Guest Post: le Finali Mondiali Ferrari viste da un nostro lettore!

Il nostro lettore Lorenzo Giunti è stato alle Finali Mondiali Ferrari di domenica scorsa al Mugello e ha voluto condividere la sua esperienza con noi. Voi c’eravate? Intanto, a lui la parola!
[divider scroll_text=”SCROLL_TEXT”]

Innanzitutto vorrei ringraziare tutto il team di Motorsport Rants per avermi permesso di condividere con voi ciò che ho vissuto domenica al Mugello.

Vorrei parlarvi della mia esperienza alle Finali Mondiali Ferrari, ma prima di iniziare direi che è d’obbligo spiegare cosa sono. La Ferrari organizza tutti gli anni, in più continenti, un trofeo per i suoi clienti sportivi che possono mettersi alla prova nei circuiti più famosi di tutto il mondo e qualcuno ogni tanto riesce anache a diventare pilota professionista. Le Finali Mondiali sono l’atto conclusivo di questo trofeo, vengono piloti da tutto il mondo e in genere, ma non sempre, si svolgono qui in Italia. Quest’anno sono andate in scena al Mugello, non troppo distante da casa mia. Il circuito è a circa 40 km da dove vivo, così ho prenotato i biglietti senza pensarci troppo e domenica sono andato in pista compagnia dei miei cugini. Partenza in auto alle 8 di mattina, siamo arrivati a Barberino alle 9.15 e alla biglietteria alle 10.30… Vi lascio immaginare la fila kilometrica…e poi c’è gente che dice che la F1 non attira più!

La finale è stata una gara imprevedibile a causa di un meteo molto variabile, il vero spettacolo però c’è stato nel finale con la lotta per il secondo posto, ma vince le gare chi arriva primo e così campione del mondo nel Trofeo Pirelli si è laureato Philipp Baron. Complimenti!

Il vero spettacolo, però, è stato nel dopo gara, dove ben 15.000 persone (si avete letto bene, 15mila!) hanno festeggiato Felipe Massa con una hola gigantesca dalle tribune. Felipe e Genè hanno ringraziato il pubblico con una gara simulata, in cui Massa a momenti sfasciava la macchina del 2010 mentre Genè dava spettacolo sulla F60.

Durante lo show Felipe ha animato l’intero pubblico con un discorso bellissimo, nel quale ha ringraziato i tifosi e ha espresso tutto il suo affetto verso i tifosi e la Ferrari.

Finito lo spettacolo, la folla ha iniziato ad andarsene e così ne abbiamo approfittato per andare nel paddock per cercare di strappare qualche dichiarazione a Felipe o Marc, e sopratutto per cercare Merzario!! Dietro al box c’era una folla immensa, mi sono intrufolato e ho guadagnato un autografo a un Marc Genè che appariva divertito e allegro. Pochi minuti dopo si è avvicinata Sarah Winkhaus, che molto gentilmente mi ha fatto un autografo e alla mia domanda su come avesse iniziato mi ha risposto “con la politica interna, ma adesso mi trovo molto meglio con la F1!” Quando le presto il pennarello per l’autografo, con mia grande sorpresa lei mi chiede se voglio anche quello di Massa. Ovviamente dico di si e lei sparisce nell’hospitality Ferrari per qualche minuto. Ritorna con la mia maglietta autografata ma senza pennarello!

Poco dopo vediamo passare alcune persone che tornano a casa con le gomme usate dalle berline di Maranello in gara. Corsa d’obbligo allo stand Pirelli e pneumatici anche per me! Tornando a casa, poi, scorgiamo dietro la nostra macchina quella di Carlo Vanzini, che da dentro ci saluta e ci fa il segno dell’ok!

Non mi aspettavo una tale affluenza, gente nei box e le hospitality aperte alle famiglie. Mai avrei creduto ad Felipe Massa così contento e all’estrema disponibilità della troupe di SkySport! Insomma un’esperienza da ripetere e che deve essere da spunto per la F1 in generale!

Ringrazio ancora una volta gli amici di Motorsportrants per avermi concesso questo spazio, se volete potete seguirmi su Twitter “@loregiunti” e su Facebook “Lorenzo Giunti”.

Ciao e alla prossima!
Lorenzo

Questo slideshow richiede JavaScript.