Spa 24H – 6° ora: Mercedes leader della notte

DSC_1150-copy

[message_box title=”SPA 24h Special Coverage by Racinglife.nl” color=”green”]In occasione della 24 Ore di Spa Motorsportrants.com ha dato vita a una speciale collaborazione con gli amici belgi Racinglife.nl per fornirvi una copertura dell’evento direttamente dal tracciato delle Ardenne. Oltre a visitare racinglife.nl potete seguirli anche su Twitter su @racinglife_nlbe[/message_box]

E’ quasi notte a Spa ed è Stef Dusseldorp, con la sua Mercedes Rowe #99 a comandare le danze dopo che Laurens Vanthoor ha fermato la sua Audi #1 a bordo pista alla curva 15. Tanto il tempo perso per riportare la vettura ai box e anche per lui, come per Vilander nelle battute iniziali, una moltitudine di posizioni perse. Ma ansiamo a vedere cos’è successo tra le 18:30 e le 22:30.

Dopo poco dopo le tre ore, un forte scroscio di pioggia ha costretto la direzione corsa a neutralizzare la gara, ancora una volta, con la safety car. Probabilmente una buona decisione, dato che all’inizio dell’arrivo della pioggia la Nissan MRS #73 era andata fuori pista in acquaplaning. Troppi i danni, impossibile riportare la vettura in pista e così il team MRS ha dovuto alzare bandiera bianca. Incidente anche tra la Audi WRT #3 e la Ferrari AF Corse #53, che ha portato di nuovo in pista la vettura di sicurezza, che in questa 24 ore sta facendo ben più degli straordinari, per ben 40 minuti. Penalità per la Bentley HTP #84 per sorpasso in regime di safety car, ora la vettura inglese si trova in ottava posizione assoluta.

Screenshot 2015-07-25 23.48.38

 

La quarta ora è andata via abbastanza liscia, l’unico inconveniente si è avuto con l’incidente, a 3 ore e 42 minuti, della Mercedes #70 di Alexey Karachev, giratasi sulla vecchia finish line. Tre minuti dopo di nuovo bandiere verdi in pista con l’Audi WRT #1 al comando con Laurens Vanthoor, che ha preso il volante dopo l’eccellente stint di René Rast. Nella classe Pro Am la BMW #78 del Team Russia comanda la classifica, mente in AM è l’Audi Parker #24 a menare le danze.

Screenshot 2015-07-25 23.55.43

 

Anche la quinta ora di gara ha visto protagonista la safety car, ormai autentica mattatrice della maratona belga. Dopo il crash di Filipe Salaquarda con Audi R8 LMS #89 della ISR all’uscita di Blanchimont, i commissari sono dovuti intervenire per sistemare le barriere e persi altri 40 minuti di gara così. Al comando c’è ancora L’Auri WRT #1 di Laurens Vanthoor, davanti ad Augusto Farfus (BMW Z4 #45 del Marc VDS) e Daniel Juncadella (Mercedes SLS AMG Rowe #99). La prima vettura in classe Pro Am è ancora un’Audi, la #4 di Bottemanne, mentre tra gli amatori la leadership è ad appannaggio di….un’Audi, questa volta la #24 del Team Parker Racing con Benny Simonsen al volante.

Screenshot 2015-07-26 00.03.22

 

Con l’arrivo della sesta ora l’oscurità prende il sopravvento sul circuito di Spa. Il primo colpo di scena arriva con Ryan Ratcliffe che parcheggia la BMW Z4 #888 del Triple Eight Racing nelle gomme (appena risistemate…) del muretto di Blanchimont, così da dar modo alla safety car di entrare ancora una volta, la quinta, ma se per soli 12 minuti. Stavolta è andata bene! Contatto tra la Ferrari Kessel #11 e Mercedes Black Falcon #29, ma la vettura di sicurezza è stata richiamata per l’ennesima volta in pista dall’uscita del leader Laurens Vanthoor (Audi WRT #1) alla curva 15. Ne approfitta Daniel Juncadella, che porta la Mercedes #99 al comando, cedendola poi a Stef Dusseldorp. In Pro Am comanda la Ferrari AF Corse #51 mentre in AM continua il dominio dell’Audi Team Parker #24. Intanto continua il recupero della BMW Roal #9 di Alex Zanardi, Bruno Spengler e Timo Glock, saliti ora in 13esima posizione.

Screenshot 2015-07-26 00.13.09