K&N East – Ben Kennedy domina e vince a Pensacola

Ben Kennedy, partendo dalla pole, ha vinto la NAPA Auto Parts 150 al Five Flags Speedway di Pensacola, Florida. Per il pilota 21enne di Daytona Beach, Florida, si tratta della prima vittoria  in assoluto, dopo 30 partenze, in una gara dell K&N Pro-Series.

Kennedy aveva ottenuto la sua prima vittoria in una competizione NASCAR nella Euro-Racecar Series a Tours, nel luglio dello scorso anno, in occasione della prima gara in assoluto della serie su un tracciato ovale.

Kennedy è stato, inoltre, il primo pilota a rimanere in testa in ogni singolo giro di una gara della  NASCAR K&N Pro Series East dalla gara di Columbus (Ohio) che venne dominata da Cale Conley. Ironicamente, in quella corsa, Ben Kennedy ottenne la sua prima pole e dovette cedere la leadership a Conley fin dal primo giro.

Kennedy era uno dei cinque piloti nello schieramento ad aver corso almeno una volta al Pensacola Speedway, dove aveva gareggiato nelle Super Late Models. A dimostrazione di quanto fosse forte l’emozione in Victory Lane, Ben ha chiesto agli ufficiali un paio di minuti per permettergli di ricomporsi prima di uscire dalla vettura.

Essenzialmente, per Kennedy non c’è stato nessun pericolo di perdere la leadership della corsa, eccetto quando, al giro 136 dei 150 previsti, Gaulding ha avuto l’opportunità di ridurre il vantaggio della #96 grazie la traffico dei doppiati.

“E’ stata una serata veramente incredibile. Non posso chiedere di meglio alla mia squadra. Vincere e dominare allo stesso tempo mi dà una sensazione entusiasmante.”

Questa la top-5 al traguardo:  Kennedy, Gray Gaulding, John Van Doorn, Brett Moffit, Kenzie Ruston. Bryon Ortiz ha concluso sesto, seguito da Dylan Kwasniewski, Sergio Pena, Ryan Gifford e Brandon Gdovic.

In classifica generale, Moffit conserva la prima posizione con 123 punti. Staccato di 9 lunghezze troviamo Kwasniewski a pari punti con Gaulding.

Il prossimo appuntamento della  NASCAR K&N Pro Series East sarà la Blue Ox 100 al Richmond  International Raceway il 25 aprile.

Federico Floccari