IndyCar, Sebring day 3: Uno-due Ganassi.

Dopo la pausa di mercoledi’, sono ripresi ieri i test IndyCar sul tracciato di Sebring: è la volta dei piloti del secondo gruppo con il team Ganassi subito sugli scudi.
Scott Dixon è risultato il più veloce al mattino con il tempo di 51.96 (primo ed unico a scendere sotto i 52 secondi in questi 3 giorni), mentre Franchitti, dopo aver trovato il giusto feeling con la vettura (sulla Dallara dello scozzese è stato montato uno speciale kit che gli permetterà di continuare a frenare col destro, mantenendo una sua consolidata abitudine) si è progressivamente avvicinato ai tempi del team-mate chiudendo alle sue spalle staccato di 173 millesimi e risultando il più rapido del pomeriggio. Gli altri piloti Ganassi compaiono in sesta (Rahal) e nona posizione (Kimball).

Se nei primi due giorni avevano svettato i motori Chevrolet, nella terza giornata la situazione si è capovolta con i propulsori Honda ad occupare cinque delle prime sei posizioni.
La buona notizia è che il piu’ veloce tra i Chevy è Rubens Barrichello (immagine in alto), terzo e vicinissimo a Franchitti, autore di ben 59 giri solo nel pomeriggio.
Prosegue bene,quindi, il lavoro di apprendistato del brasiliano, che nella fattispecie si è avvantaggiato della circostanza di aver già conosciuto la pista in un test precedente.
Più in difficoltà i suoi compagni di squadra Viso (settimo) e soprattutto Kanaan (decimo), ma proprio Barrichello, nel confermare che nel team KV Racing c’è totale condivisione dei dati e della telemetria, ha sottolineato che il connazionale è stato afflitto da problemi tecnici.
Positivi in quarta e quinta posizione Conway (Foyt) e Sato (Rahal-Letterman -tra l’altro nel box,immagine in basso, si è visto Filippi, che raggiungerà in pista il giapponese a partire da Indianapolis-), mentre buono l’esordio del campione Indy Lights Josef Newgarden,undicesimo, che ha girato per la prima volta con la Dallara Dw12 del team di Sarah Fisher.
Servia,dodicesimo, è il migliore pilota Lotus con Katherine Legge quattordicesima (finalmente il team Dragon ha ricevuto i motori -si parla di un ritardo dei pagamenti- potendo quindi scendere in pista) e Tagliani,alle prese con problemi al sistema drive-by-wire dell’acceleratore, ultimo.
Sorpresa in casa Andretti, che ha schierato per un test conoscitivo la brasiliana Ana Beatriz, tredicesima, mentre Carpenter (specialista degli ovali) è quindicesimo.
A seguire la lista dei tempi:
Pos Driver Team/Car Time Gap
1. Scott Dixon Ganassi DW12-Honda 51.9674s
2. Dario Franchitti Ganassi DW12-Honda 52.1401s + 0.1727s
3. Rubens Barrichello KV DW12-Chevrolet 52.2228s + 0.2554s
4. Mike Conway Foyt DW12-Honda 52.2230s + 0.2556s
5. Takuma Sato Rahal DW12-Honda 52.4111s + 0.4437s
6. Graham Rahal Ganassi DW12-Honda 52.4956s + 0.5282s
7. EJ Viso KV DW12-Chevrolet 52.6317s + 0.6643s
8. JR Hildebrand Panther DW12-Chevrolet 52.6868s + 0.7194s
9. Charlie Kimball Ganassi DW12-Honda 52.9339s + 0.9665s
10. Tony Kanaan KV DW12-Chevrolet 53.2012s + 1.2338s
11. Josef Newgarden Fisher DW12-Honda 52.2013s + 1.2339s
12. Oriol Servia Dreyer & Reinbold DW12-Lotus 53.3479s + 1.3805s
13. Ana Beatriz Andretti DW12-Chevrolet 54.1478s + 2.1804s
14. Katherine Legge Dragon DW12-Lotus 54.5918s + 2.6244s
15. Ed Carpenter Carpenter DW12-Chevrolet 54.6490s + 2.6816s
16. Alex Tagliani BHA DW12-Lotus 56.0766s + 4.1092s