IndyCar: ad Edmonton la rivincita di Will Power.

Era uscito decisamente deluso dal primo appuntamento canadese in quel di Toronto,tamponato prima da Franchitti (leader del campionato e poi vincitore della gara) e poi definitivamente eliminato da Tagliani (tra l’altro nè Dario,nè Alex erano stati penalizzati).
Sul rinnovato circuito aeroportuale di Edmonton,però, Will Power si è preso una grande rivincita,rilanciandosi anche in classifica generale.
L’australiano,partito in prima fila accanto al poleman Takuma Sato,è passato in testa sfruttando un lungo in frenata del giapponese.
A quel punto ha gestito ottimamente la gara,soprattutto nell’ultimo stint, dove è riuscito a controllare Castroneves e Franchitti,i quali dopo aver ricucito in pochi giri il gap che li separava dal leader della gara,non sono però riusciti ad attaccarlo.
Lo scozzese col terzo posto conferma la sua grande regolarità e limita al minimo o quasi i danni nella lotta per il titolo,soprattutto considerato il fatto che una manovra scellerata di Viso (che ha di fatto estromesso dalla corsa l’altro Ganassi boy e terzo incomodo in campionato,cioè Scott Dixon) lo aveva costretto a perdere molte posizioni relegandolo momentaneamente in decima piazza.
Castroneves,invece,completa la doppietta Penske ottenendo il miglior risultato personale in una stagione sin qui travagliata e avara di soddisfazioni.
Il risultato del team del Capitano poteva essere ancora più ricco,purtroppo però Ryan Briscoe ha pagato una strategia aggressiva e proprio all’ultimo giro,mentre si trovava quarto,si è dovuto fermare per uno splash and go,altrimenti sarebbe rimasto a secco, ed ha concluso decimo.
La quarta piazza è stata ereditata dall’eterno Tony Kanaan.
Ottima la prova degli ex-F1:Sato ha fimato la pole (la seconda della stagione),ha condotto la prima fase di gara,ha ceduto la leadership a Power per una sbavatura in frenata,poi mentre era buon secondo è stato mandato in testa coda da Hunter-Reay.
Wilson ha concluso quinto,sesto si è piazzato Bourdais (il francese ha fatto segnare anche il giro più veloce).
Per quanto riguarda le ladies Danica Patrick ha concluso nona,tredicesima Ana Beatriz,ritirata per un problema alla frizione Simona De Silvestro.
Dal punto di vista disciplinare se a Toronto avevamo assistito ad una sorta di far west con piloti colpevoli di manovre oltre il limite rimasti impuniti,ad Edmonton è stato annunciato e poi effettivamente applicato un regime più severo,col risultato che i contatti sono in parte diminuiti e soprattutto le manovre scorrette (Tagliani,Conway,Viso,Hunter-Reay) sono state finalmente sanzionate.
Di seguito riportiamo gli highlights per chi avesse perso la gara.