Jerez, primo giorno: La McLaren, nel bene e nel male.

Primo giorno di test F1 2013 all’insegna della McLaren. Giornata dai due volti per lo storico team inglese (che quest’anno festeggia 50 anni di attività): problemi alla pompa di benzina hanno fermato la Mp4-28 dopo appena tre giri costringendo Button a rimanere inoperoso per diverse ore, ma dopo la pausa pranzo l’inglese ha avuto finalmente l’opportunità di ritornare in pista mostrando prestazioni eccellenti sia sul piano assoluto (Webber, secondo, è ad oltre otto decimi), sia sul piano del passo.

Problemi di affidabilità hanno fermato anche la Marussia (un problema alla sospensione posteriore ha originato un’uscita di pista di Chilton), ma soprattutto la Mercedes. Rosberg ha percorso solo 11 giri (tra l’altro portandosi in testa alla classifica provvisoria dei tempi), poi un problema di natura elettrica ha bloccato la sua Mercedes. Il tedesco non ha potuto più girare perchè si è resa necessaria una modifica che non poteva essere completata in tempo utile, la Freccia d’argento tornerà in pista domani con Hamilton.
Stakanovista di giornata con ben 89 giri Paul di Resta, che ha piazzato la sua Force India in quarta posizione a quasi un secondo e mezzo da Button.

Hanno girato molto anche Maldonado (84 giri con la Williams 2012 con alcuni aggiornamenti che vedremo sulla vettura 2013) e Ricciardo (70 giri): il venezuelano è nono a due secondi, il giovane australiano ha portato la sua Toro Rosso in quinta posizione a poco più di un secondo e mezzo.
Tanti Km (73 passaggi) anche per Webber, autore di un lavoro “oscuro” per larga parte del turno, fin quando ha piazzato quell’ 1.19.709 che gli vale la piazza d’onore in questa prima giornata di test.
Pur girando meno della maggior parte della concorrenza (“solo” 54 giri per Grosjean), ha colpito positivamente la Lotus: il pilota francese, terzo a nove decimi, ha dato l’impressione di trovare i tempi con facilità e costanza.

E la Ferrari? Sessione difficile da interpretare quella del Cavallini Rampante, con Massa (sesto a quasi un secondo e sette decimi) che ha completato soprattutto un lavoro di acquisizione dati con passaggi a velocità ridotta alternati a lunghe pause ai box. Stupisce che nel pomeriggio la Rossa abbia coperto solo 17 giri, proprio nel momento in cui la concorrenza sfruttava le migliorate condizioni di temperatura e grip per macinare Km e far scendere i tempi.

I test (soprattutto il primo) sono da prendere con le molle soprattutto perchè non si conosce il programma di lavoro portato avanti dalle diverse squadre, ma di certo a Maranello non saranno tanto soddisfatti di trovarsi dietro a Force India e Toro Rosso e appena davanti alla Sauber di Hulkenberg (settimo ad un secondo e otto decimi dopo aver coperto 79 giri).
Detto dei problemi della Marussia, completa il quadro la Caterham dell’olandese Van Der Garde che ha chiuso decimo con un distacco di tre secondi.

Ecco la classifica della prima giornata di test a Jerez:

Pos Pilota Team Tempo Giri
1. Jenson Button McLaren 1m18.861s 37
2. Mark Webber Red Bull 1m19.709s + 0.848s 73
3. Romain Grosjean Lotus 1m19.796s + 0.935s 54
4. Paul di Resta Force India 1m20.343s + 1.482s 89
5. Daniel Ricciardo Toro Rosso 1m20.401s + 1.540s 70
6. Felipe Massa Ferrari 1m20.536s + 1.675s 64
7. Nico Hulkenberg Sauber 1m20.699s + 1.838s 79
8. Nico Rosberg Mercedes 1m20.846s + 1.985s 11
9. Pastor Maldonado Williams 1m20.864s + 2.003s 84
10. Giedo van der Garde Caterham 1m21.915s + 3.054s 64
11. Max Chilton Marussia 1m24.176s + 5.315s 29

Domani si replica:Webber,Massa,Maldonado,Hulkenberg,Grosjean,Ricciardo,Van der Garde e Chilton proseguiranno il lavoro di oggi mentre avvicendamenti ci saranno in Mercedes (dentro Hamilton), McLaren (sedile a Perez) e Force India (Di Resta al mattino,Rossiter al pomeriggio). In basso l’immagine del problema alla Mercedes di Rosberg.
5110d6470448ce0cef800dad895a8c1b39f9948dbff3a