Indy 500, La terza corona di Franchitti.

Dario Franchitti si impone per la terza volta nella 500 miglia di Indianapolis.
Il pilota scozzese, campione Indycar in carica, ha vinto dopo una grande rimonta: in occasione della prima tornata di pit stop era stato tamponato in corsia box da Viso ed era precipitato in fondo al gruppo.
Ma con pazienza, classe e grande velocità Franchitti ha recuperato il gruppo di testa, riproponendosi in lotta per la vittoria.
In generale, dopo un’iniziale sfuriata dei piloti Chevrolet (Briscoe, Hinchcliffe, Hunter-reay e soprattutto Marco Andretti), la gara ha proposto un certo predominio Honda: i propulsori giapponesi hanno dimostrato un miglior consumo carburante consentendo ai vari Dixon,Franchitti, Sato e Wilson di rimanere in pista alcuni giri in più rispetto ai piloti motorizzati dalla concorrenza, dove per concorrenza si intende ovviamente solo la Chevrolet, visto i due Lotus (Alesi e De Silvestro) sono stati fermati dalla direzione gara dopo poco più di dieci giri perchè troppo lenti (i due non rientravano nel 105%).
Una serie di bandiere gialle (una causata da un brutto incidente che visto coinvolti Conway e Power) ha di fatto aiutato i piloti del costruttore americano a rimanere in contatto con gruppo di testa, anzi in occasione del penultimo restart Tony Kanaan si è portato in testa alla gara con una grande ripartenza.
Ma l’incidente di Marco Andretti ha neutralizzato la corsa, che è ripresa quando mancavano solo 7 giri alla fine: alla bandiera verde si sono involati i due piloti di Ganassi e il giapponese Sato.
In virtu’ delle caratteristiche della nuova Dallara DW12, l’effetto scia è talmente potente che di fatto chi si trova davanti rappresenta una sorta di bersaglio mobile per il pilota che segue, con il primo che può davvero fare poco per difendersi.
Per questo motivo in tutta la gara abbiamo assistito ad un numero esponenziale di sorpassi sul dritto: all’ultimo restart i tre piloti citati in precedenza si sono scambiati più volte le posizioni di testa, un valzer che sembrava poter premiare il pilota che all’ultimo giro si fosse trovato in seconda posizione (e che quindi avrebbe potuto approfittare della scia per effettuare l’ultimo e decisivo sorpasso).
Cosi’ non è stato perchè Sato (che poco prima aveva passato Dixon) ha incontrato sulla sua strada un determinatissimo Franchitti che non ha mollato un centimetro nella curva 1 conservando la testa della gara: il giapponese, trovandosi all’interno e toccando probabilmente la linea bianca, si è intraversato finendo a muro e richiamando le bandiere gialle.
Franchitti, bravissimo a controllare la sua vettura e ad evitare di essere coinvolto dal testacoda di Sato, ha tagliato quindi la brickyard conquistando la sua terza corona ad Indianapolis.
Barrichello, al debutto ad Indianapolis, dopo una gara positiva (ad un certo punto per il gioco dei pit stop si è trovato in testa, anche solo per un giro) ha chiuso buon undicesimo.
Di seguito la classifica completa, seguiranno cronaca, commenti, highlights ed approfondimenti.

Results – 200 laps:

Pos Driver Team/Car Gap
1. Dario Franchitti Ganassi DW12-Honda
2. Scott Dixon Ganassi DW12-Honda + 0.0295s
3. Tony Kanaan KV DW12-Chevy + 0.0677s
4. Oriol Servia Panther/DRR DW12-Chevy + 2.9166s
5. Ryan Briscoe Penske DW12-Chevy + 3.6721s
6. James Hinchcliffe Andretti DW12-Chevy + 4.0962s
7. Justin Wilson Dale Coyne DW12-Honda + 4.2430s
8. Charlie Kimball Ganassi DW12-Honda + 4.6056s
9. Townsend Bell Schmidt DW12-Honda + 5.6168s
10. Helio Castroneves Penske DW12-Chevy + 7.6352s
11. Rubens Barrichello KV DW12-Chevy + 7.9240s
12. Alex Tagliani Herta DW12-Honda + 8.2543s
13. Graham Rahal Ganassi DW12-Honda + 8.7539s
14. JR Hildebrand Panther DW12-Chevy + 11.3423s
15. James Jakes Dale Coyne DW12-Honda + 13.4494s
16. Simon Pagenaud Schmidt DW12-Honda + 14.1382s
17. Takuma Sato Rahal DW12-Honda + 1 lap
18. EJ Viso KV DW12-Chevy + 1 lap
19. Michel Jourdain Jr Rahal DW12-Honda + 1 lap
20. Sebastien Bourdais Dragon DW12-Chevy + 1 lap
21. Ed Carpenter Carpenter DW12-Chevy + 1 lap
22. Katherine Legge Dragon DW12-Chevy + 1 lap
23. Ana Beatriz Andretti/Conquest DW12-Chevy + 10 laps

Retirements:

Marco Andretti Andretti DW12-Chevy 187 laps
Josef Newgarden Fisher DW12-Honda 161 laps
Sebastian Saavedra AFS/Andretti DW12-Chevy 143 laps
Ryan Hunter-Reay Andretti DW12-Chevy 123 laps
Will Power Penske DW12-Chevy 79 laps
Mike Conway Foyt DW12-Honda 78 laps
Bryan Clauson Fisher DW12-Chevy 46 laps
Wade Cunningham Foyt DW12-Honda 42 laps
Jean Alesi Fan Force DW12-Lotus 10 laps
Simona de Silvestro HVM DW12-Lotus 9 laps