F1 Weekly, verso Abu Dhabi – Hamilton vuole la vittoria, Vettel impressionato dai piloti Toro Rosso e…

Sulle pagine di Motorsport Rants, la Formula 1 diventa un appuntamento «weekly»: news e curiosità dalla categoria regina. Testi a cura di Paolo Gallorini.

[divider]

BREAKING: La Federazione Internazionale ha confermato che il progetto di un propulsore alternativo da introdurre nel Mondiale di Formula Uno dal 2017 è stato rispedito al mittente dall’apposita Commissione. Il recente veto Ferrari esercitato dai vertici di Maranello sull’imposizione di un tetto massimo di spesa per la vendita dei motori alle scuderie meno blasonate aveva infatti suggerito alla FIA l’idea di aprire un bando per una cosiddetta power unit “low cost” da fornire a prezzi calmierati. I costruttori impegnati nella massima formula avrebbero invece proposto di concentrarsi su quattro aree chiave strettamente connesse al discorso relativo alle power unit: la garanzia di fornire le proprie unità alle squadre interessate, la necessità di abbassare i costi delle forniture, la semplificazione delle specifiche tecniche e la ricerca di un migliore sound dei motori. Tali problematiche, assicurano i portavoce di Strategy Group ed F1 Commission, reduci questa settimana da una serie di meeting incrociati a Parigi, dovranno essere affrontate entro e non oltre il 15 gennaio 2016, ultima data utile per la presentazione di una proposta congiunta sui costi e sulle opportunità di fornitura dei V6 turbo-ibridi alle squadre clienti. Motore standard accantonato, dunque, e probabile ricorso a una soluzione di compromesso che possa accontentare chi rischia di restare senza un propulsore per la stagione successiva. Che la vicenda Red Bull abbia insegnato qualcosa? (Ermanno Frassoni)

[divider]

HAMILTON FIDUCIOSO IN VISTA DEL GP DI ABU DHABI

Hamilton bracca Rosberg nel GP Brasile: ad Abu Dhabi chi starà davanti? (© Getty Images)

 

Domenica prossima, ad Abu Dhabi, si correrà l’ultimo Gran Premio della stagione e Lewis Hamilton è intenzionato a tornare alla vittoria dopo due gare tutto sommato sottotono, seppur concluse entrambe al secondo posto. Lewis è stato il dominatore incontrastato del 2015, eppure non sembra tollerare che il suo compagno di squadra Nico Rosberg riesca, in talune circostanze, a batterlo. L’inglese, in particolare, non sopporta il fatto di non riuscire a ottenere la pole position addirittura dal Gp di Monza, ben sei gare fa. Il pilota della Mercedes è però molto fiducioso in vista del weekend in programma negli Emirati Arabi: “Yas Marina è davvero un posto fantastico per finire la stagione. Gli organizzatori hanno fatto molti sforzi per realizzare questo impianto spettacolare. La pista è molto impegnativa, ci sono lunghi rettilinei, curve veloci ma anche zone molto lente: trovare il giusto assetto non è semplice. Lo scenario in cui si svolge la gara è unico: si parte al tramonto e si termina sotto i riflettori che illuminano il tracciato”. Hamilton ha poi aggiunto: “L’anno scorso qui mi giocavo il mondiale e la notte prima del Gran Premio non avevo dormito molto. Quest’anno arriverò fresco e riposato, cercando di conquistare la vittoria per tutti i fans che sono arrivati qui per sostenermi: sono davvero unici e sarebbe il modo migliore per chiudere una stagione incredibile”.

GROSJEAN CAPEGGIA L’ESODO LOTUS VERSO IL TEAM HAAS

Romain Grosjean ha da tempo annunciato che il prossimo anno correrà con il nuovo team americano Haas F1. In questa nuova avventura il pilota francese, attualmente impegnato alla Lotus, sarà seguito da volti noti all’interno del paddock, come ad esempio il suo ingegnere di pista Ayao Komatsu. Romain ha dichiarato: “La Haas sta cercando personale con molta esperienza, così da sfruttare tutte le nostre conoscenze. Arriveranno ingegneri dalla Lotus ma anche da altre squadre”. Grosjean ritiene che la sua decisione di passare alla formazione a stelle e strisce sia stata fondamentale per convincere altri membri del team ad effettuare questa scelta: “Quando ho firmato con Haas molti si sono chiesti: ‘Romain è in un buon team come la Lotus, perché lo sta facendo?’. Poi hanno cominciato a pensare che se il loro pilota di punta ha preso questa decisione, quello di Haas deve essere un progetto interessante”.

VETTEL IMPRESSIONATO DAI ROOKIES DELLA TORO ROSSO

Il ferrarista Vettel sul podio della Race of Champions in compagnia di Kristensen (© Getty Images)

Sebastian Vettel ha ammesso di essere rimasto favorevolmente impressionato dai due piloti del team Toro Rosso. La scuderia di Faenza dispone infatti di una coppia di drivers estremamente giovane e competitiva. Max Verstappen, a inizio anno, è stato oggetto di pesanti critiche per via della sua giovane età e della poca esperienza. L’olandese ha però smentito tutti con una condotta di gara estremamente aggressiva che lo ha portato a conquistare due formidabili quarti posti in Ungheria e negli Stati Uniti. Vettel, nel corso di un’intervista, ha speso belle parole su di lui: “Max è sicuramente un pilota da tenere d’occhio. Nel futuro, noi della vecchia generazione dovremo vedercela sicuramente con lui. Quest’anno è stato molto aggressivo, a volte anche troppo, ma sta portando a termine una buona stagione”. Anche l’altro pilota Toro Rosso, Carlos Sainz Jr, è stato autore di un ottimo campionato. Purtroppo, soprattutto nella seconda parte, è stato vittima di numerosi problemi meccanici che gli hanno fatto perdere il confronto con il compagno di squadra. Il potenziale di Sainz è tuttavia estremamente elevato e con un pizzico di fortuna in più lo spagnolo sembrerebbe in grado di competere alla pari con lo smaliziato Verstappen. Ci sono poi voci che vorrebbero due top team del calibro di Ferrari e Mercedes fortemente interessate al figlio di Jos. A tal proposito, Christian Horner, team principal Red Bull, ha dichiarato a Sky Sport News: “Max è un pilota Toro Rosso, che fa parte del vivaio Red Bull. La finalità di questo progetto consiste nel portare i migliori piloti di questo team a correre per la Red Bull. Non voglio rilasciare dichiarazioni sul contratto di Verstappen ma, guardando al futuro, lo vedo al volante di una nostra vettura”.

SAUBER, IL BILANCIO DI NASR: “PIU’ VELOCE E REDDITIZIO DI ERICSSON”

Nasr al volante della Sauber sul circuito di Interlagos (© Getty Images)

Felipe Nasr ha riflettuto sulla sua prima stagione in Formula Uno rilasciando un’intervista al giornale brasiliano UOL, soffermandosi in particolare sul confronto con il compagno di squadra Marcus Ericsson: “Alla Sauber ci sono poche occasioni durante l’anno per portare a casa dei buoni risultati. Marcus è un buon pilota ma nel complesso credo di essere stato migliore di lui”. Felipe ha sottolineato di essere lui il driver di riferimento che ha portato i migliori risultati alla compagine svizzera in questa stagione, grazie innanzitutto al quinto posto di Melbourne e al sesto di Sochi, mentre il suo team-mate si è dovuto accontentare, al massimo, di un’ottava piazza. Se il confronto in casa Sauber, per quanto riguarda le qualifiche, è assolutamente in equilibrio, 9-9, in gara Nasr è stato autore di performances davvero positive, conquistando il triplo dei punti rispetto allo svedese Ericsson, che pure vanta una maggiore esperienza nelle maglie della massima formula per monoposto.

FORCE INDIA, HULKENBERG ALL’ATTACCO: “AD ABU DHABI PER LA TOP TEN NEL MONDIALE”

Per Hulkenberg obiettivo top ten nel Mondiale 2015 giunto all’ultimo atto (© Getty Images)

Con l’ottima prestazione nello scorso Gp del Brasile, il vincitore dell’ultima 24 Ore di Le Mans, Nico Hulkenberg, si è issato in decima posizione nella classifica mondiale, distanziando di tre punti i diretti inseguitori Grosjean e Verstappen. L’obiettivo del pilota tedesco, in vista dell’ultima gara, sarà proprio quello di confermare la posizione nella top ten iridata: “Noi della Force India arriviamo dall’ottima performance del Brasile e siamo fiduciosi di riuscire a riconfermarla a Yas Marina. E’ un posto fantastico per finire la stagione e il circuito è piuttosto impegnativo. Abbiamo già conquistato il quinto posto nel mondiale costruttori, è stato un grande anno per noi e voglio chiudere questa bella stagione assicurandomi il decimo posto mondiale”.

HARYANTO E KING SULLA MANOR NEI TEST PIRELLI DI ABU DHABI

La Manor ha annunciato che saranno i piloti Rio Haryanto e Jordan King a prendere parte ai test Pirelli che si terranno sullo Yas Marina Circuit il martedì successivo al Gran Premio. I due piloti militano entrambi nel campionato GP2 Series, occupando rispettivamente il 4° e il 12° posto in classifica generale. Per Jordan sarà la prima volta su una vettura di Formula Uno ed è trepidante all’idea di scendere in pista: “Questa stagione ho svolto il ruolo di collaudatore all’interno del team, ed è stata una fantastica esperienza. Grazie alle concomitanze di calendario tra GP2 e Formula Uno sono riuscito a trascorrere molto tempo con la squadra. In particolare, nei weekend di Austin e Città del Messico ho avuto la possibilità di immergermi completamente nell’ambiente del Circus iridato. Non vedo l’ora di provare la MR03B!”. Per Haryanto, invece, non si tratterà della prima volta al volante di una Formula 1. Nel 2010 e nel 2012, infatti, l’indonesiano ha già preso parte ai “rookie test” di Abu Dhabi: “Sono veramente contento di poter scendere in pista al volante della Manor. A livello professionale questa stagione mi ha fatto migliorare moltissimo e voglio mostrare a tutti i miei progressi”.

Paolo Gallorini