Categorie
Monster Energy Cup Series

Kurt Busch sospeso per aver violato la probation a Dover

La NASCAR ha ufficialmente sospeso Kurt Busch fino al 13 giugno ed esteso fino al 31 dicembre il suo periodo di probation in seguito ai fatti di Dover.

Il pilota di Las Vegas è stato punito per aver violato il paragrafo 12-1 del regolamento, relativo alle azioni a detrimento delle gare per stock car, in particolare per aver abusato verbalmente di un giornalista, infrangendo quindi la probation a cui era stato sottoposto in precedenza.

Busch era stato multato e messo in probation dopo la gara di Darlington, quando aveva rischiato di investire i meccanici di Ryan Newman uscendo in modo pericoloso dalla propria piazzola.

Quarto al termine della gara della Nationwide Series di sabato, il 33enne campione della Sprint Cup 2004 questa volta ha avuto una discussione in pit road con Justin Allgaier, in merito ad un contatto avuto in gara. Lo scambio di vedute ha attirato l’attenzione del reporter di Speed TV, che ha chiesto ad entrambi, in momenti successivi, quale fosse l’oggetto del contendere. Mentre Allgaier ha adottato un approccio ironico, sostenendo di aver parlato del meteo, Busch ha risposto piccato che la probation gli impediva anche di “scaccolarsi nel modo corretto” e che se il “ragazzino” è in cerca di problemi, ha trovato pane per i suoi denti.

Poco dopo, Bob Pockrass, di sportingnews.com, è tornato sull’argomento probation, chiedendo a Kurt se “l’ammonizione” lo avesse in qualche modo limitato in gara. La risposta è stata da far cadere le braccia:

“(La probation) mi impedisce di picchiarti in questo momento per le domande stupide che mi fai. Ma siccome sono in probation, forse non dovrei dire nemmeno questo. Se tu volessi parlare di fatti relativi alla gara, potremmo parlare di fatti relativi alla gara, Bob”.

Busch ha anche interrotto la replica di Pockrass, che stava affermando di aver fatto una domanda inerente la gara, con un secco “Non riguarda la gara. Sei qui per provocare. Sei qui solo per provocare.”

A questo punto il Phoenix Racing dovrà trovare un sostituto per il sedile della Chevrolet #51 in vista della gara di domenica al Pocono Raceway. Al momento non è noto se questa ulteriore sanzione nei confronti di Busch avrà qualche conseguenza a livello contrattuale nei rapporti tra il pilota e il team di James Finch, che finora ha sempre mantenuto un atteggiamento positivo nei confronti della sfida costituita da un driver tanto talentuoso quanto difficile da gestire.

Durante la scorsa stagione, Kurt aveva già “discusso” con altri giornalisti, da Joe Menzer a Jerry Punch, passando per Jenna Fryer. Tutti fatti che hanno contribuito al suo licenziamento dal Penske Racing.

Stay Tuned!

Di Gian Luca Guiglia

Classe: 1979
Mito: Jim Clark
Pilota preferito: Juan Pablo Montoya
Piloti nel cuore da corsa: Tony Stewart, Jim Clarck, Stirling Moss,Max Papis, Alessandro Zanardi e mille altri…
Pilota donna preferita: Simona de Silvestro
Circuito Preferito: Nordschleife
Circuiti nel cuore da corsa: Le Mans, Rouen, la vecchia Monza, la vecchia Spa
Auto preferita: Ferrari P4
Auto nel cuore da corsa: Ford GT40, Lotus 79, Tyrrell P34, Lotus 49, Porsche 917
Gare dal vivo: Fia GT, Superstars, WTCC, F.Renault, LMES Monza, NASCAR Phoenix e Las Vegas 2011
Gare da vedere un giorno dal vivo: 24h Lemans, 500miglia Daytona
Livrea Casco Preferito: Alex Zanardi, Carl Fogarty
Livrea auto preferita: Ford gt40 Gulf, Lotus 49 Gold Leaf
Gara preferita: Troppe
Gara nel cuore da corsa: Daytona 500 2008, Darlington 2003, Lemans 67
Riviste preferite: Autosport, Motorsport magazine.