Categorie
Monster Energy Cup Series

Jimmie Johnson assoluto dominatore al “Tricky Triangle”

Quando Jimmie Johnson decide di dominare una corsa, allora non c’è niente da fare per nessuno. Il pilota della Chevy SS #48 ha sbaragliato la concorrenza andando a vincere la Party In The Poconos 400 al Pocono Raceway. Per Johnson si tratta della terza vittoria stagionale e della 63esima nella sua carriera in Sprint Cup.

Il cinque volte campione ha preceduto al traguardo Greg Biffle che ha saputo approfittare dell’ultimo restart della corsa, avvenuto a 4 giri dalla fine, per superare Dale Earnhardt Jr. arrivato in terza posizione dopo essere stato stabilmente nella top-5 per tutta la gara. Alle spalle del pilota della Chevy #88 dell’Hendrick Motorsports si è piazzato Tony Stewart che ha saputo ancora dare il massimo in un pomeriggio non facile. In quinta posizione è arrivato Ryan Newman, autore di una diversa strategia rispetto a tutti gli altri per tutta la durata della gara.

Completano la top-10: Kyle Busch, Kurt Busch, Denny Hamlin, Kevin Harvick e Denny Hamlin.

Partito dalla pole, Johnson è rimasto in testa per ben 128 giri dei 160 previsti.

Dopo soli 2 giri, Kasey Kahne ha dovuto portare la sua #Chevy #5 nella zona dei garage per problemi al cambio. Il primo “ostacolo” per la corsa alla vittoria per Johnson è arrivato al giro 65 quando è uscita la prima bandiera gialla per detriti. Al restart, Jimmie, in seconda posizione dopo la sosta in pit-road, dietro Newman che non si è fermato, ha saputo passare il pilota della Chevy #39 dello SHR e a riprendersi la leadership.

Per ben 54 giri, fase relativamente tranquilla della gara,  Johnson è rimasto indisturbato in testa fino a che, al giro 124, un’altra caution per detriti ha fermato la corsa in solitario del pilota della Chevy #48. Dopo le soste ai box, tutti erano in pericolo di finire il carburante pochissimi giri prima del traguardo ed è stato detto loro di salvare il più possibile carburante. Dopo poche curve dal restart, Kenseth e Montoya si sono toccati provocando la terza bandiera gialla della gara.

Con questa bandiera gialla, il pericolo di una gara all’ultima goccia di benzina è stato scongiurato. Alla ripartenza, a 23 giri dalla fine,  è ancora bandiera gialla a causa di un incidente tra Dave Blaney e David Reutimann. Nessuno dei leader decide di rientrare in pit-road. Nuovo restart e nuova fuga di Johnson, assolutamente inarrivabile.

A 13 tornate dalla bandiera  a scacchi, AJ Allmendinger colpisce il muro del frontstretch e provoca la quinta bandiera gialla della gara. Neanche il tempo di fare uno/due giri dopo il restart e Dave Blaney provoca la settima caution della corsa.

Al restart, non ce n’è per nessuno. Jimmie Johnson scappa via e vince in grande stile a Pocono.

Nei sei restart della gara, nessuno è stato capace di intraprendere un duello con Johnson tale da impensierire il pilota di El Cajon, California.

Federico Floccari

[follow id=”NASCARFanNation” size=”large” count=”true” ]

[divider]

Classifica

Dopo il successo di Pocono, Jimmie Johnson allunga ulteriormente su Carl Edawards e

1)Johnson 2)Edwards -51 3)Bowyer -69 4)DaleJr -82 5)Harvick -87 6)Kenseth -103 7)KyBusch -109 8)Kahne -121 9)Kes -123 10)Biffle -126

Le due Wild-Card rimangono Tony Stewart e Jeff Gordon.

[divider]

Ordine d’arrivo

1 1 48 Jimmie Johnson Lowe’s / Kobalt Tools Chevrolet 160 48 5 Running 6 128
2 13 16 Greg Biffle 3M Ford 160 42 Running
3 6 88 Dale Earnhardt Jr. National Guard Chevrolet 160 41 Running
4 19 14 Tony Stewart Mobil 1 / Bass Pro Shops Chevrolet 160 40 Running
5 23 39 Ryan Newman HAAS Automation Chevrolet 160 40 1 Running 3 19
6 8 18 Kyle Busch M&M’s Toyota 160 38 Running
7 20 78 Kurt Busch Furniture Row Racing / Denver Mattress Chevrolet 160 37 Running
8 17 11 Denny Hamlin FedEx Ground Toyota 160 36 Running
9 5 29 Kevin Harvick Rheem Chevrolet 160 35 Running
10 21 22 Joey Logano Shell Pennzoil Ford 160 34 Running
11 24 31 Jeff Burton Caterpillar Chevrolet 160 33 Running
12 11 24 Jeff Gordon AXALTA Coating Systems Chevrolet 160 32 Running
13 22 1 Jamie McMurray Banana Boat Chevrolet 160 31 Running
14 25 42 Juan Pablo Montoya Target Chevrolet 160 30 Running
15 3 15 Clint Bowyer RKMotorsCharlotte.com Toyota 160 29 Running
16 10 2 Brad Keselowski Miller Lite Ford 160 29 1 Running 2 4
17 26 9 Marcos Ambrose DeWalt Ford 160 27 Running
18 2 99 Carl Edwards Kellogg’s / Cheez-It Ford 160 27 1 Running 1 9
19 14 55 Mark Martin Aaron’s Dream Machine Toyota 160 25 Running
20 39 93 Travis Kvapil Burger King / Dr Pepper Toyota 160 24 Running
21 12 43 Aric Almirola Smithfield Ford 160 23 Running
22 27 13 Casey Mears GEICO Ford 160 22 Running
23 15 56 Martin Truex Jr. NAPA Auto Parts Toyota 160 21 Running
24 31 38 David Gilliland Long John Silver’s Ford 160 20 Running
25 4 20 Matt Kenseth Home Depot / Husky Toyota 160 19 Running
26 16 17 Ricky Stenhouse Jr. # Valvoline Ford 160 18 Running
27 29 47 Bobby Labonte Clorox Toyota 160 17 Running
28 33 30 David Stremme Lean 1 / Swan Energy Toyota 160 16 Running
29 30 10 Danica Patrick # GoDaddy.com Chevrolet 160 15 Running
30 9 27 Paul Menard Quaker State / Menards Chevrolet 160 14 Running
31 32 7 Dave Blaney Chevrolet 160 13 Running
32 34 83 David Reutimann Burger King / Dr Pepper Toyota 159 12 Running
33 18 51 AJ Allmendinger Phoenix Construction Services Chevrolet 158 11 Running
34 36 35 Josh Wise(i) MDS Transport Ford 157 0 Running
35 38 32 Timmy Hill # OXY Water Ford 156 9 Running
36 7 5 Kasey Kahne Hendrickcars.com Chevrolet 141 8 Running
37 28 34 David Ragan Taco Bell Ford 121 7 Running
38 37 33 Landon Cassill(i) LittleJoesAutos.com Chevrolet 70 0 Clutch
39 35 36 JJ Yeley Chevrolet 39 5 Transmission
40 41 98 Michael McDowell Phil Parsons Racing Ford 33 4 Vibration
41 43 44 Scott Riggs Brabble Ford 28 3 Vibration
42 40 87 Joe Nemechek(i) Toyota 11 0 Engine
43 42 19 Jason Leffler Plinker Tactical / Hampton Inn Toyota 8 1 Transmission

 

 

 

 

 

Di Federico Floccari

Dal mio nickname si possono capire già moltissime cose. Per me la NASCAR è uno stile di vita, non solo un semplice sport. Seguitemi su Twitter (@NASCARCountryUS) se volete veramente saperne di più sul mondo delle stock-cars americane e non solo. Qui, su Motorsportrants, scrivo solo ed esclusivamente sulla NASCAR e non me ne pento. Anzi.