F1 Weekly – Rosberg verso il rinnovo, Arrivabene parla dei suoi piloti e…

European+F1+Grand+Prix+L8aSJw4LThGlIn Mercedes pare si lavori per tenere Rosberg nel team ancora 2 anni.

La situazione del tedesco ha alimentato varie voci nei mesi scorsi, che andavano dal passaggio in Ferrari al ritiro dopo il 2016. Ma secondo indiscrezioni di questi giorni, un’estensione del contratto di 2 anni sarebbe nell’aria, grazie anche al contributo di Gerhard Berger che avrebbe gestito i “dettagli” dell’accordo in una fase delicata della stagione di Rosberg. Lo stesso Niki Lauda, interpellato dalla Bild, ha dichiarato che “…un nuovo contratto di 2 anni è praticamente approvato, rimangono solo le ultime clausole. Nico si è ampiamente meritato il rinnovo sul campo.”

Maurizio Arrivabene parla del rapporto instauratosi con Raikkonen e Vettel in questo 2016.Maurizio+Arrivabene+F1+Grand+Prix+Bahrain+IvFiB3sGd8Vl

“Sebastian ha voluto fortemente questo posto in Ferrari, era la sua ambizione come quella di altri piloti. È aperto, meticoloso, un fanatico dei dettagli che lavora molto e penso che voglia restare con noi a lungo. Kimi ha dato un contributo importante per la classifica nella prima parte del 2016 ogni qual volta la vettura glielo ha permesso. Non lo considero inferiore a nessuno. È più introverso, ma nell’ultimo anno e mezzo ha iniziato a parlare di più ed è molto accurato nel descrivere le sensazioni di guida. Hanno caratteri differenti, ma entrambi sono ottimi professionisti e lo si può vedere quando le cose non vanno bene. Con loro ho un rapporto molto diretto e chiaro.”
Per quanto concerne il futuro, Maurizio è chiaro: con due terzi di stagione ancora da affrontare, dare risposte per il 2017 è quantomeno prematuro.

Bottas e la Williams: considerazioni sul futuro a breve e lungo termine.

Valtteri+Bottas+Canadian+F1+Grand+Prix+Practice+E4sSomHybHOlValtteri Bottas è sempre stato legato ad un management composto da Toto Wolff, Didier Coton e Mika Hakkinen, ma in una serie di dichiarazioni rilasciate al giornale Turun Sanomat, il finlandese ha ammesso che nell’ultimo periodo ha iniziato a gestire alcuni aspetti della sua vita in maniera più diretta seppur mantenendo gli stessi manager. Un modo come un altro per avanzare l’ipotesi di un cambio di casacca nel 2017? Bottas è lapidario: “La situazione è la stessa di prima:”
Nel frattempo la Williams si prepara ad affrontare l’imminente week-end austriaco con una punta di ottimismo, come si evince dalle parole del direttore tecnico Pat Symonds: “In questa fase della stagione con circuiti da alta velocità come il Red Bull Ring, possiamo trarre il meglio dalla FW38 e dalla power unit Mercedes. Il tracciato austriaco ci è stato favorevole in passato e ogni stagione si conferma così.” L’unico dubbio espresso dal tecnico inglese riguarda il meteo – variabile per venerdì e sabato – e le condizioni della pista, riasfaltata recentemente e definita molto più “stressante” per gli pneumatici.

Vijay Mallya è pronto a festeggiare ancora con la Force India.

European+F1+Grand+Prix+0miOxK0IdUZlDopo un inizio di campionato non proprio esaltante, gli aggiornamenti arrivati in Spagna hanno portato la Force India a fare il tanto atteso salto di qualità, concretizzatosi in due podi consecutivi del sorprendente Sergio Perez. Ora c’è da affrontare l’insidia dello “sdoppiamento” di lavoro tra il progetto del 2016 e quello del 2017, particolarmente importante e gravoso viste le novità regolamentari che stravolgeranno letteralmente le monoposto. Ma Vijay Mallya è fiducioso: “Ci sono state tante chiacchiere circa il 2017, ma la verità è che nulla ci impedisce di essere competitivi per il resto della stagione in corso. C’è ancora tanto potenziale nell’attuale progetto e si è visto chiaramente a Baku, dove abbiamo conquistato un podio con totale merito grazie all’impegno di chi lavora nel team e che ha contribuito a rendere questa fase forse la migliore nella storia della squadra. È stato magnifico constatare l’atmosfera positiva nella base di Silverstone. Ora però c’è da affrontare l’Austria, un appuntamento in cui puntiamo ad essere competitivi una volta di più.”

Secondo Grosjean, le temperature più calde saranno la chiave per il riscatto della Haas.

Romain+Grosjean+Canadian+F1+Grand+Prix+Qualifying+jLtX4s_NAXelIl team americano, “rookie” quest’anno in Formula 1, ha iniziato la stagione mostrando un buon potenziale che ha permesso vari piazzamenti in zona punti. Ma da Sochi in poi, quell’incantesimo si è spezzato e nella classifica costruttori la Haas è precipitata mestamente. Dopo Baku, è chiaro che la VF-16 soffre particolarmente le temperature più basse, con la formazione di “graining” sugli pneumatici. Ma con l’arrivo delle tappe europee in quella che viene definita come l’estate più calda degli ultimi decenni, sono in molti a ritrovare un minimo di ottimismo. Come Romain Grosjean: “È stato un peccato non conquistare punti a Baku, quel pit stop supplementare non ci voleva. Dobbiamo lavorare sulla gestione delle coperture con temperature più basse, ma è normale essendo questo progetto totalmente nuovo. Spero che vivremo una buona estate, non dovendoci confrontare con questo problema che ci permetterà quindi di sfruttare al meglio le mescole.”

Sérgio Sette Câmara proverà la Toro Rosso nei test di Silverstone.

1Prima volta che sentite questo nome? Niente paura: il brasiliano, 18 anni, compete nel campionato europeo di F3 con la Motopark ed è entrato nel programma giovani della Red Bull solo a inizio di quest’anno. Abbastanza tempo per dargli la possibilità di salire su una F1, nello specifico la STR11 di Carlos Sainz. Incontenibile l’entusiasmo di Sergio: “Non vedo l’ora di portare l’auto fuori dal garage, sarà un momento indimenticabile. Non è una cosa che succede tutti i giorni.” Ma il giovane brasiliano dimostra anche di avere i piedi ben piantati per terra: “È una grande opportunità che mi ripaga del lavoro svolto. È il mio primo test con una F1, ma conosco la pista di Silverstone e questo mi permetterà di essere concentrato principalmente sulla vettura.”

Lorenzo Michetti