F1 SU SKY FOR DUMMIES…COME SOPRAVVIVERE AL DOPO MAZZONI E RAI

Un articolo che spero sia di aiuto ai tanti amici che dal prossimo anno si troveranno a decidere come seguire i gp in tv. Grazie al nostro amico @sacco89 (seguitelo su twitter), abbiamo ricostruito i vari passaggi che l’appassionato dovrà affrontare…oppure no.
Eccovi le dritte

Mi è stato chiesto di scrivere quest’articolo per analizzare il panorama che si prospetta all’appassionato di F1 per la stagione ventura: con il passaggio della F1 su Sky ed il recente annuncio della pay-tv delle nuove tariffe 2012/13, è necessaria una sintesi per aiutare lo spettatore che, dopo anni di Gran Premi in chiaro sulla RAI, deve affrontare l’onerosa questione del fare o meno l’abbonamento a Sky.
Il punto saliente del contratto tra FOM e Sky Italia è la criptazione di 11 dei 20 GP, 9 saranno ancora in chiaro; non si sa ancora se, come molti danno per certo, sarà la RAI ad acquistare i diritti di quest’ultimi, o se Sky deciderà di sfruttarli per aumentare la reputazione del suo canale gratuito Cielo (canale 26 del digitale terrestre).
Intanto una breve introduzione, sia per gli abbonati che per i novizi a Sky: quest’ultima, con le nuove disposizioni, ha “riformato” l’offerta, suddividendo i precedenti pacchetti in nuovo modo. Andiamo a vedere.
Di base, obbligatorio nell’abbonamento, c’è il pacchetto Sky TV: esso include ciò che erano i vecchi pacchetti News, Intrattenimento e Lifestyle, ovvero i canali di notizie (italiani, europei e mondiali), i canali come SkyUno, Fox, AXN o GXT, che trasmettono programmi di intrattenimento, serie TV e cartoni animati per un pubblico adulto (come Simpson e Griffin), ed i canali come Real Time, Alice, Gambero Rosso (viaggi e cucina, Lifestyle per l’appunto).
Per avere più canali generalisti è disponibile Sky Famiglia, con documentari, canali musicali e per bambini (es. Disney Channel), o Sky Cinema, con una decina di canali che trasmettono film in anteprima senza pubblicità.
Il secondo pacchetto che dobbiamo considerare è il pacchetto Sky Sport: questo pacchetto contiene i canali sportivi, come Sky Sport 1 e 2, ESPN ed Eurosport. Questo è il pacchetto per noi più importante: solo con esso potremo vedere Nascar, Indycar, DTM e l’agognata F1 ( e dal 2014 anche la MotoGP); oltre a questo si possono vedere una miriade di altri sport. Per i calciofili include anche (al momento in cui scrivo) l’esclusiva della Champions (a parte la solita partita in chiaro su Mediaset) e, come per gli anni passati, l’anticipo, il posticipo ed una partita domenicale della Serie A (scelta da Sky, ovviamente). Per chi vuole di più c’è il pacchetto Sky Calcio, che non prenderò in esame.
Le ultime due opzioni riguardano l’HD, che non sarà più incluso come una volta, ma si pagherà a parte: l’opzione HD include Sky Go, per vedere alcuni canali Sky in streaming sul proprio computer o su tablet/smartphone. Non si sa ancora se la F1 sarà disponibile secondo questa modalità.
La seconda opzione riguarda il 3D, che non approfondiremo poiché la F1 dipende dalla regia FOM, se non decideranno loro di offrire i GP in 3D, Sky non ci può far nulla.
Contrariamente alla RAI, invece, Sky mostrerà le varie prove libere, ci saranno funzioni interattive e, pare, avrà un canale dedicato alla Ferrari, come già faceva nel 2008, quando aveva Marc Gené, allora collaudatore della Rossa di Maranello. come commentatore tecnico. Chi vedeva nella fine dell’egemonia mazzoniana un ridimensionamento del tifo Ferrari, sembra resterà deluso. Tuttavia dovrebbe aumentare il livello della telecronaca dal punto di vista tecnico…
Spero di avervi spiegato chiaramente l’offerta di Sky… Ora veniamo alla nota dolente, i prezzi.
L’appassionato di F1 che vuole vedersi in santa pace, nel salotto di casa tutti i GP in diretta dovrà sborsare 19€ per il pacchetto TV base, più 14€ per il pacchetto Sport: fanno 33€ al mese. In molti casi dirà “ho una TV Full HD e voglio gustarmi le gare al meglio”, oppure “sono sempre in giro, vorrei seguire le gare sul mio tablet“: nessun problema, sono 5€ in più, per un totale di 38€ al mese.
E se avete dei bambini che vogliono i cartoni animati, una fidanzata/moglie che si guarderebbe volentieri qualche film, sono rispettivamente 5€ per il pacchetto Famiglia e 15€ per il pacchetto Cinema, da aggiungere ai precedenti, sempre al mese.
Discorso a parte per i calciofili: per la gioia di godervi tutte le partite dei maggiori campionati europer direttamente da casa vostra, dovrete sborsare altri 14€ al mese, ma attenzione! Se volete sia Sport sia Calcio, oltre all’HD, vi vengono offerti per la modica cifra di 20€, ovvero 39€ al mese con la base, ma solo per un anno. Poi tornerete a pagare 52€ al mese.
A questo vanno aggiunti 50€ una tantum per l’installazione di parabola e decoder, che diventano 99€ volete il MySky HD, un decoder contenente un disco fisso capace di registrare i programmi ed offrire contenuti on-demand per vederli quando preferite.
In definitiva, se volete vedere la F1, completa ed in diretta, spendendo il meno possibile, sono 50€ di attivazione, in seguito 33€ al mese. Se volete l’alta definizione, saliamo a 38€/mese.
Riprendo l’eccellente articolo di Autosprint del 3/7, intitolato “Gli Scrocconi dei GP”, per farvi presente che, in Gran Bretagna, il costo è simile, £30 al mese, ovvero 37€. La BBC, che ha 10 GP in chiaro (un rapporto pari con Sky, contro gli 11 criptati e 9 in chiaro previsti dal contratto italiano, ipotizzando 20 eventi a stagione anche per il 2013), mostra, per le gare non previste, le qualifiche in differita il sabato sera, ed una sintesi del GP la domenica sera (chi ha mai visto gli highlights BBC sa quanto sono esaustivi).
Che siano tanti o pochi, spetta ad ognuno di voi determinarlo e decidere se spenderli, bisognerà anche vedere cosa offre la rete. Il mio consiglio è di attendere, verrà probabilmente fuori una promozione dedicata alla F1, così come hanno fatto per il Calcio e/o per le Olimpiadi, potrete poi decidere se ne vale la pena.
Se non vorrete abbonarvi, scelta più che legittima, ecco cosa vi attende: vedrete in chiaro quasi un GP su due, probabilmente i restanti in differita, magari a pezzi. Se siete in grado di sopperire con lo streaming, posto che 1 la qualità è inferiore, nel 90% dei casi, alla normale definizione TV 2 fino a qualche ora prima dell’inizio, non si sa se, come e dove si troveranno degli stream funzionanti 3.Lo streaming, per funzionare al meglio, richiede un’elevata quantità di banda, dimenticatevi chiavette internet e connessioni 3G 4.la telecronaca, nel migliore dei casi, è in inglese, ma spesso si trovano solo stream con telecronache in lingue profane (anche se le malelingue direbbero che è comunque meglio che ascoltare Mazzoni&co).
Se i quattro precedenti punti non vi spaventano, o vi spaventano meno di una trentina di euro al mese, siete già a posto. Altrimenti ne riparliamo tra 6 mesi.

Link alle tariffe Sky (PDF)
www.sky.it/offerta-sky/prezzi-promozioni/listino-prezzi.html