AutoGP: Sato beffa Kiss nella gara di casa

vittoria_kimiya_sato

Niente colpaccio per Tamas Pal Kiss nel circuito di casa dell’Hungaroring, sede del terzo appuntamento con la AutoGP World Series 2014. Il magiaro è stato infatti beffato dal giapponese Kimiya Sato, primo al traguardo con appena un secondo scarso di vantaggio proprio sul padrone di casa che pur di regalare una vittoria ai tifosi sulle tribune le ha tentate proprio tutte negli ultimi tre giri finali.

Sato è stato però bravo nel rimediare ad una qualifica poco felice che lo ha fatto scattare dalla quinta fila e già dopo lo spegnersi delle luci rosse del semaforo alla prima curva si è trovato in posizione tale da attaccare immediatamente i piloti al comando della gara.

Al settimo giro la prima vittima della zona podio è stato il belga Sam Dejonghe e successivamente il tedesco Markus Pommer, in lotta con Kiss nei primi giri. Però il giapponese di Euronova ne aveva di più e grazie ad un pit-stop magistrale dei suoi meccanici è riuscito nell’impresa di scavalcare l’idolo di casa.

Pommer ha perso ogni speranza di podio durante la sua sosta per il cambio delle gomme, commettendo un bel pasticcio con il cambio che è rimasto inserito con la prima e non ha permesso al suo meccanico di avvitare correttamente la posteriore destra con il risultato che quest’ultima è rotolata via in pit-lane creando una seria condizione di pericolo per tutti i presenti.

Purtroppo i pit-stop non sono proprio il piatto forte che la AutoGP ha da offrire ed i numerosi problemi ai box di un team esperto come il Super Nova lo dimostra, tanto che anche Michela Cerruti è stata bloccata più del dovuto per una gomma che non voleva saperne di fissarsi.

A guadagnare dai problemi altrui è stato Andrea Roda, che facendo il suo ‘compitino’ è riuscito a regalarsi un bel podio, sfiorato da Kevin Giovesi che si dimostra ancora una volta il debuttante più veloce del gruppo.

E’ tornato all’ovile il campione 2013 Vittorio Ghirelli, protagonista negli USA nella serie Indy Lights. Per lui purtroppo però il ritorno nella serie by Coloni ha riservato un braccetto piegato al via e l’impossibilità di battersi con i migliori e la nona piazza è stato il massimo piazzamento ottenibile, dovendo addirittura vedersela con Michele La Rosa, ottavo al traguardo e quindi poleman d’ufficio per Gara 2.

 

Sabato 3 maggio 2014, gara 1

1 – Kimiya Sato – Euronova – 23 giri in 37’20″978
2 – Tamas Pal Kiss – Zele – 1″215
3 – Andrea Roda – Virtuosi UK – 13″172
4 – Kevin Giovesi – Eurotech – 23″250
5 – Sam Dejonghe – Virtuosi UK – 30″985
6 – Markus Pommer – Super Nova – 43″547
7 – Yoshitaka Kuroda – Zele – 1’05″333
8 – Michele La Rosa – MLR71 – 1’10″672
9 – Vittorio Ghirelli – Super Nova – 1’10″862
10 – Michela Cerruti – Super Nova – 1’28″461

Ritirati
21° giro – Loris Spinelli
18° giro – Giuseppe Cipriani

 

Roberto Del Papa