Categorie
Indycar

Kurt Busch supera le 215mph ad Indianapolis, obiettivo Indy 2014

Positiva la prima presa di contatto di Kurt Busch con l’Indianapolis Motor Speedway a bordo di una Dallara IndyCar preparata dal team Andretti Autosport, la medesima con cui Ryan Hunter-Reay darà la caccia alla sua prima 500 tra meno di tre settimane.

Busch ha superato la soglia delle 215mph toccando la velocità massima di 218mph, quanto basta per poter superare il rookie test obbligatorio per l’ottenimento della licenza di pilota IndyCar. Il campione NASCAR 2004 ha compiuto un totale di 84 giri.

Pazzesco!” è sta la prima esclamazione di Kurt una volta sceso dalla Dallara/Chevy #1 dopo i primi giri di pista. “Il vento entrava in abitacolo e la mia testa veniva sbattuta di qua e di la, ho dovuto lavorarci un po’ ma il feeling con la macchina è c’è“.

In una IndyCar ha meno tempo per guardare a tutte le cose rispetto ad una stock-car.  Arrivare a 218 miglia orarie è una conquista, ma non basta per essere competitivi in gara. Essere da soli è un conto, ma insieme ad altre 32 auto è una cosa che non può essere simulata. Magari potrei fare un’altra gara prima”, ha detto Busch.

Kurt ha confermato la sua volontà di fare la cosiddetta ‘double’ Indy-Charlotte nel 2014 ed ha rimarcato che gli sponsor sono con lui in questa avventura.

Raggiante Michael Andretti, che si è detto pronto a mettere nelle mani di Busch una delle sue monoposto. “E’ presto per avere delle certezze, ma se tutto andrà nel verso giusto sarà un pacere avere Kurt alla 500 con il mio team”.

Andretti alla domanda se Busch fosse interessato alla gara di Pocono a Luglio ha risposto sorridendo, “Non lo so, sono successe strane cose”.

In pista Busch ha ricevuto la visita di tutto il Furniture Row Racing con cui compete nella NASCAR Sprint Cup. Il team è in viaggio per Darlington dove nel week-end ci sarà una gara ed ha deciso per una breve fermata ad Indianapolis.

[divider]

Buddy Lazier con il suo team Il campione della Indy 500 1996 (la prima sotto il controllo IRL) è riuscito ad iscriversi alla prossima 500 Miglia con il team di famiglia, il Lazier Partners Racing, che sarà diretto da papà Bob, ex pilota CART e F.5000. La monoposto ex-Alesi averà il #91, numero con cui vinse nel ’96.

[follow id=”Papix27″ size=”large” count=”true” ]

 

Di Redazione

INDYCAR insider. Tutto su IndyCar Series, Indy Lights, Pro Mazda Championship e USF2000. Seguo anche AutoGP, USAC e World of Outlaws. Kartista nel tempo libero. Follow me on twitter @papix27