Categorie
Formula 1

GORDON MURRAY: LA F1 DI OGGI? DA RIPENSARE COMPLETAMENTE

Non usa giri di parole Gordon Murray e parla a ruota libera al giornale Motorsport sulla situazione attuale delle F1.
Il grande progettista dell’epoca d’oro della F1 di Brabham e McLaren, nell’olimpio tra i grandi assieme a Forghieri Barnard e Newey, dice chiaro e tondo che non è per nulla tentato a ritornare in una F1 connl’attuale situazione tecnica.
Ora impegnato nella costruzione di vettura a basso impatto ambientale, Gordon tra le sue idee in carriera annovera il ventolone del78,i primi dischi in carbonio,la scocca trapezioidale,la vettura a freccia del 1983,la sogliola del 1986 poi riproposta in McLaren nel 1988 che vinse 15gare su 16, la McLaren per Le Mans, la reintroduzione dei rifornimenti nel 1982,la monoposto senza radiatori (era sempre il 78 ma non corse mai).
Un genio…immaginatevi vederlo sfidare Newey oggi.

Per lui a parte le dimensioni, niente altro dovrebbe essere regolarizzato in F1 per poterla definire,come fanno molti oggi abusandone, il top della tecnologia.
Ma vediamo i vari settori presi in considerazione da Murray.

Aerodinamica:
Gordon ridurebbe l’importanza delle ali anteriori e posteriori. Troppo il carico che si perde seguendo l’avversario, specialmente nei circuiti moderni dove una curva medio lenta si butta in rettifilio. Troppo grandi ed inutili gli alettoni anteriori anche in caso di contatto laterale. Gordon interverebbe sulla parte centrale della vettura con la reintroduzione dei canali venturi ai lati della monoposto, allungando verso le ruote anteriori le fiancate. Anche senza le minigonne, un controllo dei condotti venturi porterebbe ad avere downforce nella parte centrale della vettura per circa l’80-90% andando cosi a limitare in dimensioni le ali.

Gomme:
Dovrebbero avere mescola più dura e longeva e la sezione frontale degli pneumatici dovrebbe essere più piccola in modo da aumentare gli spazi di frenata da 3/4metri a 10 andando a diminuire del 10-15% l’impronta a terra delle vetture. Per Gordon questo fattore abbinato alla sua proposta aerodinamica darebbe maggior importanza a chi ha una buona vettura e chi no per quanto riguarda la stabilità. Il diametro inoltre andrebbe aumentato per essere più vicino alle auto di tutti i giorni.

Tecnologia verde Kers:
Ridicolo,spazzatura.  La formula 1 per Murray per essere il top della tecnologia non deve dimostrarsi verde. Per quello ci sono le gare endurance. La F1 è per essenza una gara sprint.  L’attuale regolamento tecnico è assurdo, quasi ridicolo per Murray. Come si può definirsi top in tecnologia e top in tecnologia verde se poi tutti i kers sono uguali,i motori congelati e contingentati? Se si aprirebbe ad una formula consumo libera nelle tecnologie da usare allora si,altrimenti è solo uno sventolare,costosto, di bandierea di tecnologia verde.

Auto tutte uguali
Colpa dei regolamenti. La forma di una F1 in fase di progetto viene determinata da centro di gravità,centro di pressione,e layout delle masse maggiori (es motore,cambio e serbatoio carburante).  Il resto conta nulla. Bisognerebbe rendere possibile il movimento di questi parametri come succedeva negli anni passati per avere auto diverse. Troppo restrittivi i parametri costruttivi attuali, i regolamenti imbrigliano la fantasia dei progettisti. Tanto vale uscire tutti con auto uguali sarebbe più economico. Piccola postilla. Per Murray le F1 attuali non sono brutte…non c’è spazio per bello o brutto nel motorsport, non siamo ad un concorso d’arte

Riduzione costi
Per prima cosa, via le sospensioni in carbonio. Ora utili solo da un punto di vista aerodinamico e non tecnologico. Questo farebbe risparmiare soldi e praticità in caso di incidenti con pezzi di carbonio ovunque. Via freni in carbonio e soprattutto,con un diametro delle ruote maggiori non si spenderebbero capitali per studiare freni miniaturizzati non usati da nessun altra parte. Inoltre Murray trova ridicolo spendere ore e ore davanti al cad-cam per studiare un aletta di un alettone.

Insomma alla fine tornerebbe o no Murray in F1? Certo che no. Troppe le cose ridicole attualmente che si vedono nel circus, oltre al fatto che Murray lo vede come un capitolo chiuso della sua vita. Ma le sue idee andrebbero tenute in considerazione.
Riscrivere da zero tutto il regolemento tecnico sarebbe il primo passo. Consci comunque che oggi a chi comanda la f1 della tecnologia non importa nulla….ormai l’aspetto show della F1 va oltre l’aspetto tecnico..peccato,basterebbe poco per avere entrambe le cose.

Di depaillerontyrrellp34

F1 EDITOR + endurance,technical,history, editor
rturcato@motorsportrants.com
twitter: @rturcato83 @motorsportrants