AutoGP – Monza, Gara 2: Tutto facile per Sato sotto il diluvio, primo podio per Bacheta

Vittoria meritatissima per il pilota giapponese Kimiya Sato, un vero maestro nel diluvio di Monza, trasformata letteralmente in una piscina olimpionica a causa del temporale che sta investendo tutto il nord-Italia. Il talento del team Euronova ha condotto una gara esemplare, inanellando giri a ritmi insostenibili per gli altri, che nel frattempo si perdevano nella nube d’acqua alzata dalle auto.

Scattata dietro safety-car dopo tre giri di lancio, la gara si è risolta subito per il giapponese, settimo in griglia, che dopo appena due tornate si trovava già alle spalle dell’inglese Luciano Bacheta, scattato dalla pole grazie alla griglia invertita di gara 1. Dopo alcuni giri di studio il nipponico ha portato l’attacco vincente al pilota del team Zele, comunque ottimo secondo sul traguardo.

A podio l’italiano Vittorio Ghirelli per il team Super Nova, molto bravi nel replicare al risultato di gara 1, cosi come sono più che positive le performance del vincitore di ieri Campana, del giovanissimo Agostini, questi due autori di una bella lotta nel finale, e di Visoiu, altra gradita sorpresa portata in pista da Ghinzani.

Giornata storta per Narain Kartikeyan fermato da un problema all’impianto frenante. Ritirato ancora prima del semaforo verde il russo Snegirev, mentre come in gara 1 Ricci è stato colpito dalla sfortuna anche nella seconda.

In campionato dopo le prime due prova comanda Sato con 39 punti, segue Campana a quota 36, poi Ghirelli 24, Visoiu 21 e Bacheta 19 a completare la top-5.

Prossimo appuntamento il 6-7 Aprile con il terzo e quarto round stagionale sull’affascinante circuito cittadino di Marrakech, Marocco.

Domenica 24 marzo, gara 2

1 – Kimiya Sato – Euronova – 14 giri 32’25”073
2 – Luciano Bacheta – Zele – 20”020
3 – Vittorio Ghirelli – Super Nova – 21″830
4 – Sergio Campana – Ibiza – 25”146
5 – Riccardo Agostini – Manor MP – 42”792
6 – Robert Visoiu – Ghinzani – 47”008
7 – Yoshitaka Kuroda – Euronova – 52”956
8 – Michele La Rosa – MLR71 – 58”044
9 – Antonio Spoavone – Super Nova – 1’03”175
10 – Meindert Van Buuren – Manor MP – 1’05”754
11 – Andrea Roda – Virtuosi – 1’10”991
12 – Giacomo Ricci – MLR71 – 1 giro
13 – Giuseppe Cipriani – Ibiza – 7 giri

Giro più veloce Kimiya Sato 2’01”136