Categorie
Monster Energy Cup Series

AJ Allmendinger non è più un pilota del Penske Racing

Sono uscite novità importanti dall’incontro tra Roger Penske e AJ Allmendinger. Il Penske Racing ha annunciato che Allmendinger non è più il pilota della Dodge #22 nella Sprint Cup Series. Il 30enne di Los Gato era stato sospeso a tempo indeterminato dalla NASCAR per essere risultato positivo ad un test anti-droga.

“Il Penske Racing supporta pienamente la politica della NASCAR riguardo le sostanze stupefacenti e siamo molto dispiaciuti dalla positività dei test di AJ. AJ è un gran pilota,una brava persona e mi dispiace molto separarmi da lui.Abbiamo investito molto in Allmendinger ed eravamo convinti del suo successo nel nostro team.Auguriamo ad AJ il meglio e di ritornare a correre di nuovo nella NASCAR”. Queste le parole di Roger Penske, proprietario dell’omonimo Team.

Sam Hornish Jr. guiderà la Dodge #22 a Pocono e nelle prossime settimane,in sostituzione di Allmendinger.

In risposta a Roger Penske,Allmendinger ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

“Ogg ,sono stato rilasciato dal Penske Racing. Vorrei ringraziare il signor Penske,il Penske Racing, i loro sponsor e, in modo speciale, il team della Dodge #22 per il loro supporto durante questo periodo difficile. Infine,voglio ringraziare tutti i fan che sono stati fantastici a sostenermi in questi giorni duri. Mi scuso per l’imbarazzo e le difficoltà che ho provocato. Come ho detto la settimana scorsa,ho cominciato il programma “Road to Recovery” della NASCAR per tornare a competere di nuovo in un prossimo futuro”.

Il Penske Racing ha detto che valuterà al meglio le sue opzioni per la scelta del pilota della macchina #22 per la stagione 2013 della Sprint Cup.

Di Federico Floccari

Dal mio nickname si possono capire già moltissime cose. Per me la NASCAR è uno stile di vita, non solo un semplice sport. Seguitemi su Twitter (@NASCARCountryUS) se volete veramente saperne di più sul mondo delle stock-cars americane e non solo. Qui, su Motorsportrants, scrivo solo ed esclusivamente sulla NASCAR e non me ne pento. Anzi.