Falsa partenza

Vettel precede Bottas nel GP Belgio: zero punti per il ferrarista (© Getty Images)

 

A cura di Ermanno Frassoni

[divider]

SPA FRANCORCHAMPS – Di false partenze, tra le colline delle Ardenne, ce ne sono state diverse, eppure niente di significativo è accaduto al primo pronti-via della stagione gestito in autonomia dai piloti, se si escludono l’avvio a rilento di Rosberg e i kappaò tecnici che hanno tarpato le ali a Hülkenberg e Sainz Jr. nelle fasi di schieramento. Una falsa partenza dopo le gioie di Budapest, semmai, l’ha ingoiata Vettel, rimasto vittima dell’esplosione dello pneumatico posteriore destro, per la cronaca lo stesso polverizzato da Nico il venerdì, quando alla bandiera a scacchi del Gran Premio mancavano meno di due tornate. La Ferrari del tedesco, provvista di gomme medie, di giri con il medesimo set ne aveva macinati quasi trenta, un azzardo (o una strategia come sostiene Arrivabene) che a conti fatti non ha pagato. Troppo magro, in ottica iridata, il bottino del «rinnovato» Raikkonen, impossibilitato fin dal principio a pensare di contendere il podio a Grosjean. I tifosi di Ri-Hamilton, vincitore davanti a Rosberg, ringraziano la «cura» della popstar Rihanna, stavolta senza trattino, che ha forse contribuito al «top job» dello spasimante. Un po’ di show in zona Williams e Red Bull, vedi Bottas spedito in pista con tre gomme soft e una media (!) e Ricciardo ammutolito alla chicane Bus Stop; l’autobus, si sa, non è come il postino e di rado passa due volte.

Twitter @Fra55oni