IndyCar: A Sonoma Power fa pole e record. Prime voci sul calendario 2015

1408843825

Giornata perfetta per Will Power sul saliscendi californiano di Sonoma, dove stasera inizierà dalla pole-position la sua terza rincorsa al primo titolo IndyCar Series che puntualmente gli sfugge sempre all’ultima gara, nella temutissima Fontana.

Come nel caso del Barber Motorsports Park anche in quel di Sonoma le gomme usate si sono rivelate le migliori per piazzare il miglior tempo sul giro anche se per l’australiano del team Penske la sorpresa del record della pista è arrivata nel primo turno di qualificazione con il crono di 1’17″2393.

Poteva essere una prima fila tutta Penske Racing con l’inserimento del contendente al titolo Helio Castroneves, ma il brasiliano si è visto togliere il miglior tempo per aver oltrepassato con tutta l’auto il limite della pista e quindi partirà dalla sesta posizione.

Sarà così Josef Newgarden a prendere il suo posto in prima fila grazie ad un eccellente qualifica, testimonianza dell’ottimo periodo di forma che stanno attraversando lui ed il Sarah Fisher Hartman Racing, alleatosi alla struttura di Ed Carpenter per la stagione 2015 sotto le insegne di CFH Racing.

Scott Dixon e James Hinchcliffe formeranno la seconda fila, quindi Briscoe ed il già citato Castroneves completeranno le prime tre file costituite dai piloti qualificatisi alla Fast-Six, l’ultima di questo campionato.

Solo tre dei sei contendenti al titolo che la matematica tiene ancora in corsa si sono qualificati alla fase finale, mentre per gli altri oggi è stata una giornata proprio da dimenticare alla svelta.

Simon Pagenaud era visibilmente deluso a fine sessione per un quindicesimo posto a cui sarà difficile rimediare in gara e non sarà di certo facile nemmeno la gara di Ryan Hunter-Reay che prenderà il via dalla decima piazza. Il peggiore di tutti è però Juan Pablo Montoya, affondato senza pietà dalla IndyCar per infrazione dei limiti della pista alla curva 11 nella prima sessione a gruppi.

 

Pos  Driver              Team/Engine      Time        Gap
 1.  Will Power          Penske/Chevy     1m17.4126s
 2.  Josef Newgarden     Fisher/Honda     1m17.7318s  +0.3192s
 3.  Scott Dixon         Ganassi/Chevy    1m17.9044s  +0.4918s
 4.  James Hinchcliffe   Andretti/Honda   1m17.9565s  +0.5439s
 5.  Ryan Briscoe        Ganassi/Chevy    1m18.1217s  +0.7091s
 6.  Helio Castroneves   Penske/Chevy     1m18.8771s  +1.4645s
 7.  Sebastien Bourdais  KV/Chevy         1m17.7176s  Round 2
 8.  Tony Kanaan         Ganassi/Chevy    1m17.7231s  Round 2
 9.  Carlos Munoz        Andretti/Honda   1m17.7257s  Round 2
10.  Ryan Hunter-Reay    Andretti/Honda   1m17.7499s  Round 2
11.  Charlie Kimball     Ganassi/Chevy    1m17.7532s  Round 2
12.  Mikhail Aleshin     Schmidt/Honda    1m18.7700s  Round 2
13.  Marco Andretti      Andretti/Honda   1m18.2681s  Group 1
14.  Graham Rahal        Rahal/Honda      1m18.1249s  Group 2
15.  Simon Pagenaud      Schmidt/Honda    1m18.2767s  Group 1
16.  Justin Wilson       Coyne/Honda      1m18.2296s  Group 2
17.  Mike Conway         Carpenter/Chevy  1m18.3518s  Group 1
18.  Jack Hawksworth     Herta/Honda      1m18.2310s  Group 2
19.  Juan Pablo Montoya  Penske/Chevy     1m18.8102s  Group 1
20.  Takuma Sato         Foyt/Honda       1m18.4104s  Group 2
21.  Carlos Huertas      Coyne/Honda      1m18.9603s  Group 1
22.  Sebastian Saavedra  KV/Chevy         1m18.5202s  Group 2

All drivers use Dallara chassis



Calendario 2015, fuori Houston dentro Mosport?

Iniziano ad arrivare le prime indiscrezioni sulle date che formeranno il calendario 2015 della Verizon IndyCar Series e da quanto riferisce Racer.com ci sarà un bello scossone da qui al 2016 con un via-vai di circuiti davvero senza precedenti.

Per il prossimo anno è ormai sicura l’assenza di Houston, evento si scenino ma allo stesso tempo poco gradito a piloti e pubblico per via del caldo torrido, mezzo fallimento che a convinto il promotore Mike Lanigan a cercare nuovi lidi – sempre in Texas – per il 2016. Si parla di una gara al COTA di Austin o di un circuito aeroportuale all’Ellington Field Joint Reserve Base.

I giochi Pan-Americani 2015 che si terranno a Toronto stanno mettendo a rischio la permanenza del cittadino canadese in calendario (come successe a Vancouver per via dei Giochi Olimpici del 2010, ndr). La città di Toronto ha offerto la data del 8 Giugno, ma è lo stesso week-end per cui il Texas Motor Speedway e la IndyCar si sono accordati per il rinnovo contrattuale e sicuramente quest’ultimi l’avranno vinta. Il gruppo Green Savoree sta studiando delle alternative valide per non perdere l’unica gara canadese del campionato e Mosport sembra aver avuto già luce verde dalla IndyCar dopo una visita del supervisore Tony Cotman. Anche Mont-Tremblant sembra essere stata presa in considerazione.

Nel tentativo di mantenere viva la Triple Crown la gara di Pocono non verrà più disputata nel week-end del 4 Luglio come da richiesta degli organizzatori locali e Fontana non sarà più la season finale venendo spostata a Luglio, sempre su richiesta del circuito.

Il NOLA di New Orleans (Andretti Marketing) è sempre più vicino ad una conferma e per il 2016 si parla di un cittadino a Boston per una data durante il Labor Day dopo il fallimento delle trattative con la città di Providence, Rhode Island.

 

RACER’S BEST GUESS AT 2015

FEBRUARY
Dubai (street circuit)

MARCH
Brasilia (road course)
St. Petersburg (street circuit)

APRIL
Long Beach (street)
Birmingham (road course)

MAY
Indianapolis (road course)
Indianapolis 500 (oval)

JUNE
Detroit (street, doubleheader)
Texas (oval)
Toronto (street) or Mosport (road course)

JULY
Iowa (oval)
Pocono (oval)
Fontana (oval)

AUGUST
Mid-Ohio (road course)
Milwaukee (oval)
Sonoma (road course)

SEPTEMBER
New Orleans (road course)

Roberto Del Papa – @papix27