Sato rivive i momenti dell’incidente: “Qualcosa si è rotto, poi…”

Takuma Sato ripercorre i terribili momenti dell’incidente che lo ha visto incolpevolmente protagonista insieme a Dario Franchitti ed EJ Viso, anche lui partecipe alla carambola che all’ultimo giro ha quasi stroncato la carriera allo sfortunato pilota scozzese, ancora ricoverato all’ospedale di Houston in condizioni stabili.

1381233593Ero in lotta con Pagenaud per la sesta piazza, non sapevo se sarei riuscito a superarlo ma volevo comunque provare” ha detto il giapponese del team Foyt. “Durante la lotta ho messo una ruota sul cordolo alla curva 8, era il penultimo giro, l’auto è come rimbalzata e sono andato a finire largo sullo sporco ed ho toccato il muro.

Il gruppo dietro di me era compatto ed ho perso delle posizioni e penso di aver anche danneggiato un braccetto della sospensione e dalla curva 4 in poi erano tutte curve a sinistra. Sentivo l’auto scivolare e le gomme erano rovinate.

A quel punto ho solo fatto il necessario per concludere la gara, ma una volta arrivati alla curva 5, che va a destra, ho perso tutto il carico alla posteriore sinistra che presumiamo sia stata danneggiata. E’ una curva difficile e ho fatto il possibile per tenere la linea interna ma sfortunatamente sono andato improvvisamente in sovrasterzo e ho scartato verso l’esterno proprio nel momento in cui Dario mi stava superando“. (Il video sotto in slowmotion conferma la tesi di Sato)

Sato è poi stato colpito in pieno da EJ Viso, uscito illeso dal suo abitacolo.

hqdefaultCon Viso è stato un impatto violento” ha continuato Sato. “Sul lato destro c’è un grosso buco che arriva fino alla trasmissione. Fortunatamente la monoscocca non si è danneggiata ed ho riportato solo pochi graffi; sono grato per le migliorie tecniche apportate ai telai moderni.

Takuma ha avuto anche modo di andare in ospedale per sincerarsi delle condizioni di Franchitti e per scambiare con lui le prime impressioni.

Dopo il suo intervento alla caviglia sono andato a trovarlo, erano le 11 del mattino. Stava bene è un uomo forte malgrado gli anestetici. Abbiamo avuto una buona conversazione, abbiamo bisogno di lui in pista il prima possibile. Sono anche felice di sapere che gli spettatori coinvolti cosi come il commissario di pista stanno bene.

Originariamente apparso su Autosport.

 

Roberto Del Papa