GP della Malesia F1 – In risposta al direttore di Autosprint

Oggi il direttore di Autosprint Sabbatini dal suo sito ha scritto cose che condivido appieno in relazione ai fatti del gp della malesia. Questo è l’articolo che vi invito a leggere: http://blog.auto.it/autosprint/04/11/hamilton-e-alonso-una-penalita-antisportiva/#comment-1774

E queste sono state le mie due repliche su quello che penso sia la situazione , assurda, attuale in F1:  Non ci sono parole direttore. E pensare che tra i commissari (anche se so che non ha potere decisionale) c’era il nostro Emanuele Pirro, che sa cosa vuol dire guidare una F1 ed una vettura da corsa. Si finirà che alla fine i piloti non ci proveranno più…Ma è qui che invece i piloti dovrebbero fare la voce grossa.Invece di accettare senza dire nulla di tale penalizzazione, vero scempio al motorsport, dovevano ribellarsi e protestare. Non si può andare avanti così. Hamilton mi pare non si sia mosso e se non riusciva ad accelerare mica è colpa sua, ma della Fia che vuole queste gomme che si degradano così facilmente. Alonso ai 200km/h che poteva fare? E’ assurdo. E forse una protesta più vigorosa verso queste cose dovrebbero venire ancheda noi Tifosi e da voi giornalisti perchè cosi non si può continuare. L’essenza delle crose, l’arte del sorpasso, ma anche dell’errore umano, si sta perdendo. Forse è meglio che i commissari si preoccupino di come hanno omologato una pista con un terrapieno appena fuori traiettoria che ha fatto decollare Petrov, che di incidenti banali tra due piloti in lotta.
Non si può continuare così, anche in onore di quei piloti che hanno lottato edinfiammato le platee degli anni passati. Abbiamo in questo periodo una serie id piloti molto bravi in griglia, non riduciamoli a cagnolini ammaestrati. A proposito dell’ala mobile invece (di cui non sono affatto fan) ha ragione lei..la fia vuole si sorpassi proprio dove vuole lei. Basta vedere webber con kobayashi…l’ha superato prima dell’ultimo rettilieno rischiando buttandosi dentro in curva. Ma subito dopo nel rettilineo di partenza Kamui l’ha risuperato grazie all’ala mobile…Tanto valeva che mark aspettasse, ha rischiato per nulla. se magari gli stava dietro mezzo rettilineo poteva superarlo sul traguardo.Ma è questo che vogliamo? che i piloti superino solo dove vuole la Fia? o vogliamo vedere fantasia e azzardo nelle manovre? Io opto per la seconda scelta. E’ abbastanza uno scempio diciamocelo.