Test a Sonoma: Torna a ruggire Will Power, KV annucia Saavedra

phpThumb_generated_thumbnailjpg

Nella verde (verde?) Sonoma ad un mese circa dal via stagionale di St.Petersburg torna un pista la IndyCar Series ed i suoi protagonisti per una giornata di test molto interessante per capire in che direzione andrà la stagione 2014. In pista sono scese tredici vetture, dieci motorizzate Chevrolet e solamente tre spinte dai V6 Honda, assente per motivi da chiarire il Panther Racing con il colombiano Carlos Huertas.

Temperature basse e poco grip non hanno aiutato il lavoro dei tecnici ai box e dei piloti in pista, ma i valori in campo sono stati rispettati eccetto qualche sorpresa che andremo poi a scoprire. Molti piloti hanno girato sia con gomme nuove che usate ed Aleshin ha addirittura affrontato il test con una unità Honda a singolo turbo, e non twin come da regolamento 2014.

Miglior tempo a fine giornata, alcuni hanno girato fino al calar del Sole, di Will Power, il quale con gomme usate ha fermato il cronometro sul 1’18″1 (tempi non ufficiali), mentre con le nuove è sceso abbondantemente sotto il minuto e diciassette. Su tempi simili ha girato anche il campione in carica Scott Dixon, alla prima uscita in pista con il motore Chevy, dopo due anni spesi con gli Honda.

La sorpresa di giornata è senza dubbio il terzo tempo del nuovo acquisti del KVSH Racing, il francese Sebastien Bourdais, velocissimo a bordo della sua nuova monoposto bianco/verde. Anche il pilota di Le Mans ha girato sul range dell’1’18”, non facendo rimpiangere per ora la dipartita di Kanaan verso Ganassi. Jimmy Vasser ha colto l’occasione per annunciare l’ingaggio si Sebastian Saavedra in collaborazione con AFS Racing ed ha inoltre annunciato di voler schierare una terza auto ad Indianapolis (allerta Simona de Silvestro?). Il colombiano, ultimo nella classifica dei tempi, tornerà a far coppia con Bourdais dopo un tribolato 2013 al Dragon Racing.

Quarta piazza per Simon Pagenaud con il crono di 1’18″2 e primo dei piloti spinti dal nuovo motore V6 Honda HPD twin-turbo. Seguono Helio Castroneves (1’18″4), Kanaan (1’18″4) e Kimball (1.18″5). Come detto in precedenza il russo Aleshin ha girato con una unità vecchia ed è stato comunque capace di girare sul piede del 1’18″6 precedendo il pilota del team di Ed Carpenter Mike Conway ed il nuovo acquisto di Ganassi Ryan Briscoe.

Dodicesimo e penultimo tempo per ‘One’ Montoya, scavalcato anche da Takuma Sato in classifica. L’apprendistato del colombiano con la Dallara DW12 è in peno svolgimento e serviranno altri kilometri prima di poterlo vedere competitivo.

Classifica (tempi non ufficiali), courtesy of Racer.com

1. Will Power – Penske (Chevy) – 1.17.8
2. Scott Dixon – Ganassi (Chevy) – 1.17.9
3. Sebastien Bourdais – KVSH (Chevy) – 1.18.1
4. Simon Pagenaud – Schmidt/Peterson (Honda) – 1.18.2
5. Helio Castroneves – Penske (Chevy) – 1.18.4
6. Tony Kanaan – Ganassi (Chevy) – 1.18.4
7. Charlie Kimball – Ganassi (Chevy) – 1.18.5
8. Mikhail Aleshin – Schmidt/Peterson (Honda) – 1.18.6
9. Mike Conway – Carpenter (Chevy) – 1.18.6
10. Ryan Briscoe – Ganassi (Chevy) – 1.18.8
11. Takuma Sato – Foyt (Honda) – 1.18.8
12. Juan Montoya – Penske (Chevy) – 1.18.9
13. Sebastian Saavedra – KV/AFS (Chevy) – 1.19.0

 

Roberto Del Papa