Power Team Penske. A St. Pete quaterna del ‘Capitano’ ed è già record!

88f77a7edb1dfa0d710f6a7067001516

Altro che “clamoroso al Cibali!”, qui bisognerebbe dire “clamoroso a St.Petersburg!”.

Quaterna Team Penske e tutti a casa suggerisce la classifica; uno strapotere del team di Charlotte mai visto prima con tutte le quattro vetture messe in campo a congelare i piani alti della classifica ed il campione in carica Will Power a stracciare il record della pista risalente al 2003 (1:00.928 di Bourdais, CART) abbassando la soglia ad 1:00.6931.

La Fast-Six è stata molto tirata, soprattutto tra i due che occupano la prima fila, Power e Pagenaud, con quest’ultimo che ha tentato nel minuto finale l’attacco decisivo mancando però del guizzo decisivo necessario per conquistare la prima pole stagionale, lasciando Power ad un solo ma decisivo decimo di vantaggio. La seconda fila è quella dei ‘vecchietti’ con Helio Castroneves che verrà affiancato sul lungo rettifilo di partenza da un Juan Pablo Montoya più in forma che mai, già a regime e pronto alla zampata per la vittoria.

Se da un lato l’abbattimento del record del tracciato segni una vittoria netta per gli aerokit difronte ad una differenza tra gli attuali motori V6 Turbo rispetto alle vecchie unita V8 Turbo Ford della Champ Car di circa 150 cavalli, dall’altro il dominio sul giro secco della scuderia Penske segna una netta linea di demarcazione tra i kit Chevy e quelli Honda, salvati in calcio d’angolo solo dal quinto posto di Takuma Sato, bravo ad inserirsi nell’ultima sessione che altrimenti con Bourdais sarebbe stato un affaire Chevrolet. Insomma 1-0 USA, ma non finisce qui…

Incredibilmente una power-house come quella Ganassi non è riuscita a piazzare nemmeno una delle tre monoposto iscritte nell’ultima sessione, e solo Kanaan salva la giornata inserendosi al settimo posto, comunque una posizione di tutto rispetto per cercare di fare una buona gara. Con il brasiliano in quarta fila ci sarà Ryan Hunter-Reay, primo dei piloti ‘made in USA’ e di certo altra persona che si aspettava di meglio da questa prima qualifica stagionale, ma probabilmente le difficoltà del kit Honda nel rivaleggiare con quello Chevy non lo ha aiutato. Anche Dixon dovrà tirar fuori del carattere in gara prendendo la ‘green flag’ dalla quinta fila insieme ad un cliente pericoloso come Josef Newgarden.

Con il tempo valevole per la nona fila il monegasco Stefano Coletti è il migliore dei rookie, seguito dall’altro contendente al titolo di miglior debuttante Sage Karam che ad onor del vero stà girando con una mano fasciata dopo l’incidente nei test al Barber. Dietro i due rookies troviamo il nostro Luca Filippi, forse ancora non entrato del tutto in sintonia con la vettura preparata dalla nova alleanza Carpenter-Fisher. Con l’undicesimo tempo l’italo-svizzera Simona de Silvestro fa un più che buono rientro in IndyCar con la scuderia Andretti dopo le delusioni del pianeta F1.

Appuntamento in TV stasera su Sky Sport 3HD alle 21.20 circa.

La Griglia di partenza

1. fila
Will Power (Dallara DW12-Chevy) – Penske – 1’00″6931 – Fast Six
Simon Pagenaud (Dallara DW12-Chevy) – Penske – 1’00″7252 – Fast Six
2. fila
Helio Castroneves (Dallara DW12-Chevy) – Penske – 1’00″8356 – Fast Six
Juan Pablo Montoya (Dallara DW12-Chevy) – Penske – 1’00″8532 – Fast Six
3. fila
Takuma Sato (Dallara DW12-Honda) – Foyt – 1’01″1496 – Fast Six
Sebastien Bourdais (Dallara DW12-Chevy) – KV – 1’01″1545 – Fast Six
4. fila
Tony Kanaan (Dallara DW12-Chevy) – Ganassi – 1’01″1182 – Q2
Ryan Hunter-Reay (Dallara DW12-Honda) – Andretti – 1’01″1670 – Q2
5. fila
Scott Dixon (Dallara DW12-Chevy) – Ganassi – 1’01″2285 – Q2
Josef Newgarden (Dallara DW12-Chevy) – CFH – 1’01″2478 – Q2
6. fila
Simona De Silvestro (Dallara DW12-Honda) – Andretti – 1’01″3657 – Q2
Marco Andretti (Dallara DW12-Honda) – Andretti – 1’01″4765 – Q2
7. fila
Charlie Kimball (Dallara DW12-Chevy) – Ganassi – 1’01″5727 – Q1 Gr.1
Carlos Munoz (Dallara DW12-Honda) – Andretti – 1’01″4890 – Q1 Gr.2
8. fila
Graham Rahal (Dallara DW12-Honda) – Rahal – 1’01″5742Q1 Gr.1
James Hinchcliffe (Dallara DW12-Honda) – Schmidt – 1’01″5780 – Q1 Gr.2
9. fila
Stefano Coletti (Dallara DW12-Chevy) – KV – 1’01″6727Q1 Gr.1
Sage Karam (Dallara DW12-Chevy) – Ganassi – 1’01″8011 – Q1 Gr.2
10. fila
Luca Filippi (Dallara DW12-Chevy) – CFH – 1’01″6736Q1 Gr.1
James Jakes (Dallara DW12-Honda) – Schmidt – 1’01″8323 – Q1 Gr.2
11. fila
Jack Hawksworth (Dallara DW12-Honda) – Foyt – 1’02″0095Q1 Gr.1
Gabby Chaves (Dallara DW12-Honda) – Herta – 1’01″9705 – Q1 Gr.2
12. fila
Francesco Dracone (Dallara DW12-Honda) – Coyne – 1’04″2654Q1 Gr.1
Carlos Huertas (Dallara DW12-Honda) – Coyne – 1’01″9716 – Q1 Gr.2

 

Roberto Del Papa – @papix27