V8 Supercars, intervista a Jamie Whincup: “Potessi, porterei il V8 Supercars a Monza”

whincup2013champ

Con il titolo conquistato nel 2013, Jamie Whincup è diventato di sicuro una delle leggende del motorsport australiano. 5 titoli V8 Supercars di cui 3 consecutivi (2011-2012-2013), 4 vittorie e 3 secondi posti nella Bathurst 1000 sono solo alcuni dei numeri che descrivono la carriera del trentunenne pilota di Melbourne, che ha anche, tra le altre cose, rappresentato l’Australia nella Race of Champions 2012. Abbiamo avuto modo di porgli alcune domande prima della giornata di test a Sydney, ecco cosa ci ha detto.

Nel 2013 hai vinto il tuo quinto titolo V8 Supercars. Qual è stato il più difficile da ottenere?
Penso che il 2013 sia stato il più duro a causa del fatto che avevamo tutti vetture con nuove specifiche e che quindi ora sono sostanzialmente le stesse.

Lo scorso anno è stato il primo con le vetture di nuova generazione. Cosa è cambiato per i piloti rispetto alle vecchie auto?
La nostra nuova auto è più allineata a quelle del resto del mondo, la vettura è più leggera e più agile e quindi ci permette di mantenere una velocità più altra nell’affrontare le curve rispetto al passato.

Nel loro primo anno, Nissan e Mercedes non sono state una grossa minaccia per le vittorie di gara e per i titoli di campionato. Pensi che quest’anno Nissan, Mercedes e la nuova arrivata Volvo saranno sullo stesso livello di competitività di Holden e Ford?
Essendo il cuore della vettura lo stesso per tutti, tutto dipende da quale team farà un buon lavoro. Il team che porta in pista le Mercedes sta migliorando e quello che quest’anno farà correre le Volvo è stato abbastanza competitivo lo scorso anno e quindi saranno forti.

Parlando di Mercedes, il tuo amico di vecchia data Will Davison è passato da FPR ad Erebus. Pensi che abbia fatto la scelta giusta?
Sì, FPR ha cercato di dimezzargli lo stipendio quindi ha deciso di fare questa mossa, ottima notizia per Erebus e cattiva per FPR. Davo (soprannome di Will) è un pilota di classe e sicuramente aiuterà Erebus a crescere e diventare estremamente competitiva.

Riguardo un altro amico di lunga data, Paul Dumbrell sarà nuovamente il tuo copilota per la Pirtek Enduro Cup. Pensi che lavorare con lui sia stata un grossa aiuto per i tuoi risultati nelle gare endurance dello scorso anno?
Paul è un buon amico ed ha un’abilità naturale molto buona. Ha svolto un lavoro fantastico per me in passato ed incrociando le dita continuerà quest’anno. Paul parteciperà all’intera Development Series quest’anno per accumulare più miglia alla guida, cosa che sicuramente sarà d’aiuto.

Il tuo compagno di squadra Craig Lowndes parteciperà alla 24 ore di Le Mans quest’anno. Hai mai pensato di partecipare ad un evento internazionale?
Mi piacerebbe prendere parte ad alcuni eventi internazionali se il mio impegno in V8 Supercars me lo permettesse. Se ci dovesse essere interesse contattatemi.

Se potessi scegliere un circuito italiano per una gara italiana del V8 Supercars, quale sceglieresti e perché?
Come poter non dire Monza, così tanta storia, wow. Mi piacerebbe fare una passeggiata sulla vecchia sopraelevata un giorno.


[divider scroll_text=”Jamie Whincup on the web”]
[space height=”20″]

Website: www.jamiewhincup.com.au

fb twitter instagram

[divider scroll_text=”Torna in alto”]
[space height=”20″]

V8 Supercars, interview with Jamie Whincup: “If I could, I’d bring V8 Supercars to Monza”

With his 2013 championship win, Jamie Whincup has sure become one of the legends of australian motorsport. 5 V8 Supercars titles of which 3 consecutive (2011-2012-2013), 4 Bathurst 1000 wins and 3 times runner-up are just some of the numbers that describe the career of the 31 years-old driver from Melbourne, who has, among the others, represented Australia in 2012 Race of Champions. We had the opportunity to ask him some questions before the Sydney test day, here is what he told us.

In 2013 you won your fifth V8 Supercars title. Which one was the hardest to get?
I believe 2013 was the toughest due to the fact we all had a new spec car that are now the same across the board.

Last year was the first with the new generation cars. What changed for the drivers compared to the old cars?
Our new car is aligned more like the rest of the world, the car is lighter and more nimble which definately allows us to carry more mid corner speed than previously.

In their first year, Nissan and Mercedes were not a big threat for race wins and for the championship titles. Do you think that this year Nissan, Mercedes and newcomer Volvo will be at the same level of competitivity as Holden and Ford?
Because the heart of the car is all the same it comes down to which teams do a good job.  The team that runs the Mercs are getting better and the team that are running Volvo’s this year where somewhat competitive last year so they will be strong.

Talking about Mercedes, this year your longtime friend Will Davison moved from FPR to Erebus. Do you think he did the right choice?
Yes, FPR tried to cut his wage in half so he moved on, great news for Erebus, bad news for FPR.  Davo (Will’s nickname) is a class act and will definitely help raise Erebus to become extremely competitive.

About another longtime friend, Paul Dumbrell will be again your codriver for the Pirtek Enduro Cup in 2014. Do you think that working with him was a big boost for your results in last years’ endurance races?
Paul’s a good mate and has very good natural ability.  He has done a fantastic job for me in the past and fingers crossed it continues this year.  Paul will be racing the full Development Series this year to give him more miles in the car which should help.

Your teammate Craig Lowndes will attend the 24 hours of Le Mans this year. Did you ever think about running in an international event?
I would love to do a few one-off international events this year if my V8 Supercars campaign allows for it. If there is any interest please contact me.

If you would have the chance to choose a track for an italian V8 Supercar event, which one would you choose and why?
How could you go past Monza, so much history, wow. I would love to take a walk around the old banked turn one day.