Categorie
Formula 1

F1: Van Der Garde vs Sauber, a cosa punta?

bild_span12

La tragicomica vicenda di Van Der Garde contro la Sauber, al di là dell’assurdo già raggiunto fin’ora – due processi favorevole all’olandese che comunque non può correre per via della mancata superlicenza -, porta a fare qualche riflessione. Perchè, al di là dello show e dei pettegolezzi, a chi giova tutto questo casino?

Da una parte c’è la Sauber, che sotto l’ala della team principal Monisha Kalterborn è riuscita nella titanica impresa di mettere sotto contratto quattro piloti per due vetture, non riuscendo a tenere fede alla regola non scritta che i contratti in F1 si stracciano come e quando si vuole. Forse in questo caso è mancata la volontà, o la capacità, vai a vedere. Dall’altra c’è un lavoratore che reclama il suo posto di lavoro contrattualizzato. In mezzo la F1 di Bernie Ecclestone che, c’è da giurarci, non gradisce affatto tutte questa pubblicità. Almeno però non si parla più del crash di Alonso.

Oltre all’incazzaterrimo, e vien da dire anche a ragione, Giedo, anche Adrian Sutil avrebbe dovuto correre con il team elvetico quest’anno, ma il tedesco ha accettato una buon’uscita economica e amici come prima. Perchè con VDG non si è riusciti?

Che l’olandese si sia messo d’impegno è un fatto, dopo due gradi di giudizio a lui favorevoli è entrato di forza ai box Sauber, provando la tuta del povero Ericsson (perchè lui? Chi lo ha immolato?) e ha fatto il sedile, ben sapendo di non avere la superlicenza per correre il GP e che la Sauber avrebbe fatto di tutto per non fargliela avere. A che pro questa dimostrazione di forza che qualcuno ha letto anche come arroganza?

Mettiamo che Giedo riesca nel suo intento e che sia in pista a Sepang, ci sono alcuni punti poco chiari:

  • Che team troverà? La Sauber gli ha fornito un pass paddock non valido (è entrato grazie a Perez) e quando è entrato ai box i meccanici sono usciti per protesta. Come può correre in un team che non lo supporta?
  • La Sauber ha tirato per le lunghe in modo da non fargli avere la superlicenza, cosa potrà fare una volta che se lo ritrova in auto? Se la C30 di Giedo dovesse rompersi ripetutamente, chi ci toglie il dubbio che non sia una forme succube di mobbing?
  • La domanda più importante, però, è forse questa: Nasr e Ericsson corrono perchè pagano, Van der Garde? E, nel caso, chi decide quanto e per cosa?

Sono sottigliezze che qualcuno dovrà prima o poi spiegare, anche perchè l’ultimo che ha fatto il fenomeno in cerca di giustizia è finito ripudiato dal sistema, anche se, obiettivamente, il caso di Piquet jr era un bel pò diverso e più complicato. VDG che interesse può avere a correre per un team che,c’è da scommetterci, farà di tutto per mettergli i bastoni tra le ruote? Forse, ed è l’ipotesi più plausibile, punta ad un qualche risarcimento economico, magari da girare a qualche altro team. Ma, a quel punto, Giedo non rischia un “ban” dalla massima serie? Non è il primo pilota che ha problemi di contratto, ma è obiettivamente quello che ha creato più “problemi”…

Massimiliano Palumbo

giedo-van-der-garde-mono-sauber

Di Massimiliano Palumbo

Innamorato del Motorsport, appassionato di motori, talebano delle corse. Potete contattarmi via mail scrivendo a mpalumbo@motorsportrants.com, tramite Twitter menzionando @Palumbo_Max, oppure sulla pagina "Aforismi da corsa" su Facebook, o ancora su G+ al link qui sotto oppure su Instagram "palumbo_max"