F1, Jerez day 3: Magnussen, buon sangue non mente

mcla-magn-jere-2014-3

Sembra quasi un monomarca Mercedes (intesa come power unit) la classifica del terzo giorno di test F1 a Jerez.

Quattro motori della stella a tre punte davanti a tutti, addirittura sei nei primi cinque: unico intruso è il motore Ferrari (Alonso è quinto).

Ovviamente sono solo test e siamo solo all’inizio: però è un dato costante di questi primi tre giorni la buona affidabilità dei Mercedes (unica eccezione pare essere la Force India, costretta oggi come ieri ad uno stop forzato).

Ne deriva che il power unit Mercedes è quello che anche oggi ha percorso più chilometri (ben 218 giri, cioè 54.5 giri per macchina: 97 i giri per i motori Ferrari- cioè 32.33 per macchina- e solo 43 per quelli Renault -appena 14.33 a macchina-).

Nelle lista dei tempi l’ha spuntata la McLaren: Button, che ha guidato la mattina, era il più veloce prima della pausa pranzo (a fine giornata Jenson sarà quarto); Magnussen, al debutto oggi al volante della Mp4-29, ha letteralmente impressionato avvicinando progressivamente i tempi del compagno di squadra per poi realizzare (con gomme medie) quell’ 1.23.276 che rappresenta il crono migliore di questa tre giorni.

La McLaren, la cui sospensione posteriore (coi triangoli sdoppiati e carenati) è stata già ribattezzata “butterfly suspension”, è la macchina che ha girato di più oggi (82 giri).

Al secondo posto un positivo Massa, all’esordio con la Williams: 47 giri per Felipe con un personal best realizzato proprio nelle fasi finali.

Terzo è Hamilton, che ritornava oggi al volante della Mercedes dopo l’incidente di martedì: il lavoro dell’inglese si è concentrato soprattutto in mattinata (alle 11.30 Lewis aveva già coperto 40 dei 62 giri compiuti oggi) con long run piuttosto consistenti con gomme hard.

L’1.23.952 che lo pone in terza posizione è arrivato nel pomeriggio con gomme medie.

Come detto in precedenza l’unica squadra motorizzata Mercedes che sembrare faticare un pochino è la Force India, rimasta anche oggi ferma in pista per un problema tecnico: Hulkenberg, anche lui all’esordio stagionale, si è fermato a quota 17 giri ottenendo il sesto tempo di giornata.

Anche la Ferrari F14T (che Alonso ha “saggiato” oggi per la prima volta) si è arrestata sul tracciato per un inconveniente tecnico, comunque risolto in tempi brevi. Lo spagnolo, secondo al mattino a circa mezzo secondo da Button (tempo ottenuto da Fernando con le medie), non ha più migliorato nel pomeriggio.

Lavoro di raccolta dati (con annessi e voluminosi sensori) ad inzio sessione, poi run perloppiù brevi nel resto della giornata: alla fine lo spagnolo ha percorso 58 giri (la distanza maggiore fin qui coperta dalla Ferrari nei test di Jerez).

Per quanto riguarda gli altri motori Ferrari, il programma della Sauber (34 giri) si è interrotto per un incidente senza conseguenze di Sutil (driver ok, macchina danneggiata), mentre finalmente la Marussia è riuscita a mettere in pista la nuova MR03 (vedi qui le immagini) percorrendo nel pomeriggio solo out-in.

Continuano, invece, i problemi per i motori Renault. La Caterham ha percorso solo una decina di giri, nessuno di questi cronometrato, mentre la Toro Rosso (che ieri non era riuscita a girare) ha messo insieme una trentina di passaggi, ma è rimasta ferma ben due volte all’uscita della pit lane.

Le noie di natura elettrica del motore Renault diventano ancora più evidenti nel caso della Red Bull, per via di problemi di surriscaldamento che affliggono le Rb10: Ricciardo oggi ha percorso solo due giri e ..mezzo (14 giri in tre giorni per il team campione del mondo in carica) ed è indicativo il fatto che Newey sia tornato in Inghilterra per cercare di porre rimedio al problema.

A seguire la classifica di oggi:
1. Kevin Magnussen (McLaren-Mercedes) 1m23.276s, 52 laps
2. Felipe Massa (Williams-Mercedes) 1m23.700s, 47 laps
3. Lewis Hamilton (Mercedes) 1m23.952s, 62 laps
4. Jenson Button (McLaren-Mercedes) 1m25.030s, 40 laps
5. Fernando Alonso (Ferrari) 1m25.495s, 58 laps
6. Nico Hulkenberg (Force India-Mercedes) 1m26.096s, 17 laps
7. Jean-Eric Vergne (Toro Rosso-Renault) 1m29.915s, 30 laps
8. Adrian Sutil (Sauber-Ferrari) 1m30.161s, 34 laps
9. Robin Frijns (Caterham-Renault) No time, 10 laps
10. Daniel Ricciardo (Red Bull-Renault) No time, 3 laps
11. Max Chilton (Marussia-Ferrari) No time, 5 laps