Quanto costa la 500 Miglia?

May 24, 2015; Indianapolis, IN, USA; IndyCar Series drivers on the grid before the start of the 2015 Indianapolis 500 at Indianapolis Motor Speedway. Mandatory Credit: Brian Spurlock-USA TODAY Sports ORG XMIT: USATSI-225298 ORIG FILE ID: 20150524_jla_ss1_188.jpg
May 24, 2015; Indianapolis, IN, USA; IndyCar Series drivers on the grid before the start of the 2015 Indianapolis 500 at Indianapolis Motor Speedway. Mandatory Credit: Brian Spurlock-USA TODAY

Quella che doveva essere una edizione vissuta in pompa magna – siamo a 100 ragazzi – della Indianapolis 500 Mile Race rischia di essere il più grande flop di tutti i tempi dal punto di vista sportivo, a causa della risicata risposta dei team alla storica chiamata del primo secolo della corsa più importante al Mondo. Sono appena 33 le auto che si schiereranno al via, quanto basta insomma per riempire la griglia e far contenti più o meno tutti, ma alzi la mano che non si aspettava almeno di raggiungere quota 40 iscritti e vivere così un vero bump-day che ormai si perde nella memoria storica dell’umanità.

Aldilà dei più disparati fattori che hanno causato questa parziale moria di iscritti, che siano tecnici o di soldi, la domanda che sicuramente in molti di voi sarà sorta spontanea è ‘ma quanto costa mettere in pista una macchina alla Indy500′? Con questo grafico un po’ datato ma comunque attendibile (fonte USA Today) vediamo di fare un po’ di conti in tasca ai team.

*La tabella fa riferimento ad un calcolo medio tra top team e scuderie di medio/basso livello. Strutture come Andretti, Ganassi e Penske potrebbero avere valori superiori per ogni auto, in base alla loro preparazione.

Quanto si vince ad Indianapolis?

Ovviamente a tali spese dovrebbero corrispondere tali guadagni, ma come vedremo insieme non per tutti è cosi. Di seguito vi riporto quanto hanno incassato tutti i partecipanti all’edizione dello scorso anno vinta da Montoya, che si è intascato 2.4 milioni di $ – verranno poi divisi tra pilota e team – e noterete sin da subito che un guadagno netto senza contare l’ipotetico budget che viene ammortizzato dall’arrivo di un tot. di sponsor più o meno importanti ce l’ha solo chi vince…

Full results

1. (15) Juan Pablo Montoya, Chevrolet, 200, Running, $2,449,055
2. (2) Will Power, Chevrolet, 200, Running, $792,555
3. (14) Charlie Kimball, Chevrolet, 200, Running, $564,055
4. (1) Scott Dixon, Chevrolet, 200, Running, $615,805
5. (17) Graham Rahal, Honda, 200, Running, $439.555
6. (8) Marco Andretti, Honda, 200, Running, $412,055
7. (5) Helio Castroneves, Chevrolet, 200, Running, $482,555
8. (10) JR Hildebrand, Chevrolet, 200, Running, $246,805
9. (9) Josef Newgarden, Chevrolet, 200, Running, $382,055
10. (3) Simon Pagenaud, Chevrolet, 200, Running, $307,805
11. (7) Sebastien Bourdais, Chevrolet, 200, Running, $378,555
12. (31) Ryan Briscoe, Honda, 200, Running, $368,805
13. (24) Takuma Sato, Honda, 200, Running, $364,055
14. (23) Townsend Bell, Chevrolet, 200, Running, $218,555
15. (16) Ryan Hunter-Reay, Honda, 200, Running, $355,555
16. (26) Gabby Chaves, Honda, 200, Running, $399,055
17. (20) Alex Tagliani, Honda, 200, Running, $203,305
18. (19) James Jakes, Honda, 200, Running, $347,555
19. (18) Simona de Silvestro, Honda, 200, Running, $200,305
20. (11) Carlos Munoz, Honda, 200, Running, $345,500
21. (6) Justin Wilson, Honda, 199, Running, $211,305
22. (25) Pippa Mann, Honda, 197, Running, $206,805
23. (27) Sebastian Saavedra, Chevrolet, 175, Contact, $200,305
24. (28) Jack Hawksworth, Honda, 175, Contact, $205,055
25. (29) Stefano Coletti, Chevrolet, 175, Contact, $344,555
26. (4) Tony Kanaan, Chevrolet, 151, Contact, $375,555
27. (33) James Davison, Honda, 116, Mechanical, $344,055
28. (32) Tristan Vautier, Honda, 116, Mechanical, $344,055
29. (13) Oriol Servia, Honda, 112, Contact, $201,805
30. (12) Ed Carpenter, Chevrolet, 112, Contact, $344,055
31. (30) Bryan Clauson, Chevrolet, 61, Contact, $200,305
32. (21) Sage Karam, Chevrolet, 0, Contact, $344,055
33. (22) Conor Daly, Honda, 0, Mechanical, $201,805

In soldoni, contando il richiamo particolare della gara e quindi l’impegno finanziario di almeno un main sponsor ad entry, possiamo dire che quanto meno un arrivo in top-10 potrebbe far felice il ‘capo’ al muretto box. E se il muretto invece è quello di turn 4 preparate l’assegno in bianco…

Ed infine, per chi non contento di certe cifre da Paperoni ha un estremo bisogno di sentirsi povero, una stagione completa in IndyCar varia dai 6/8 milioni di $ per una struttura alla ‘l’importante è partecipare’ ai 20 milioni annui che Penske spende per tenere in piedi tutto il faraonico impero.

 

Roberto Del Papa – @papix27