Angelelli-Taylor sbancano Laguna Seca: allungo decisivo in campionato?

Giusto il tempo nella prima mezz’ora di illudere gli avversari di poter aspirare alla vittoria, poi Max Angelelli e Jordan Taylor hanno ucciso la gara mettendo in mostra un passo devastante. La prova di forza della Dallara-Chevrolet del Wayne Taylor Racing, soprattutto con il giovane pilota americano alla guida, è stata impressionante ed è arrivata nel momento decisivo della stagione: manca un solo appuntamento alla fine e con questa prestazione l’equipaggio #10 porta il proprio vantaggio in classifica a otto punti su Scott Pruett e Memo Rojas, secondi al traguardo e in campionato anche grazie all’aiuto dei compagni di squadra “ospiti” Dario Franchitti/Scott Dixon, terzi alla fine dopo aver lasciato passare la vettura #01.

La gara inizia subito con una sorpresa, un problema che costringe ai box la Mazda #00 di Joel Miller (in lotta per il titolo GX) e Tristan Nunez. Davanti è lotta serrata per la testa tra Westbrook, Angelelli, Franchitti e Cameron, che esce di pista alla penultima curva autoeliminandosi dalla battaglia. Mezz’ora dopo il via la Lotus Evora di Mosing/Dollahite (al debutto nella categoria GX) lamenta un problema al cambio che la costringe al ritiro mentre viaggiava seconda di classe.

Per spotare la vettura ferma sul rrettilineo esce la bandiera gialla. La prima caution di giornata è la chiave di volta della corsa: tutti rientrano ai box e Angelelli lascia l’abitacolo a Taylor, che all’esposizione della bandiera verde inizia ad inanellare giri veloci a ripetizione costruendo un divario consistente sugli inseguitori.
Anche nella categoria GT la classifica si muove: la Chevrolet Camaro di Edwards/Liddell affronta un pit stop poco felice e regala la testa ad Alessandro Balzan, in lotta per l’iride.

A trenta minuti dal termine la BMW #94 di Auberlen/Dalla Lana si insabbia causando la seconda bandiera gialla. Quando ne mancano diciotto si riparte, salvo poi incappare in una nuova neutralizzazione quando, sei minuti dopo, Brandon Hartley viene speronato da Dane Cameron e impatta contro le gomme in curva quattro. In entrambi i casi la Chevy nera e rossa dei leader assoluti vede azzerato e ricostituisce il proprio vantaggio, tagliando il traguardo in solitaria e aggiudicandosi la gara.

Tra le GT la spuntano Andy Lally e John Potter su Porsche, mentre Balzan (in coppia con Leh Keen) subisce nell’ultimo giro il sorpasso di Patrick Long e chiude quinto, ritrovandosi per otto lunghezze dietro proprio a Lally/Potter in classifica.
Per quanto riguarda la classe GX, sono Tom Long e Sylvain Tremblay a vincere la corsa, mentre Jim Norman (secondo al traguardo) allunga in campionato su Joel Miller.

L’ultimo evento della stagione e della storia della Grand-Am per come la conosciamo è programmato per il weekend del 26/27/28 Settembre sul tracciato di Lime Rock.

Ordine d’arrivo:

photo (1)

 

photo

 

Classifiche:

photo (2)

 

photo (3)

 

photo (4)