Childress multato, Buescher in pole, Bowyer primo nel Prelude

Richard Childress con Kevin Havick a Talladega, Tom Pennington/Getty Images for NASCAR

Questo fine settimana scenderanno in pista la Sprint Cup e la Camping World Truck Series, rispettivamente a Pocono (domenica, ore 19 circa italiane) e Forth Worth (alle 3 della notte tra venerdì e sabato)

Procedura di qualifica cambiata e conseguenti polemiche – E’ cambiata la procedura che stabilisce l’ordine di uscita nelle qualifiche per tutte e tre le serie principali sanzionate dalla NASCAR. Mentre in precedenza i cosiddetti go-or-go-homers (coloro che, non rientrando nei primi 35 della classifica owners, sono obbligati a qualificarsi solo in base alla prestazioen cronometrica) scendevano in pista per ultimi, ora anch’essi rientrano nell’inversione della classifica delle prove libere. Insieme a questa modifica sono cominciate anche le polemiche, visto che alcuni piloti hanno dichiarato di aver deliberatamente rallentato nelle libere per partire per primi nelle qualifiche e sfruttare le temperature più miti. Il problema sarebbe tutto sommato facile da risolvere, consentendo ai migliori delle practices di scegliere il proprio “numero” di uscita, ma vedremo cosa escogiteranno negli uffici di Daytona.

Sprint Cup

Lo sponsor di Kahne nel 2012 – Che Kasey Kahne traslocherà alla corte di Rick Hendrick per la stagione 2012 è cosa nota a tutti, mentre questa settimana è stato annunciato anche lo sponsor che sosterrà la Chevrolet #5 fino al 2014. Si tratta di Farmers Insurance, società losangelina del gruppo Zurich fondata negli anni ’20, che farà bella mostra di sè sulla carrozzeria della stock di Kahne per 22 gare come main-sponsor, mentre per le restanti avrà comunque un ruolo di rilievo. 4 ulteriori gare saranno appannaggio dell’azienda produttrice di lubrificanti per motori “Quaker State”, per cui restano attualmente scoperti dodici appuntamenti

Childress multato per 150.000$ – In seguito all’aggressione portata ai danni di Kyle Busch, nel dopo-gara della Truck Series a Kansas City, lo scorso fine settimana, Richard Childress è stato posto in probation fino al 31 dicembre 2011 e soprattutto multato per un totale di 150.000 dollari. Childress ha reagito con un comunicato che recita: “Prima di tutto, sono responsabile delle mie azioni, puro e semplice. Come sapere, sono una persona con dei solidi principi e ho passione per quello che faccio al Richard Childress Racing. Credo appassionatamente nella difesa dei miei teams e dei miei sponsors. In questa occasione, ho lasciato che la passione e le emozioni avessero la meglio su di me. Accetto la sanzione che la NASCAR ha annunciato oggi e come azienda ora ci concentreremo sulle gare di questa settimana in Texas e a Pocono.” Nessuna sanzione invece per Kyle Busch, che trovandosi già in probation, si è ben guardato dal reagire e ha anzi dichiarato che quella presa dagli organizzatori è una decisione della NASCAR e che qualunque azione reputino corretta per proteggere il proprio sport è nel loro diritto. Il pilota del Nevada ha anche ribadito di aver “colpito” il truck di Coulter per complimentarsi per il duello appena vinto dal giovane alfiere del team RCR.

Cambi in corsa – Saltano un paio di teste ai box. Il team Stewart-Haas racing, forse al primo anno un po’ sottotono, nonostante entrambi i piloti siano nella top-10, ha licenziato il vice presidente Bobby Hutchens per promuovere Matt Borland, già crew-chief di Ryan Newman tra il 2002 e il 2006, ruolo in cui ha conseguito 12 vittorie e 37 pole positions. Al Michael Waltrip Racing invece Pat Tryson ha rimpiazzato Chad Johnston come crew-chief della Toyota #56 di Martin Truex Jr.. Johnston, 31 anni, è al primo impegno come crew-chief, ma Truex si è detto entusiasta del suo rapporto con il nuovo responsabile della sua vettura, con cui dice di avere molta affinità e di riuscire a comunicare al meglio.

Bodine di nuovo in pista – Geoffrey Bodine, 62 anni e 18 vittorie in Cup al suo attivo, tornerà al volante per provare la qualificazione in 5 gare a partire da luglio, a Daytona, con il Tommy Baldwin Racing, sulla Chevrolet #35. Il team attualmente schiera la #36 di Dave Blaney e aggiungerà una stock-car per il veterano di Chemung, stato di New York, vincitore della 500 miglia di Daytona del 1986.

Hornish rientra in Cup – Sam Hornish sostituirà Travis Kvapil, impegnato in Texas nella Truck Series, al volante della Ford #38 del Front Row Motorsport. Hornish è alla sua prima apparizione nella massima divisione in questo 2011, dopo aver ripiegato su un programma parziale nella Nationwide Series, in seguito ad un deludente 2010 al team Penske. L’ex campione Indycar si è detto entusiasta di ritornare in Sprint Cup e di poter lavorare con il crew-chief Jay Guy, con cui aveva già lavorato presso il Penske Racing.

Bowyer vince il Prelude to The Dream – ogni anno Tony Stewart ospita un evento di beneficenza all’Eldora Speedway, in Ohio, una pista sterrata che possiede dal 2004. Quest’anno la gara è servita a raccogliere fondi per sostenere gli ospedali per bambini di Atlanta, Dallas, St. Loius e Charlotte, raggiungendo un totale di oltre 3 milioni di dollari. A imporsi nel confronto sulla distanza di 30 giri, svoltosi a bordo di veicoli della categoria “late-models”, è stato Clint Bowyer, autore di uno splendido coast-to-coast a bordo di una stock di sua proprietà. Alle sue spalle sono giunti J.J. Yeley e Aric Almirola. Il vincitore dello scorso anno, Jimmie Johnson, tra l’altro a bordo di un’auto di proprietà sempre di Bowyer, è giunto diciottesimo.

James Buescher in pole in Texas, Credit: Chris Graythen/Getty Images

Truck Series

Buescher in pole – James Buescher ha stabilito la pole-position per la WinStarWorld Casino 400K, valida per la Camping World Truck Series. Buescher, con il truck #31 sponsorizzato da Wolfpack Rentals ha conquistato la sua prima partenza al palo ed è stato l’unico a sfondare il muro delle 179 miglia orarie di media, precedendo Joey Coulter, Austin Dillon, Steve Arpin, Johnny Sauter, Parker Kligerman, Brian Ickler, Todd Bodine, Ricky Carmichael e Nelson Piquet Jr.

Papis ventunesimo ma fiducioso – Il pilota italiano Max Papis scatterà dalla ventunesima posizione per la gara in notturna in Texas, ma attraverso Twitter si è detto fiducioso per la gara, perché si aspetta temperature molto più basse rispetto a quelle della prove libere, svoltesi in pieno giorno.