F1 Weekly, verso Spielberg – Per Marchionne è super Vettel, Massa sprona la Williams e…

Sulle pagine di Motorsport Rants, la Formula 1 diventa un appuntamento «weekly»: news e curiosità dalla categoria regina. Testi a cura di Andrea Emanuele Aprile.

[divider]

FERRARI: MARCHIONNE ELOGIA VETTEL, FUOCO SULLA ROSSA NEI TEST IN AUSTRIA

Sebastian Vettel (© Getty Images)

 

Sergio Marchionne, presidente di FCA e deus ex machina della scuderia di Maranello, ha espresso parole di elogio per il suo pilota Sebastian Vettel. Su Motorsport.com il top manager di Fiat Chrysler Automobiles ha dichiarato: “Sebastian è coerente con quello che fa ed è un pilota completo. Siamo contenti di averlo nel team perché rappresenta un valore aggiunto per la squadra”. E come dargli torto, dopo tutto quello che ha già regalato ai tifosi del Cavallino? Rimanendo in tema, Antonio Fuoco è stato confermato come il pilota che testerà la SF15-T martedì prossimo, nella settimana immediatamente successiva al Gran Premio d’Austria in programma a Spielberg. I test si svolgeranno appunto al Red Bull Ring. Il diciannovenne calabrese è in questo momento impegnato nel campionato GP3 con il team Carlin e fa parte, ovviamente, del Ferrari Driver Academy. Sarà capace di approfittare della chance offertagli?

MASSA ALL’ATTACCO: “LA WILLIAMS PUO’ GIOCARSELA CON LA FERRARI”

La guida al limite di Felipe Massa nel GP Canada (© Getty Images)

 

Sono decisamente sicuri e motivati i piloti di Sir Frank Williams per questo fine settimana austriaco. In particolare, Felipe Massa è convinto che con gli aggiornamenti introdotti a Spielberg la sua vettura potrà competere ad armi pari con la scuderia di Maranello. Il brasiliano, ai microfoni di Autosport, dichiara: “Con l’ultimo upgrade saremo competitivi e potremo combattere con la Ferrari. Non so quando la Mercedes – fornitrice del motore per il team inglese – porterà degli aggiornamenti direttamente sul motore, ma quando lo farà saremo sicuramente più forti. La squadra sta andando bene, e in Austria ci troviamo a nostro agio. Dobbiamo fare pressione sulla Ferrari”. Proprio lo scorso weekend, Bottas ha conquistato il primo podio stagionale precedendo le Rosse di Raikkonen e Vettel. Il bis sui saliscendi del Red Bull Ring?

HULKENBERG DOPO IL SUCCESSO DI LE MANS: LUI FELICE, MALLYA AL SETTIMO CIELO

La vittoria sorpresa di Hulkenberg a Le Mans accende i riflettori sul team Force India (© Getty Images)

 

Come ormai saprete, Nico Hulkenberg, pilota della Force India, ha vinto la prestigiosa 24 Ore di Le Mans riportando la Porsche alla vittoria dopo 17 anni, ed è diventato il primo pilota di Formula 1 in attività a riuscire nell’impresa. Chi sorride di più è proprio Vijay Mallya, team manager e proprietario del team Force India in cui corrono i piloti Sergio Perez e – appunto – Hulkenberg. La vittoria del tedesco nella mastodontica 24 Ore della Sarthe porta una ventata di interesse da parte degli sponsor al piccolo team indiano che è sempre a rischio – quest’anno soprattutto – di chiudere le saracinesche. Da parte del tycoon cresciuto a Calcutta solo belle parole per il ventisettenne tedesco, fresco eroe di Le Mans: “Ha dimostrato il suo talento, e spero che questa vittoria lo renda più forte e sicuro di sé già a partire dall’Austria”. Nicolas – il suo vero nome, che forse solo Wikipedia conosce… – aggiunge con molta semplicità: “Sono contento di aver preso punti in Canada. Per l’Austria sono motivato. A Spielberg ho corso per la prima volta lo scorso anno e sono arrivato nono. In qualifica è tuttavia difficile indovinare il giro giusto. Il paesaggio, complici le colline della Stiria, è bellissimo”.

LOTUS GUARDA ALLA RED BULL IN CLASSIFICA GENERALE

Corpo a corpo tra Maldonado e Ricciardo nel GP Spagna: la Lotus è una minaccia? (© Getty Images)

 

Deve aver galvanizzato tutti i membri del team di Enstone vedere i due piloti – Maldonado e Grosjean – arrivare a punti nel Gran Premio del Canada. Effettivamente era dall’India 2013 che questo non accadeva. Tale risultato è sicuramente servito per dimenticare quel disastroso 2014, anno in cui le due Lotus incappavano in problemi ad ogni GP, un po’ come la McLaren-Honda in questa stagione. A tal proposito, Nick Chester, direttore tecnico del team inglese, ha lanciato la sfida alla Red Bull, attualmente quarta in classifica costruttori con 54 punti, 31 in più della Lotus. Su Autosport, Chester si è sbilanciato: “Per l’Austria siamo fiduciosi e anche per Silverstone siamo messi bene perché è un circuito di potenza. In vista dell’Hungaroring, invece, non abbiamo timori dal momento che abbiamo dimostrato di essere incisivi anche sulle curve lente. Spa e Monza rappresentano un ottimo banco di prova, dato che sono piste di motore. Sappiamo che la Red Bull ha incredibili risorse – economiche – ma con questo nuovo propulsore – Mercedes da questa stagione – possiamo contare sull’affidabilità e su aggiornamenti continui”. Insomma, per il tecnico inglese sembra tutto facile e a portata di mano. Come diceva qualcuno in un noto spot televisivo, forse l’ottimismo è il profumo della vita.

MARCIELLO SULLA SAUBER NEI TEST A SPIELBERG

Marciello in azione sulla Sauber nelle prime libere del GP a Barcellona (© Getty Images)

 

A proposito di colori italiani e sessioni di prove, il nostro portacolori più vicino alla massima serie, Raffaele Marciello, scenderà in pista con la Sauber a Spielberg in quanto terzo pilota del team svizzero. I test, di scena sul circuito di proprietà del gruppo Red Bull, vedranno il nostro connazionale alternarsi al volante della C34 con il pilota ufficiale Felipe Nasr. Per Raffaele, impegnato in GP2 con il team Trident, un’altra occasione per mettersi in luce davanti ai big della Formula 1. Ricordiamo che anche Marciello, nato a Zurigo da genitori italiani, fa parte del Ferrari Driver Academy.

IMOLA SI CANDIDA PER IL GRAN PREMIO D’ITALIA. RED BULL SHOW A MEXICO CITY

Michael Schumacher vola verso la pole position nelle qualifiche del GP San Marino 2006 (© AP)

 

E’ possibile, ma non scontato, che il 2016 possa segnare la fine di un’epoca: quella del Gran Premio di Monza. Dopo mesi di dibattiti, un’effettiva soluzione economica non si è ancora trovata e quindi non è escluso che la pista brianzola debba dire addio al grande Circus della Formula 1. Nel frattempo qualcuno si è fatto avanti, approfittando della situazione e presentando un progetto per sostituire il tempio della velocità, salvando quindi il GP d’Italia: stiamo parlando di Imola. Anch’essa storica come pista, fu la sede del Gran Premio di San Marino – anche se Imola è a tutti gli effetti sul suolo Italiano – debuttando nel 1981 e ospitando il suo ultimo evento nel 2006. Daniele Manca, sindaco di Imola, ha parlato in questi giorni con Mr E, e su Motorsport.com ha spiegato: “Il nostro obiettivo è quello di ritornare nella massima serie nel 2017. Ci sono problemi da risolvere; uno tra questi riguarda l’aspetto economico – lo stesso di Monza, ma tra i due autodromi potrebbe profilarsi un’alternanza… – in ogni caso Ecclestone è interessato al nostro rilancio e agli investimenti proposti”. Su chi puntare, dunque, nel confronto tra Monza e Imola? Cambiamo Continente: il Messico è pronto a ospitare nuovamente un Gran Premio grazie alla ristrutturazione – da parte del solito Tilke – della storica pista messicana intitolata agli “Hermanos Rodriguez”. Per celebrare questo evento, nell’ultimo weekend di giugno la Red Bull porterà una RB7 per i piloti Daniel Ricciardo e Carlos Sainz Jr allo scopo di allestire una dimostrazione sulla piazza Zocalo, la più grande di Città del Messico, per uno show-anteprima promosso dai “bibitari”.

Andrea Emanuele Aprile