Dale Earnhardt Jr. torna al volante a Martinsville, Regan Smith resta a piedi?

Dale Earnhardt Jr. ha ricevuto l’autorizzazione a tornare al volante e rientrerà in gara domenica al Martinsville Speedway, dopo due settimane di stop. Il ritorno del pilota di Kannapolis, insieme alla riconferma di A.J. Allmendinger al volante della Chevrolet Impala #51 del Phoenix Racing, potrebbe lasciare senza sedile Regan Smith, autore di un’ottimo settimo posto a Kansas City sulla Chevy #88.

Earnhardt aveva annunciato l’11 ottobre scorso che avrebbe saltato le gare al Chicagoland Speedway e al Kansas Speedway dopo aver riportato due commozioni cerebrali nell’arco di sei settimane: la prima proprio al Kansas Speedway, durante dei test Goodyear, quando una foratura lo aveva spedito contro le barriere con una decelerazione di 40G; la seconda nel corso dell’ultimo giro della gara di gara al Talladega Superspeedway, quando un contatto tra Tony Stewart e Michael Waltrip aveva generato un big one in cui sono rimaste coinvolte più di 20 vetture, tra cui quella di Earnhardt.

Riconoscendo i sintomi di un trauma cranico, il pilota si è rivolto di sua spontanea volontà al neurochirurgo Jerry Petty, che gli ha consigliato di predersi una pausa dalle competizioni, per poi effettuare nuovi test neurologici, qualche giro di pista e decidere sul rientro.

Il processo di riabilitazione è stato seguito, oltre che dal dottor Petty, anche dal dottor Micky Collins, direttore del Medical Center Sports Medicine Concussion Program dell’università di Pittsburgh, esperto nei traumi riportati dai giocatori di Football Americano.

L’Ok finale al ritorno in gara è arrivato oggi, dopo un test da 123 giri al Gresham Motorsports Park, tenutosi lunedì, e un ultimo esame neurologico, che servirà anche da base per evidenziare futuri traumi.

“Dale Jr. ha fatto tutto quello che gli ho chiesto” ha detto Petty. “Non ha più avuto un mal di testa dal 12 ottobre e non siamo riusciti a indurre di nuovo quei sintomi da allora. Ho informato la NASCAR e l’Hendrick Motorsports che è clinicamente autorizzato a svolgere tutte le attività richieste da un evento NASCAR”.

A.J. Allmendinger confermato al volante della Chevy #51 del Phoenix Racing

Dopo la buona prova offerta al Kansas Speedway, terminata con un violento impatto a muro a causa di una foratura mentre viaggia nella top-5, il Phoenix Racing ha riconfermato A.J. Allmendinger al volante della Chevrolet #51.

Rientrato da una sospensione per una positività ad uno stimolante, Allmendinger ha colto al volo l’occasione di guidare per il team di James Finch quando Regan Smith, ufficialmente impegnato con il Phoenix Racing, è stato chiamato a sostituire Dale Earnhardt Jr., fermato per ragioni di salute.

Poco prima che il team Hendrick annunciasse il rientro di Earnhardt, il general manager del Phoenix Racing, Steve Barkdoll ha rilasciato un comunicato in cui rendeva nota la conferma del 30enne di Los Gatos per la gara di Martinsville. Barkdoll ha detto che la decisione di continuare con “Dinger” è dovuta alle ottime prestazioni fornite a Chicago e Kansas City e che per gli ultimi tre appuntamenti della stagione si deciderà di volta in volta.

Questa situazione lascerebbe a piedi, almeno per Martinsville, Regan Smith, che potrebbe comunque risalire sulla Chevy #51 già al Texas Motor Speedway. Il pilota di Cato è anche uno dei principali candidati ad occupare il sedile di una delle vetture del JR Motorsports in Nationwide Series. Il team è alla ricerca di un driver di esperienza per rincorrere il titolo della serie e Smith potrebbe dare un nuovo inizio alla sua carriera entrando in orbita Hendrick.

Stay Tuned!