F1 Weekly – Presentata online la nuova arma Ferrari, Manor sceglie Haryanto e…

Sulle pagine di Motorsport Rants, la Formula 1 diventa un appuntamento «weekly»: news e curiosità dalla categoria regina. Testi a cura di Paolo Gallorini.

[divider]

 

SVELATA LA NUOVA FERRARI SF16-H

La nuova Ferrari SF16-H affidata nel Mondiale 2016 alla coppia Vettel-Raikkonen (© Ferrari)

 

Prima foto ufficiale per Vettel con l’uniforme Ferrari 2016 (© Getty Images)

Sarà dunque la SF16-H la monoposto con cui Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen proveranno a riportare a Maranello il titolo iridato che ormai manca dal 2008 (Costruttori). La nuova Ferrari è stata presentata in streaming sul sito ufficiale della Scuderia, poco dopo le ore 14.00 di oggi, e debutterà il 21 febbraio per svolgere il “filming day” a Barcellona. Confermate le numerose indiscrezioni sulla livrea: accanto al classico rosso, quest’anno è stato lasciato molto spazio anche al bianco, richiamando le colorazioni delle monoposto del Cavallino durante gli anni ’70. Infatti, oltre a gran parte dell’ala anteriore e dei deviatori di flusso, il bianco domina sull’airscope e nella parte superiore della vettura. Nel corso della presentazione James Allison, Simone Resta e Mattia Binotto, ovverosia l’anima tecnica della nuova Rossa, hanno messo a fuoco le principali aree in cui la SF16-H si contraddistingue dalla monoposto dell’anno passato. Una delle novità più importanti riguarda le sospensioni, passate dal sistema pull-rod a quello push-rod. In secondo luogo si può notare come la Ferrari, in questi mesi, abbia lavorato molto sul miglioramento di tutta l’aerodinamica: musetto più corto, che consentirà una migliore gestione dei flussi, retrotreno e pance incredibilmente rastremate, grazie a una nuova disposizione di tutti gli elementi che compongono la power unit del Cavallino.

Sia i piloti che gli ingegneri sono apparsi molto emozionati nel corso del vernissage della nuova Ferrari e il clima che si respira a Maranello sembra essere dei migliori. “Credo sia una vettura fantastica, frutto di un lavoro iniziato da tempo e che continuerà nei prossimi mesi. Non vedo l’ora di scendere in pista e credo che potremmo avere un grande inizio di campionato. La scorsa stagione è andata molto bene ma quest’anno vogliamo fare ancora meglio”, ha dichiarato uno scalpitante Sebastian Vettel. Entusiasta della nuova SF16-H anche Kimi Raikkonen: “E’ sempre bello assistere alla nascita di una nuova vettura. Questa Ferrari mi piace tantissimo, almeno a livello estetico, e speriamo di fare una grande stagione. Voglio dare il massimo quest’anno già a partire da lunedì 22 febbraio, quando saremo impegnati nella prima sessione di test al Circuit de Catalunya”.

LA MANOR COMPLETA LA LINE-UP CON RIO HARYANTO

Haryanto sarà il primo pilota indonesiano a gareggiare in Formula Uno (© Getty Images)

Finalmente anche il piccolo team inglese ha ufficializzato la sua formazione di piloti per la prossima stagione: il promettente Pascal Wehrlein, annunciato la scorsa settimana, sarà affiancato dall’indonesiano Rio Haryanto. Il nuovo pilota della Manor Racing è infatti riuscito a fornire tutte le adeguate garanzie economiche che gli hanno consentito di assicurarsi il ruolo di driver ufficiale nel team, sgominando l’agguerrita concorrenza di Will Stevens e Alexander Rossi. Grazie ad Haryanto la Manor potrà godere, infatti, di un notevolissimo flusso di denaro che sarà erogato da un magnate indonesiano noto con il nome di Sandi Uno, che può godere di disponibilità economiche pressoché illimitate. Il proprietario del team Stephen Fitzpatrick ha rivelato: “Rio è un pilota tenace e l’anno scorso ha molto impressionato in GP2. Gode anche di un grande seguito in Indonesia e questo non può che essere un bene sia per la squadra che per l’intera Formula Uno. Siamo tutti ansiosi di vederlo in azione in pista e sono sicuro che sarà protagonista di belle battaglie nel corso del prossimo campionato del mondo”. In ottica 2016 la Manor potrà contare su una inedita partnership tecnica avviata con Mercedes e Williams, proponendosi sulla carta come uno dei team da tenere d’occhio già a partire dai primi Gran Premi. La sensazione è che del neoacquisto Werhlein si sentirà parlare molto in futuro.

TEST APERTI AL PUBBLICO A SILVERSTONE

La stagione che vedrà il taglio del nastro in Australia il 20 marzo contemplerà anche il ritorno dei test collettivi finalizzati allo sviluppo delle vetture, circostanza che non si verificava dal 2014. Le sessioni si terranno, nell’ordine, il 17-18 maggio a Barcellona, in Spagna, e il 12-13 luglio a Silverstone, Gran Bretagna, in entrambi i casi a partire dal giorno successivo al rispettivo Gran Premio. Gli intraprendenti gestori della storica pista di Northampton hanno annunciato che a breve verranno messi in vendita i biglietti per assistere alla due giorni di test in salsa britannica: una bella iniziativa per consentire ai tifosi di avvicinarsi a questo sport a prezzi sicuramente più appetibili rispetto a quelli proposti durante i weekend di gara.

WILLIAMS, MASSA INCALZA: “POTREMMO ESSERE IN GRADO DI LOTTARE PER IL TITOLO”

Caduti i veli sulla nuova Williams FW38 di Massa e Bottas (© Williams F1)

Dopo il terzo posto conquistato l’anno scorso nel campionato costruttori, la scuderia di Grove sembra voler alzare il tiro, mirando direttamente al titolo iridato, almeno volendo dare credito a quanto dichiarato dal brasiliano Felipe Massa durante il programma televisivo SportTV Ta Na Area. “Per il budget limitato di cui la Williams dispone, nel corso di questi anni abbiamo fatto un grande passo in avanti. Ho buone sensazioni in vista della prossima stagione e sono convinto che sarà l’anno in cui riusciremo a migliorare di più. Ovviamente dobbiamo tenere i piedi ben piantati per terra, ma tornare a vincere delle gare potrebbe non essere utopia”. Il pilota di San Paolo ha poi speso belle parole sul suo compagno di squadra Valtteri Bottas: “E’ talentuoso, veloce e intelligente. Può migliorare ancora, ma ovviamente spero di essere più veloce di lui quest’anno”.

IN GERMANIA UNA MOSTRA DEDICATA A MICHAEL SCHUMACHER

Per celebrare la collaborazione che lega ormai da vent’anni la Deutsche Vermögensberatung AG con il pilota più vincente della storia della Formula Uno, Michael Schumacher, la nota finanziaria tedesca ha voluto inaugurare una mostra a lui dedicata a Marburg, a nord di Francoforte. Nei giorni scorsi si è tenuta la cerimonia di apertura alla quale ha partecipato l’intera famiglia del campione tedesco oltre alla sua manager Sabine Kehm. Proprio quest’ultima si è così espressa riguardo le condizioni di salute dell’ex ferrarista: “Michael è un’icona di questo sport e siamo onorati che la DVAG abbia deciso di onorare i suoi successi con questa splendida mostra. Schumi non può ovviamente essere qui, ed è un peccato perché nessuno più di lui avrebbe voluto essere presente. Dobbiamo continuare a supportarlo con tutte le nostre forze, sperando che un giorno possa essere qui con noi”. La mostra rimarrà aperta per circa due anni raccogliendo moltissimi cimeli come vetture, trofei, tute, caschi e memorabilia, alcuni provenienti da collezioni private e quindi mai esposti in precedenza.

MONTEZEMOLO: “ALONSO AVEVA PERSO FIDUCIA NELLA FERRARI”

alonso perplesso
Un Alonso perplesso sembra ascoltare esterrefatto le rivelazioni di Montezemolo (© Getty Images)

L’ex presidente della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, torna a parlare di Fernando Alonso in un intervista rilasciata a Motor Sport Magazine: “Nel 2014 ho avuto la sensazione che Alonso si fosse convinto che la Ferrari non sarebbe mai riuscita a metterlo nella condizione di vincere e che, se soltanto avesse potuto disporre di una Mercedes, avrebbe vinto con una mano sola. Questo atteggiamento fu molto demotivante per tutti noi”. L’imprenditore bolognese ha poi sottolineato: “Fernando è comunque un grande pilota, probabilmente il migliore attualmente in circolazione. Hamilton e Vettel hanno qualcosa in più nel giro secco ma Alonso, la domenica, è incredibile, è una macchina da gara”. Montezemolo ha così concluso: “E’ proprio a causa di quell’atteggiamento ostile di Fernando che mi sono deciso ad ascoltare un consiglio di Michael Schumacher del 2009, secondo il quale Sebastian Vettel sarebbe stato l’uomo giusto per la riscossa di Maranello”.

Paolo Gallorini