Sprint Cup 2014 Preview – Il Chip Ganassi Racing punta su Kyle Larson per il futuro

NASCAR Winter Testing - Day 2

La nostra preview della stagione 2014 della NASCAR Sprint Cup Series procede, dopo l’ufficializzazione del nuovo format della Chase For The Cup, con il Chip Ganassi Racing, che schiererà ancora una volta due Chevrolet SS in tutte le  gare del calendario. Le due vetture saranno affidate Jamie McMurray, ormai un veterano con i suoi 12 anni di attività nella massima serie NASCAR, e Kyle Larson, che sostituendo Juan Pablo Montoya al volante della SS #42 si accollerà tutto il peso delle aspettative di team e sponsor (soprattutto Target) proprio nella sua stagione da rookie.

[divider]

[space height=”20″]

Team

Il passaggio ai motori Hendrick ha sicuramente giovato al team, che ha ritrovato una certa competitività nel corso della stagione, tanto da accumulare una vittoria a Talladega con Jamie Mc Murray, otto top-5 e 17 top-10. Un 15esimo e un 21esimo posto in classifica non sono però sufficienti per le legittime ambizioni di Chip Ganassi, che è ancora alla ricerca di quel picco di competitività intravisto nel 2010. E allora si cambia: via Montoya, che ritorna in Indycar con l’arci-rivale Penske Racing, si punta tutto su Kyle Larson, indubbiamente il talento più atteso degli ultimi anni in NASCAR. Obiettivi? Un posto ai playoff sembra decisamente alla portata, visto anche l’allargamento degli stessi a 16 piloti, per cui l’accesso al secondo round potrebbe essere considerato un successo. Nella off-season Ganassi ha anche cambiato nome al team da Earnhardt-Ganassi Racing a Chip Ganassi Racing with Felix Sabates, cancellando definitivamente dall’elenco degli owner il cognome Earnhardt.

[divider]

[space height=”20″]

Piloti

[column col=”1/3″]

1mcdonalds-diecast

[/column]

[column col=”2/3″ last=”true”]

#1 Jamie McMurray: Nel 2013 McMurray è tornato al successo dopo una “dieta” iniziata nel 2010 e ha ritrovato statistiche analoghe a quella che fu la sua migliore annata in Sprint Cup Series, sia per quanto riguarda la posizione media al via che quella al traguardo. Con il regolamento attuale avrebbe preso parte alla Chase e nel 2014 potrebbe essere un outsider interessante in diverse occasioni, sfruttando a suo vantaggio il cambiamento radicale voluto da Brian France e soci.  Il pilota del Missouri si trova anche nel suo “contract year” e, con l’obiettivo del rinnovo, sicuramente si esprimerà al 110%.

[/column]

[column col=”1/3″]

42target-diecast

[/column]

[column col=”2/3″ last=”true”]

#42 Kyle Larson: Il 21enne prodigio di Elk Grove non ha nulla da perdere, ma la pressione non gli mancherà. Arrivato al culmine di una rapidissima scalata della piramide NASCAR, Larson, che proviene dal dirt, è stato campione della K&N Pro Series East al debutto nel 2012, con 2 vittorie e 8 top-5, facendo anche il suo esordio in Camping World Truck Series con 1 top-5 e 3 top-5 in appena quattro gare. Nel 2013 è passato full time alla Nationwide Series, chiudendo la stagione all’ottavo posto delle generale con 9 top-5 e 17 top-10. Parallelamente ha anche disputato due gare in Truck Series, vincendone una (Rockingham) e arrivando secondo nell’altra (Eldora), e ha corso quattro volte in Sprint Cup Series con il Phoenix Racing, badando più che altro a percorrere miglia. Certo, l’adattamento alla Sprint Cup non sarà facile, ma Larson, che continua ad affrontare ogni anno una marea di gare con qualunque vettura, potrebbe essere il favorito nella corsa al titolo di Rookie Of The Year.

[/column]

[message_box title=”Motorsport Rants NSCS Preview” color=”yellow”]

Hendrick Motorsport | Richard Childress Racing | Furniture Row Racing | Roush Fenway Racing 

[/message_box]

Le immagini dei modellini sono tratte da Jayski.com