La gara fantasma: Petit Le Mans 2010

I giornali di settore in Italia non ne hanno nemmeno parlato…pensare di vederla in tv è un sogno…eppure alla Petit le Mans che si corre domani a Road Atlanta abbiamo 4 piloti italiani  in gara tra i più forti al mondo nel settore sportcars. Dindo Capello ed Emanuele Pirro per i veri appassionati non hanno bisogno di presentazione (in futuro preparerò un articolo su di loro) alcuna, Dindo è in lizza per la vittoria assoluta a bordo della sua Audi r15+, Emanuele lotta con una Lola del team Dryson subito dietro ai top team con la grinta e la voglia di sempre. Bruni è super in gt2 da anni ormai e Fisichella, anche lui su Ferrari gt2 come bruni, di certo a velocità non è da meno anche se al momento manca forse di esperienza ( e fortuna in certi casi) in gare come queste.

Aggiungiamoci poi che è la seconda gara dell’International Cup, la perenne lotta tra audi e pegeout, la lotta sempre aperta in gt2, l’esordio in gara della porsche gt ibrida, la bellezza ed il fascino di queste gare sempre molto movimentate ed un circuito sali scendi mozzafiato con una curva in discesa prima del traguardo che toglie il fiato…tutto questo non riusciremo a vederlo…a meno che di trovare qualche streaming in internet  (sarà mio onore passarvi eventuali link se li trovo, seguite il twitter del sito). Ormai ci siamo abituati, già non vediamo la IRL o la Nascar ad esempio, ma non è possibile avere ogni giorno una partita di calcio o altri sport sui canali digitali, e non avere la possibilità di poterci gustare questi avvenimenti motoristici top di caratura mondiale dove ripeto, tra l’altro, i nostri piloti italiani da anni vincono ripetutamente. Lo so che le cose non cambieranno mai…anche perché purtroppo ormai ho paura che in Italia si stia perdendo la cultura del motorsport. 

Always flat out TR83