LE MANS: DELTA WING E L’OROLOGIO. LA STORIA RITORNA?

Le Mans è spesso avanti coi tempi…guardava, guarda e guarderà sempre al futuro dell’automobile. Basti vedere lo spazio che sta lasciando alle tecnologie ibride in questi anni e al fatto che ha accettato l’iscrizione della Delta Wing, prototipo unico nel suo genere che punta a stravolgere le regole delle forme aerodinamiche ed udite udite…fare tutta la 24 ore con le stesse gomme riducendo al massimo i consumi di carburante.

delta wing
delta wing

La Delta wing sarà della partita iscritta come auto “sperimentale” e gareggerà fuori classifica con il numero 00. Facendo un passo indetro di qualche decennio troviamo un’altra auto iscritta come sperimentale…ed anch’essa in gara con il numero 0. Era il 1963…

1963_Rover-BRM_Turbine
1963_Rover-BRM_Turbine

La vettura era una Rover Brm con turbina a gas. I piloti Graham Hill e Richie Ghinter..non gli ultimi due arrivati. Vettura paragonata come una 2litri del regolamento di allora, ma a cui consentirono il serbatoio di doppia quantità, alla fine, se fosse stata in gara, sarebbe arrivata in ottava posizione. La cosa simpatica e carina fu il premio per Graham e Richie che l’ACO preparò per loro che correvano fuori classifica. Un bellissimo orologio da tavolo, oggi custodito al museo di Donington.

premio 1963 le mans piloti fuori classifica
premio 1963 le mans piloti fuori classifica

Chissà se a Le Mans l’aco anche quest’anno ripescherà questa tradizione e vedremo premiati i piloti Delta Wing con una coppa così particolare.
Cloncudo il pezzo con le parole di Graham Hill sulla Rover Brma turbina:
“Eri seduto su questa cosa che da ferma potevi chiamare auto…ma appena accendevi il motore sembrava di avere un motore di 707 dietro le spalle pronto a rissuchiarti”.
1963 rover brm
1963 rover brm