega a destra della Tetre Rouge, quando, a causa del manto umido, la sua vettura ha improvvisamente scartato verso sinistra impattando violentemente contro il guard-rail. Nulla hanno potuto i medici accorsi tempestivamente nei momenti successivi al botto.

Dal punto di vista sportivo la pioggia e l’ora spesa dietro la safety car per permettere il ripristino delle barriere danneggiate dall’incidente di Simonsen,  non hanno contrastato il dominio schiacciante dell’Audi che piazza le tre R18 e-tron – capitanate dall’equipaggio di Lotterer, Fassler e Treulyer – davanti alle due Toyota TS030 per cui va segnalato un inconveniente tecnico alla #7 di Wurz, Lapierre e Nakajima. Tra i privati, invece, è doppietta Rebellion.

In LMP2, dove imperversa la lotta per la leadership, al comando c’è la Honda HPD -ARX #24 dell’OAK Racing, che ha fatto propria anche la piazza d’onore. L’Aston Martin si conferma al comando in GTE-Pro, mentre la Ferrari #61 del team AF Corse è prima in GTE-Am.

Si ringrazia Axis Of Oversteer per il caricamento