Categorie
Nascar

Intervista a Max Papis, le domande le fate VOI

Mad Max al Kansas Speedway, fonte nascarmedia.com

Motorsportrants ha la fantastica possibilità di porre una decina di domande ad un grande pilota italiano, attualmente impegnato nella Nascar Camping World Truck Series: Max Papis. Vorremmo che foste proprio voi a porre le domande che preferite a Max, commentando questa pagina. Tra 7 giorni provvederemo a selezionare le domande che saranno pervenute, per ridurle ad una decina in totale, ed inviarle a Papis.

Quarantunenne di Como, Max, soprannominato dagli americani “Mad Max”, é un pilota di quelli all’antica, che ha corso più o meno con tutto quello che ha quattro ruote ed un motore con tanti cavalli. Come un gran numero di giovanissimi, ha cominciato sui kart, per poi percorrere i gradini della scala che porta alla Formula 1, attraverso la Formula 3 e quella che allora si chiamava ancora Formula 3000.

Dopo un periodo da test driver alla Lotus nel 1994, nel 1995 è approdato in Formula 1 alla Footwork per sostituire Morbidelli, ma le sette gare da lui disputate non sono state esattamente fortunate: tra una miriade di ritiri, il miglior piazzamento è stato un settimo posto al Gran Premio d’Italia, quando la Sauber di Bouillon lo ha privato di un punto mondiale all’ultimo giro.

Rientrato Morbidelli, Max si è ritrovato senza un sedile e si è buttato in una nuova avventura negli stati uniti, dove ha debuttato nella CART nel 1996. Tre vittorie per lui, nel 2000 e nel 2001 con il Team Rahal, e un quinto posto in classifica generale nel  2000 sono gli highlights della sua carriera nella serie.

Max ha poi progressivamente spostato la sua attenzione verso le corse endurance, vincendo un campionato GRAND-AM, in coppia con Scott Pruett, per il team Ganassi nel 2004 e guidando anche la Chevrolet Corvette nell’American Le Mans Series e la Cadillac CTS-V nella serie Speed World Challenge. Nel 2007, con la CR.6 gialla del team ufficiale Corvette, ha conquistato la vittoria di classe sia nella 12 ore di sebring che nella Petit Le Mans.

Dal 2008 ha spostato ancora il suo impegno, stavolta verso lo sport automobilistico più popolare degli States, a NASCAR, dove ha corso in tutte le categorie principali, sfiorando la prima vittoria per un italiano nel 2010, a Montreal nella Nationwide Series, quando Boris Said lo ha battuto sul traguardo per appena 12 millesimi.

Il 2011 per Max è cominciato in modo molto solido, al volante di un competitivo truck del Germain Racing Team, con cui è al nono posto della classifica generale della Camping World Truck Series.

Aspettiamo le vostre domande!

Per chi vuole saperne di più:

www.maxpapis.com
Max Papis su Twitter

Di Gian Luca Guiglia

Classe: 1979
Mito: Jim Clark
Pilota preferito: Juan Pablo Montoya
Piloti nel cuore da corsa: Tony Stewart, Jim Clarck, Stirling Moss,Max Papis, Alessandro Zanardi e mille altri…
Pilota donna preferita: Simona de Silvestro
Circuito Preferito: Nordschleife
Circuiti nel cuore da corsa: Le Mans, Rouen, la vecchia Monza, la vecchia Spa
Auto preferita: Ferrari P4
Auto nel cuore da corsa: Ford GT40, Lotus 79, Tyrrell P34, Lotus 49, Porsche 917
Gare dal vivo: Fia GT, Superstars, WTCC, F.Renault, LMES Monza, NASCAR Phoenix e Las Vegas 2011
Gare da vedere un giorno dal vivo: 24h Lemans, 500miglia Daytona
Livrea Casco Preferito: Alex Zanardi, Carl Fogarty
Livrea auto preferita: Ford gt40 Gulf, Lotus 49 Gold Leaf
Gara preferita: Troppe
Gara nel cuore da corsa: Daytona 500 2008, Darlington 2003, Lemans 67
Riviste preferite: Autosport, Motorsport magazine.