Brevi da Indy: Le new-entry per la 500, test Firestone a Pocono, Lights in Alabama e altro…

IZOD INDYCAR SERIES 

Arrivano le prime new-entry per la Indy 500: Come sempre arrivati ad Aprile inizia a delinearsi la entry-list per la Indianapolis 500 di fine Maggio e la prima sorpresa viene dal team di Ganassi che sembra proprio aver puntato a Ryan Briscoe come suo terzo pilota. Una terza monoposto sarà garantita anche dal team di Rahal il quale dovrebbe confermare il messicano Michel Jourdain Jr. proseguendo il rapporto nato lo scorso anno. Il team Panther potrebbe schierare il vincitore dell’edizione 2004 Buddy Rice, mentre sembra che il team di Ed Carpenter stia valutando due piloti, il primo Townsend Bell ed il secondo per ora senza identità.

Resta ancora una monoposto per raggiungere la fatidica quota di (almeno) 33 iscritti. Voci non confermate parlano di possibili aggiunte da parte dei team Dragon, Schmidt, Herta e Coyne. Gli inglesi Pippa Mann e Alex Lloyd stanno lavorando per trovare un accordo last-minut con uno di questi team. Il pilota NASCAR Bryan Vickers lo scorso anno fu vicino ad un accordo e sembra che voglia tentare anche quest’anno di competere nella sua prima Indy500.

Tuoni e fulmini a Pocono: Oggi sul tri-ovale di Pocono è andato in scena un test indetto dalla Firestone Racing per testare il nuovo compound di gomme che verrà usato in occasione della gara di Luglio. I piloti presenti erano Marco Andretti, Will Power, Dario Franchitti e Simon Pagenaud, tutti colpiti dalla complessità e difficoltà nel domare il ‘Tricky Triangle’. Nel tardo pomeriggio la possibilità di una tempesta di fulmini sul circuito ha chiudo definitivamente la sessione.

La parola ai protagonisti sul ritorno della IndyCar a Pocono:

Simon Pagenaud: “E’ stato divertente, sicuramente diverso da ogni altro ovale.  Sono molto contento di essere qui ed essere stato uno dei primi ad averci girato“.

Will Power:E’ un tracciato divertente,  molto liscio grazie al nuovo asfalto. Sono andato a tavoletta, forse dobbiamo togliere downforce, poi curva 3 mi ricorda Indy mentre curva 1 è come quella degli ovali da 1.5 miglia con molto banking“.

Dario Franchitti:Come ha detto Will ogni curva è diversa e va trovato il giusto compromesso a livello di setup. Sei apposto con una curve e con l’altra invece no e bisogna trovare il modo per andare bene almeno su due delle tre differenti curve“.

Marco Andretti:E’ il circuito più vicino a casa, sarà bello avere tanti miei tifosi qui. Il tracciato secondo me è una sorta di short track veloce, perché è molto guidato ma allo stesso tempo veloce. Per me il trucco è trovare il limite nella curva 3, quella piatta. E’ una sorta di Nazareth (ovale in disuso) con gli steroidi!

Rookie Orientation Program posticipato: Oggi all’Indianapolis Motor Speedway sarebbe dovuto andare in scena il consueto test per i debuttanti annullato per le precarie condizioni meteo. Tristan Vautier, AJ Allmendinger e Carlos Munoz dovranno attendere molto presumibilmente il 25 Aprile.

Nuovi impegni per Allmendinger: Il ritrovato AJ Allmendinger allunga la sua lista di impegni con la IndyCar Series e sarà al via anche della prossima gara di Long Beach e di quella successiva alla Indy 500 sul cittadino di Detroit.

[divider]

FIRESTONE INDY LIGHTS 

Carlos Munoz ha conquistato la vittoria nel secondo round della Indy Lights 2013 al Barber Motorsports Park. Tradito dalla sua vettura a St. Petersburg, il colombiano si è imposto comandando tutti i giri in programma dopo aver dominato la qualifica. La corsa, che non ha riservato particolari emozioni, ha visto il portacolori del team Andretti battere i tre rivali del Sam Schmidt Motorsport. Secondo il vincitore dell’apertura stagionale Jack Hacksworth, seguito da Gabby Chaves e Sage Karam.

Domenica 7 aprile 2012, gara

1 – Carlos Munoz – Andretti – 40 giri
2 – Jack Hawksworth – Schmidt – 40
3 – Gabby Chaves – Schmidt – 40
4 – Sage Karam – Schmidt – 40
5 – Jorge Goncalvez  – Belardi – 40
6 – Peter Dempsey – Belardi – 40
7 – Victor Carbone – TMR – 40
8 – Juan Pablo Garcia  – TMR – 40
9 – Zach Veach – Andretti – 39

[follow id=”Papix27″ size=”large” count=”true” ]