Barcellona, L’analisi del quinto giorno di test.

Mark Webber e la Red Bull dominano la scena nella prima giornata dell’ultima sessione di test pre-stagionali (quinto giorno di prove a Barcellona).
Leggendo la classifica di oggi e guardando ai pesanti distacchi inflitti dal pilota australiano, potrebbe sembrare un mondiale già segnato prima ancora del suo inizio, invece (e per fortuna) si tratta di test e quindi i risultati vanno presi con le molle.
Ciò vale soprattutto per la giornata odierna caratterizzata da condizioni meteo variabili con evidenti ripercussioni sull’evoluzione del grip della pista.
Al mattino i team sono stati accolti da temperature basse, cielo scuro e pioggia intermittente per cui i piloti hanno utilizzato a fasi alterne le full wet e le intermedie. Approfittando di una finestra di tempo più clemente Hamilton, Massa e Vergne hanno firmato i tre migliori tempi della sessione mattutina montando le intermedie e lasciando Webber (primo tra quelli ad aver adoperato le full wet) ad oltre due secondi. In ogni caso l’1.41.614 di Hamilton rimaneva ad oltre 20 secondi dai migliori tempi realizzabili sull’asciutto, proprio a testimonianza delle difficili condizioni della pista che tradivano Grosjean e Gutierrez, entrambi autori di uscite di pista.
Dopo la pausa pranzo ha smesso definitivamente di piovere e l’asfalto si è progressivamente asciugato tanto da consentire il ritorno alle intermedie e finalmente il passaggio alle slick (soft e medie).
I tempi sono via via scesi sino all’ 1.22.693 di Webber distante soli 8 decimi dal miglior tempo ottenuto la scorsa settimana da Perez. Mark si è dimostrato certamente a suo agio oggi e ha sfruttato benissimo una Red Bull come al solito precisa e stabile, ma non ingannino i distacchi di altri tempi inflitti alla concorrenza.
L’australiano,infatti, si è concentrato su run molto brevi, ha ottenuto il miglior tempo con gomme soft nel momento più favorevole per quanto riguarda le condizioni (meteo e di asfalto) della giornata odierna.
Altri,invece, hanno svolto programmi diversi: Grosjean,ad esempio, che in classifica risulta addirittura ultimo staccato di oltre 12 secondi, al pomeriggio ha girato pochissimo e praticamente non ha mai montato le slick.
Hamilton, secondo con un distacco di 1 secondo e 6 decimi, e Massa, ottavo a quasi 5 secondi, hanno completato una simulazione di gara durante la quale sono partiti con le intermedie per passare poi negli ultimi stint alle slick: quando lo hanno fatto avevano comunque un buon quantitativo di benzina a bordo, non hanno potuto spingere al massimo dovendo preservarle perchè,appunto, impegnati in long run e soprattutto in quella fase la pista andava ancora asciugandosi.
Inoltre Massa (che ha compiuto con le intermedie un primo stint lunghissimo: ben 32 giri!) si è fermato in pista alla curva 9 proprio nelle fasi finali della sua simulazione di gara (problema tecnico o prove di pescaggio della benzina?) richiamando l’esposizione della terza bandiera rossa della giornata quando mancavano ormai solo 20 minuti alla conclusione della sessione.
Alla ripresa delle ostilità (ci trovavamo a quel punto nel momento migliore per quanto riguarda le condizioni della pista) alcuni (tra i quali Di Resta, Grosjean e,appunto,Massa) non sono scesi o non hanno potuto scendere in pista, altri (come Hamilton,Perez,Gutierrez e Bottas) si sono concentrati su long run.
Ecco che nessuno di questi ha potuto sfruttare al meglio il momento favorevole e di qui i distacchi impressionanti inflitti da Webber: Vergne è terzo a 2 secondi e tre, Bottas, Perez e Gutierrez seguono tutti a circa 3 secondi e otto decimi, Di Resta è settimo a 4 secondi e 4 decimi.
Nella lotta dei “piccoli” Chilton precede ancora una volta Pic, ma siamo abbondantemente sopra i 5 secondi di distacco dalla vetta.
Anche domani dovrebbe esserci pioggia quindi alcune squadre hanno preferito cambiare il loro programma di lavoro: Williams, Red Bull e Toro Rosso hanno deciso di far girare,rispettivamente, Maldonado, Vettel e Ricciardo, uniformandosi alla turnazione dei piloti già prevista da Ferrari, McLaren, Mercedes, Sauber e Caterham (che quindi schiereranno rispettivamente Alonso,Button,Rosberg,Hulkenberg e Van der Garde).
Non cosi’ la Lotus che continuerà anche domani con Grosjean. Nulla hanno ancora comunicato Force India e Marussia: la prima ha finalmente ufficializzato l’accordo con Sutil che quindi potrebbe girare già domani, la seconda,invece, attende che gli sponsor di Razia saldino i pagamenti promessi e nel frattempo si cautela cercando una possibile alternativa (è circolato anche il nome di Kovalainen).
Di seguito vi proponiamo la classifica di oggi e il consueto prospetto dove,minuto per minuto,potete controllare tutti i tempi di tutti i run dei principali protagonisti: vi ricordiamo che nel prospetto il colore grigio indica che il pilota è fermo ai box, il colore salmone indica che il pilota è nel giro di rientro ai box,il colore celeste indica che il pilota è uscito dai box e si trova impegnato nel giro di lancio, il colore verde indica che il pilota è in pista impegnato in un giro lanciato -nelle caselle verdi troverete anche il numero del giro e il corrispondente crono-, il colore viola indica che il pilota ha appena migliorato il suo crono personale, il colore rosso indica che il pilota ha appena migliorato il miglior tempo assoluto di giornata.

Nuova immagine (12)

Nuova immagine
Nuova immagine (1)
Nuova immagine (2)
Nuova immagine (3)
Nuova immagine (4)
Nuova immagine (5)
Nuova immagine (7)
Nuova immagine (8)
Nuova immagine (9)
Nuova immagine (10)
Nuova immagine (11)