Formula E: risultati e novità da Donington

Sembra di osservare una finestra di download, con le tacche verdi che piano piano conquistano spazio fino ad appropriarsi prepotentemente della barra di caricamento. Mancano ancora 2 mesi al ritorno vero e proprio della Formula E, ma a Donington il campionato è più vivo che mai mentre i vari tasselli della stagione in arrivo si mettono piano piano al loro posto.

Come in casa Trulli: l’ex-F1 abruzzese, reduce da una stagione costellata più da bassi che alti, è tornato in pista con una nuova unità motrice – fornita dalla Motomatica – e un volto non proprio estraneo al muretto box: Gianni Bianchi è il nuovo team manager della squadra italiana. Scelta abbastanza ovvia vista la sua militanza nel team Audi Sport Abt nella passata stagione di Formula E, ma soprattutto per i trascorsi con Jarno nella Formula 3 tedesca, quando il pescarese vinse il titolo ’96 proprio con lui nel Benetton Junior Team!

Lo scorso 30 luglio lo stesso Trulli era presente a Lugano per esporre il progetto dell’ePrix omonimo, previsto il 7 maggio 2016 su un circuito di 3 km, ma ancora tutto sulla carta.

Parlando di tasselli, si compone meglio anche lo schieramento di questa stagione 2015-2016 con la conferma di Simona De Silvestro in casa Amlin Andretti. 4 i posti ancora vacanti nella categoria: entrambi i piloti del team Aguri non sono stati presentati, come anche il compagno di Piquet nel team NEXTEV TCR e quello che affiancherà proprio la De Silvestro nella compagine americana.

Ulteriori novità riguardano anche gli “upgrade” della vettura. La Spark Racing Technology ha operato cambiamenti a livello di freni, sospensioni anteriori e abitacolo. Gli interventi sull’impianto frenante sono stati i più urgenti e delicati, viste le lamentele dei piloti nella scorsa stagione per la difficoltà nel mantenere le temperature di esercizio. I risultati? Bhè, come dice Theophile Gouzin, direttore tecnico della Spark, “…i piloti si sono dedicati pienamente allo sviluppo dei motori per il momento, di conseguenza non hanno potuto ancora… lamentarsi dei freni.” 

Le modifiche all’apparato sospensivo anteriore sono state necessarie per migliorare il feeling delle monoposto nei circuiti cittadini, veri “macellai” di schiene dei piloti nella stagione passata. L’azienda francese ha anche irrigidito il sedile per motivi di sicurezza.

Ma mentre tecnici e piloti sfilano sotto i riflettori – specialmente Jacques Villeneuve, essendo un volto noto a digiuno di monoposto e il primo campione del mondo di F1 a cimentarsi nel mondo elettrico creato da Agag – le Formula E rombano – si fa per dire – nei dolci saliscendi di Donington Park. Con prestazioni notevoli, visto il tempo fatto segnare da Lucas Di Grassi nel quarto giorno di prove, il primo sotto l’1:30. Di seguito i risultati completi:

Day 3:

Risultati della terza giornata di test della Formula E a Donington Park.
Risultati della terza giornata di test della Formula E a Donington Park.

Day 4:

Risultati della quarta giornata di test della Formula E a Donington Park.
Risultati della quarta giornata di test della Formula E a Donington Park.

Prossimo appuntamento lunedì 24 e martedì 25. Poi…Pechino!

Lorenzo Michetti