Ryan Hunter-Reay ha scelto il n.1: “E’ un grande onore avere questa possibilità”

Dopo essere stato presente sulla monoposto di Scott Dixon nell’ormai lontano 2004 il numero 1 torna nel grande circus della IndyCar Series grazie al campione in carica Ryan Hunter-Reay, il quale ha optato per il simbolo più evidente di chi nell’edizione precedente del campionato ha raccolto più punti.

E’ un grande onore avere il diritto di sfoggiare il n.1” ha detto Ryan Hunter-Reay alla presentazione di quella che sarà la livrea del prossimo anno. All’interno dell’1 fa capolino un altro numero molto importante per il campione 2012, il 28, dedicato alle 28 milioni di persone nel Mondo affette dal cancro, malattia che gli ha portato via la madre nel 2009. Egli stesso è ambasciatore dell’associazione ‘LIVESTRONG’ fondata da Lance Armstrong e co-fondatore del movimento ‘Racing for Cancer’. E’ cambiata leggermente la livrea della sua monoposto, votata interamente al giallo grazie alla rinnovata partnership con DHL e Sun Drop.

Anche Marco Andretti ha deciso per il cambio di numero, passando dal 26 al 25, per motivi legati alla superstizione. “In questi anni il 26 è diventato parte di me, però devo dire che non mi ha portato molta fortuna. Passare al 25 per me è una sorta di rinascita”. Livrea inedita per il nipote di Mario, con un largo uso del rosso e del blu in onore dello sponsor RC Cola.

Come i suoi compagni di scuderia anche James Hinchcliffe ha svelato la nuova livrea della sua Dallara/Chevy n.27, come sempre caratterizzata dal verde fluo dello sponsor GoDaddy.com.