Truck Series – William Byron vince a Homestead, Johnny Sauter campione 2016

49d09ddb162c4a6fa75a64190c86c61a

Byron aveva rivelato di essere enormemente frustrato per come è andata a Phoenix, perché si sentiva che a Homestead potesse fare grandi cose, infatti, ha vinto la Ford 200, facendo sua la settima gara stagionale e concludendo la stagione al meglio. Sicuramente nel futuro, per un rookie, sarà quasi impossibile battere questo strepitoso record di vittorie del 18enne di Charlotte.

Ricordiamo che Byron con questa vittoria ha salutato la serie, visto che il prossimo anno lo vedremo guidare nella NASCAR Xfinity Series per il JR Motorsports, team di supporto dell’Hendrick Motorsports fondato da Dale Earnhardt Jr. e da sua sorella Kelley. Dalla “cantera” di Kyle Busch, passerà quindi a quella del 12 volte pilota più popolare della NASCAR.

 

Ecco le sue parole:

“E’ fantastico, è incredibile. Ho sempre detto che questo team ha svolto un egregio lavoro per tutto l’anno. Noi abbiamo avuto a Phoenix, una situazione sfortunatissima che non si poteva controllare, ma avevamo comunque un buon truck. Questi ragazzi sono e resteranno eccezionali”.

Tralasciamo Byron e passiamo al vero protagonista di giornata, il campione 2016 della NASCAR Camping World Truck Series Johnny Sauter, che ha come suoi pro una strepitosa chase che riscatta una brutta parte centrale di stagione, visto che Sauter, dopo la sua “fortunata” vittoria a Daytona, ha calato un po’ di intensità, non concludendo mai in posizioni di rilievo fin quando non è iniziata la Chase.

 

Il weekend di Sauter era iniziato abbastanza male, con la partenza dalla 19°casella, ma una strepitosa rimonta sino alla 3°posizione e principalmente su Matt Crafton, lo fa diventare campione.

Eccovi il team radio di Sauter subito dopo aver passato la bandiera a scacchi:

“Non ho mai scommesso che tutto ciò potesse davvero accadere! E’ grazie a voi ragazzi!

C’è anche la sua prima intervista da campione:

“Le persone sono un bell’ingrediente. Ci sono molte piccole cose. Mi sono seduto qui per tutta la notte e vi parlerò di questo. Tutto ciò è solo un pacchetto completo. E’ stato bello anche l’incontro con la Famiglia Gallagher (proprietari del GMS Racing). Non mi siedo mai qui per aspettare del fumo, vi sto dicendo la verità! Oggi mi sono sentito davvero molto bene e sapevo che questa era una cosa che volevo avere da anni.

Ovviamente, felicissimo l’owner del GMS Racing, Maury Gallagher, che non può che non parlare del suo campione.

“Johnny è un tipo di costanza. Lui ha mostrato questo tipo di esperienza. Io l’ho soprannominato ‘il vecchio sale’. Lui è stato terrificante con i ragazzi più giovani, e io non potevo avere miglior pilota. E’ un investimento. Tu lo fai, e quindi spera di avere quello che vuoi avere. Puoi pensare che tutti gli investimenti possano ripagare, ma è duro in questo business, ma lui ha ripagato ciò perfettamente”.

Finalmente la gioia di vincere un campionato importante per il 38enne di Wechedah, Wisconsin. Un talento completamente esploso abbastanza tardi, un titolo che però non arrivava mai, e oggi è finalmente arrivato. Unico campionato conquistato fino ad oggi, l’ASA nel 2001.

Secondo Tyler Reddick, ma lascerà anche lui la serie e il Brad Keselowski Racing; Reddick passerà nella NASCAR Xfinity Series alla corte di Chip Ganassi. L’ex pilota Ford guiderà la Chevy Camaro #42 part-time alternandosi alla guida con Kyle Larson.

Concludono la top-5 proprio Kyle Larson e Daniel Hemric, che il prossimo anno passerà con il Richard Childress Racing in Xfinity.

Gli altri contender hanno dato davvero il massimo, ad esempio Crafton che inizialmente aveva grandi possibilità di vincere il suo terzo campionato, ma paga una brutta ultima parte di gara e finisce 6°. Bell conclude 7° e Peters 8°. Titolo owners al Kyle Busch Motorsports per la quarta volta consecutiva con le 11 vittorie conseguite nel 2016.

Solida gara per Alon Day, che conclude 26° la sua prima gara su un ovale da un miglio e mezzo. Partito 29°, l’israeliano ha solo gestito tranquillamente la sua gara, acquisendo sempre più esperienza e terminando tre giri dietro il leader.

La NASCAR Camping World Truck Series ripartirà come di consueto a Daytona, il 24 febbraio 2017, due giorni prima della classica Daytona 500.

Kevin Salerno