Chili Bowl, Day 2: Abreu sogna in grande, finale anche per Yeley

10917304_889264547763754_164557172761767292_n

Sogna in grande il ‘midget man in the midget’ con la vittoria nella seconda giornata di qualificazione del Chili Bowl 2015, affermazione che catapulta il pilota californiano del team di Keith Kunz direttamente nella A-Main di Sabato sera.

Appena sceso dalla sua macchina il pilota di origini italo-portoghesi ha così sintentizzato cosa gli passasse nella testa negli ultimi e tirati giri della finale: “Non fare incidenti. Tutto quello che devi fare è fregartene di chi ti precede (i doppiati, ndr) e preoccuparti solo di chi ti sta dietro.” Missione compiuta per il campione 2014 della USAC National Midget Championship che ha raccolto anche i complimenti di Tony Stewart, sempre presente a Tulsa.

Partito dalla sesta piazza nella finale, già dal primo giro è riuscito a conquistare la posizione a ridosso del podio, mentre davanti le operazioni erano comandate da Chris Windom. Approfittando di un incidente al quinto passaggio, Abreu ha messo pressione al duo Trey Mercham-Blake Hahn in lotta per il podio. All’ottava tornata la seconda posizione era sua.

Giro dopo giro il distacco di Windom si è assottigliato ed al 15esimo dei 25 giri previsti Abreu è riuscito a superare il leader sfruttando la porzione esterna della pista denominata cushion. Sul traguardo il distacco tra i due è salito di ben 2 secondi. Per il Keith Kunz Motorsports con la vittoria di ieri con Larson sono due su due!.

Con il secondo posto Chris Windom si è aggiudicato un posto in finale cosi come J.J. Yeley che negli ultimi giri ha dato spettacolo battaglianto ruota a ruota con Blake Hahn che per un soffio deve rimandare l’appuntamento con la gara che assegna il trofeo. Quinto posto per Sammy Swindell, sfortunato nella heat race dove ha perso un silenziatore e per questo ha dovuto risalire dal girone D fino alla A.

Nota di colore, i cappottamenti dalla serata sono stati ben 11, per un totale di 21 in appena due giorni di gare…

10922857_757493501004823_6648671902181343414_n

B-Features: Top 4 advance to the A-Feature.

B Feature 1 (15 Laps): 1. 88J-Jace VanderWeerd[1]; 2. 5E-James Edens[2]; 3. 19L-Landon Hurst[5]; 4. 51X-Colby Copeland[13]; 5. 12-Chris Sheil[4]; 6. 91-Jeff Stasa[9]; 7. 15W-Brandon Waelti[14]; 8. 7M-Kevin Ramey[15]; 9. 9P-Parker Price-Miller[7]; 10. 19J-Jonathan Cornell[3]; 11. 2K-Kyle Jones[6]; 12. 23A-Hannah Adair[12]; 13. 13SR-John Ricketts[10]; 14. 7JR-Robert Black[16]; 15. (DNF) 18P-Payton Pierce[8]; 16. (DNF) 35T-Tyler Robbins[11]

B Feature 2 (15 Laps): 1. 1-Sammy Swindell[14]; 2. 55D-Nick Drake[6]; 3. 37X-Tim Kent[1]; 4. 9E-Brody Roa[4]; 5. 05T-Gary Taylor[13]; 6. 7T-Tanner Berryhill[12]; 7. 10C-Dalton Camfield[3]; 8. 17D-Alex DeCamp[7]; 9. 88W-Chad Wheeler[15]; 10. 4M-Ty Hulsey[16]; 11. 14D-David McIntosh[8]; 12. 4K-Josh Lakatos[5]; 13. 4F-Chad Frewaldt[11]; 14. 82-Eric Johnson[9]; 15. 70K-Kevin Olson[10]; 16. (DNF) 8-Alex Sewell[2]

A-Feature: Top 3 advance to Saturday’s A-Feature.

A Feature (25 Laps): 1. 97-Rico Abreu[6]; 2. 63K-Chris Windom[1]; 3. 1ST-J.J. Yeley[4]; 4. 8K-Blake Hahn[3]; 5. 1-Sammy Swindell[18]; 6. 73T-Trey Marcham[2]; 7. 17C-Casey Shuman[8]; 8. 51X-Colby Copeland[23]; 9. 91T-Tyler Thomas[9]; 10. 11W-Brady Bacon[13]; 11. 92-Brenden Bright[16]; 12. 68W-Jake Swanson[5]; 13. 5E-James Edens[19]; 14. 1T-Tony Roney[7]; 15. 88J-Jace VanderWeerd[17]; 16. 9E-Brody Roa[24]; 17. 38-Justin Grant[10]; 18. 19L-Landon Hurst[21]; 19. 37X-Tim Kent[22]; 20. 66-Shane Cockrum[11]; 21. 55D-Nick Drake[20]; 22. 7B-Austin Brown[14]; 23. (DNF) 75X-Travis Berryhill[12]; 24. (DNF) 62T-Taylor Simas[15]

Lap Leader(s): Chris Windom 1-14; Rico Abreu 15-25;

 

Roberto Del Papa – @papix27