F1 Weekly – Il parere di Fittipaldi sulla lotta al titolo 2016, Hulkenberg uomo Renault e…

Emerson Fittipaldi punta su Rosberg per il titolo, ma invita Hamilton a non desistere

nicorosbergf1grandprixjapanpreviewsblj3r2tztgflInterrogato dal Corriere della Sera circa il finale di stagione della F1, Emerson Fittipaldi – campione del mondo nel 1972 e 1974 – non ha dubbi: “Penso che quest’anno la vittoria sarà di Rosberg. Non so cosa stia succedendo a Hamilton, ma ha un talento naturale e non penso che debba arrendersi.
Ricordiamo che, dopo Suzuka, Nico ha accumulato un vantaggio di 33 lunghezze sul suo avversario che, nel frattempo, ha mostrato un atteggiamento insofferente e provocatorio con la stampa, atteggiamento che in molti hanno colto come un segno di “cedimento” a 4 GP dalla fine. La questione è quindi più che mai complessa, e oltre a Fittipaldi anche altri ex-piloti si sono espressi circa la lotta per il titolo 2016, come David Coulthard: “Penso che Hamilton sia stato il migliore negli ultimi 2 anni, ma le corse decidono il risultato e se Rosberg dovesse vincere il titolo non potrei dire che non se l’è meritato.” Discorso diverso invece di Mika Hakkinen, più incentrato sulla spettacolarità del duello che sugli esiti: “Penso che se Lewis dovesse riuscire a rimanere consistente per il resto della stagione, il finale sarà molto interessante.”

Per Fred Vasseur la Renault volterà pagina insieme a Nico Hulkenberg

jolyonpalmerf1grandprixjapanpracticeqqa6_sxbsbvlLa Renault in F1 ha spesso legato la sua storia a piloti dal palmares importante, come Jabouille, Arnoux, Prost e Alonso. Il ritorno del costruttore francese in questo 2016 non è stato dei più felici e proprio per questo si guarda con speranza alla prossima stagione e alla prossima line-up di piloti. Già, per il 2017 dovrebbero cambiare sia Palmer che Magnussen, sostituiti da Bottas e Hulkenberg. Ma mentre per Valtteri si tratta ancora di voci, l’arrivo del tedesco è ufficiale e viene spiegato così dal team principal Fred Vasseur: “Nico è uno dei piloti che hanno lasciato un impronta in questo sport, in particolare in GP2 e vincendo a Le Mans. Ha l’indole del leader e sa come motivare la squadra, oltre ad avere esperienza ed essere molto veloce. Da un punto di vista tecnico, un pilota esperto e sensibile può dare feedback più precisi al team, che di conseguenza lavora meglio e più velocemente. Siamo davvero contenti di avere Nico con noi.”

Ricciardo non nasconde il suo amore per Austin, circuito e città

danielricciardof1grandprixusaqualifyingqn-7xjzyzdrlDaniel ha la fama del bravo ragazzo che ama divertirsi senza esagerare. E soprattutto, sa far divertire la gente: in molti si ricorderanno di quell’insolita “livrea” di barba e baffi tenuta ad Austin 2 anni fa, in pieno stile texano. E se non fosse bastato quell’episodio, è proprio l’australiano a chiarire quanto gli piaccia la tappa americana: “Il circuito di Austin è fichissimo, lo adoro! Ha un sacco di peculiarità uniche, come l’apertura di curva-1 che permette il passaggio di 4 monoposto insieme. Ci sono tanti punti per sorpassare e per divertirsi, alterna sezioni veloci a tornanti e questo è proprio ciò che piace a me.” 
Ma l’idillio tra Daniel e la tappa texana non si ferma solo alla pista: “Anche la città di Austin è fantastica, mi piace la sua anima. I bar vecchio stile e le vie piene di musica sono super cool. Da Pete’s Piano bar e su Rainey Street si fa tanta musica locale e quest’anno voglio provare l’Hotel Vegas.”
Se tanto dà tanto, i problemi riscontrati dalla Red Bull a Suzuka sono già alle spalle.

In casa Haas non c’è fretta di prendere decisioni sul futuro di Gutierrez

f1grandprixofjapans5bmfs6hdyzlEsteban Gutierrez ha iniziato il Campionato 2016 di F1 al “singhiozzo”, ma nelle ultime corse ha mostrato un maggior adattamento alla monoposto italiana – naturalizzata statunitense – che gli ha fruttato delle buone prestazioni. Eppure, è uno dei 4 piloti che ancora non hanno racimolato neanche un singolo punto. Per questo il suo futuro in Haas appare nebuloso, pensando anche al fatto che il suo contratto è legato alla sponsorizzazione che porta alla Ferrari. Gene Haas però non ha fretta di decidere: “Esteban è un gran pilota ma noi non abbaiamo affatto fretta di fare annunci perchè semplicemente non ce n’è motivo. Vedremo come andranno le cose nei prossimi appuntamenti. Al momento ci sentiamo apposto con entrambi i nostri piloti ma come ho detto non abbiamo preso una posizione sul futuro di Esteban. Questo non vuol dire però che il prossimo anno non correrà per noi.”
A favore del messicano ci sarebbe anche una dichiarazione di Guenther Steiner, che per il 2017 vorrebbe un pilota esperto piuttosto che un debuttante al fianco di Grosjean.

Lance Stroll in Williams per il 2017, Jordan King in Manor per le libere di Austin

13686716_10153529593791222_5830847982662473797_nIl contratto tra il giovane canadese e la Williams è già firmato, e solo un cavillo con lo sponsor Martini – dovuto alla minore età di Lance – non ha permesso una presentazione ufficiale. Ma nel 2017, Stroll sarà alla guida della FW39 e la soddisfazione del padre Lawrence Stroll è palpabile: “Il suo successo in F3 è un risultato importante, ma sono soprattutto fiero di come si è gestito per raggiungere certi risultati. Non avete idea di quanto si sia impegnato dall’inizio della sua carriera, la strada è stata lunga e ardua in certi momenti ma l’approdo in F1 è il miglior premio e sono sicuro che avrà successo anche lì.”
E parlando di giovani, Jordan King farà il suo debutto in un week-end di F1 proprio ad Austin, guidando la Manor nelle prove libere. Definirlo entusiasta è riduttivo: “Prima di tutto, vorrei ringraziare il team per avere reso possibile questa occasione. È un altro bel passo nel mio cammino e i precedenti due test sulla MRT05 mi hanno spianato la strada per questo debutto. È un sogno che diventa realtà, ma devo anche effettuare un lavoro in auto e voglio assicurare alla squadra il maggior numero di feedback e dati per aiutarli a progredire.”

Nasr potrebbe rimanere in Sauber per il 2017

felipenasrf1grandprixitalyqualifyingb5mv7a1glmnlMan mano che si avvicina la fine della stagione 2016 di F1, diminuiscono i posti disponibili nelle varie squadre e aumentano le voci di corridoio sul futuro di chi una decisione ancora non l’ha presa. Uno di questi è Felipe Nasr: per il brasiliano si è parlato di contatti con Williams e Renault, ma a sua detta è probabile che il prossimo anno lo vedrà ancora al via con il team elvetico: “Abbiamo un contratto. C’è un’opzione da esercitare, ma al momento non abbiamo preso una decisione, si tratta di aspettare. Ho visto che il potenziale della Sauber è aumentato con l’arrivo dei nuovi investitori, cosa che lo rende un team promettente. Spero di poter annunciare presto quale sarà il mio futuro.”

Lorenzo Michetti