Categorie
Formula 1 italia da corsa Mazzoniadi

LE MAZZONIADI – Mazzoni capo Hooligans Ferrari.

Perso il sabato per un matrimonio di un parente, con le Mazzoniadi questa settimana partiamo dalla domenica.

Inizia male Bortuzzo dicendo che è bello vedere circuiti storici che si adeguano alle modernità. Si, vero caro Bortuzzo, bello vedere una pista che non sembra più la stessa, stuprata della sua identità con una pit lane 2 piani sotto il livello della pista che non fa vedere le soste ai box a chi paga 400sterline per sedersi nel rettifilo principale. Se basta un palazzina box un po’ futuribile per definire bello un tracciato cari amici vuol dire che siamo messi male, ed il fatto che anche chi del settore la pensi cosi, vuol dire che siamo alla frutta…marcia però, rimasta nella fruttiera da tempo. Dopo l’esaltazione Alonsiniana che ha fatto un giro di pista con la vettura di Gonzales, quasi fosse stato lui ad aver vinto il primo gp quel giorno, che aria avrebbe tirato sulla telecronaca del gp lo si è capito da subito. Mazzoni descrive Silverstone come uno tracciato storico dove la Ferrari è sempre stata protagonista ed ha vinto il suo primo gp…Ed io che pensavo che Silverstone fosse storico anche per la prima vittoria Williams di Regazzoni nel 79 (che sabato Mazzoni , mi è stata detta da un amico, ha detto 77) per la prima vittoria per un telaio in carbonio del 1981 o per l’apparizione del turbo Renault…Niente, non possiamo chiedergli di più di quello che trova nei dvd Ferrari in uscita con la Gazzetta. A proposito li avete presi? Che poi Gianfranco si arrabbia.

Da quando si è paventanta una possibile buona gara di Ferando le grida da groupie impazziata si sono impossessate del buon Gianfranco nazionale. In pieno orgasmo motoristico pro Alonso, alla 150milionesima volta in cui Mazzoni ha nominato la parola Alonso, anche interrompendo senza motivo i suoi colleghi, ho spento l’audio della TV! Le Mazzoniadi perciò finisco al giro 32 di 52. Il fatto che il commento Rai sia affidato ad un invasato tifoso sfegatato della Ferrari ha ormai depauperato le parti basse di molti telespettatori. Non si sentono telecronache così di parte nemmeno nelle telecronache delle nazionale di calcio.

Non se ne può veramente più. Mancando la parte finale del gp faccio un salto alla GP2,le mazzoniadi della serie B. Avete mai notato come le telecronache si assomigliano tutte e sembrano avere un filo conduttore? Come uno schema da seguire

  • Idolatria di Jules Bianchi: il top mega driver esaltato sempre e comunque essendo terzo pilota ferrari e avendo come manager il figlio di jean todt.
  • Italiani: bravi si però sono italiani, parliamone ma fino ad un certo punto. Se c’è da dargli contro in Rai sono sempre pronti…volete mettere quanto più bravo è quel francese che si chiama Juels Bianchi terzo pilota ferrrari?
  • Grosjean: il gianburrasca, il mercenario, l’incostante. Bravo, con molta esperienza, ma volete mettere lui difronte alla bravura di Juels Bianchi? Non scherziamo
  • Van der Garde: l’eterna promessa, non come Jules Biachi solida realtà;
  • Coletti e la strana propensione (specilamente di brown star stella bruno) a rimanere in buoni rapporti con il team di Maurizio Salvadori.
  • Poi qualche citazione per coloni, il team rapax, Ceccotto pechè ha vissuto in Italia ma niente di più.

Fateci caso, le telecronache si assomigliano sempre e sono sempre uguali. Poi Bianchi ora addirittura lo intervistano anche durante le gare più dei piloti titolari e degli altri che sono in F1..Non mi stupire di vedere un poster di Jules nella cameretta di Mazzoni e Giovannelli…magari assieme ai poster di Alonso…appicciati sopra a quelli di Schumacher sia chiaro…che a Maranello poi si arrabbiano.

Alla prossima un abbraccio a tutti!

Di depaillerontyrrellp34

F1 EDITOR + endurance,technical,history, editor
rturcato@motorsportrants.com
twitter: @rturcato83 @motorsportrants