Categorie
Monster Energy Cup Series

La Sprint Cup torna in pista per testare i regolamenti 2014

Sono attese addirittura 25 vetture in pista al Charlotte Motor Speedway per il test che si terrà il 9 dicembre e sarà decisivo nella definizione del pacchetto tecnico in vista della stagione 2014.

La NASCAR sta lavorando su una serie di soluzioni meccaniche e aerodinamiche che consentano di migliorare la qualità delle gare, soprattutto sugli ovali da 1.5 miglia, dove le elevate velocità e le prestazioni molto simili delle vetture rendono estremamente difficili i sorpassi. In fase di valutazione ci sono diverse modifiche regolamentari, di cui alcune verranno adottate immediatamente e altre scartate oppure posticipate per consentire l’acquisizione di altri dati.

Quella che sembra destinata a essere implementata più rapidamente è l’eliminazione dell’altezza minima da terra: le vetture viaggiano al momento “a tampone” e tutti i team adottano delle soluzioni, a livello di molle, per potersi presentare in fase di verifica rispettando le altezze minime. Nelle intenzioni degli uomini NASCAR, rimuovere la regola dell’altezza minima consentirebbe alle squadre di ritornare a lavorare con le molle, garantendo ai piloti auto più maneggevoli e soprattutto meno “sensibili” a livello aerodinamico.

Nel 2014 vedremo molto probabilmente anche degli spoiler posteriori più grandi e la NASCAR ha deciso di portare a Charlotte anche dei restrittori per effettuare delle prove con motori meno potenti di circa 90 cavalli rispetto ai 900 attuali.

I team presenti in North Carolina dovrebbero provare, sempre su indicazione dello staff tecnico della NASCAR, anche dei fori nel paraurti posteriore, volti a ridurre l’efficenza aerodinamica del fondo delle vetture e a fornire più “aria” alla vettura che segue.

In una serie ultra-competitiva come la Sprint Cup, con gli attuali livelli di parità in campo, con le attuali gomme molto dure e almeno 25/30 macchine costantemente nel giro del leader, è estremamente difficile pensare di poter creare per regolamento più sorpassi al vertice, perché per quanto la NASCAR si sforzi, è molto facile che, una volta che i migliori sono davanti, ci restino e che con il passare dei giri le differenze tra le vetture siano così piccole da non consentire un sorpasso, specie su piste molto veloci. Se a questo aggiungiamo il fatto che, dall’introduzione della Chase, sono sempre di più le occasioni in cui i piloti si trovano a scegliere di non rischiare “per non perdere punti”, piuttosto che a rischiare per vincere, abbiamo un rebus decisamente difficile da risolvere, anche perché qualunque sia la modifica regolamentare, i team faranno molto in fretta a trovare la soluzione più performante e ad adottarla in massa.

Emblematiche a questo proposito le dichiarazioni di Jack Roush a mikemulhern.net:

“Le gare sono eccitanti quando scoppiano gomme, e Goodyear non vuole che le gomme scoppino. Le gare sono eccitanti quando ci sono contatti e sorpassi, ma se tutte le vetture vanno alla stessa velocità, si ottiene quello che si è visto a Talladega: una lunga fila indiana,” ha detto Roush, che sarebbe favorevole all’introduzione di un paio di scarti a livello di punteggio per consentire ai piloti di attaccare di più. “Ed è quello che si vede anche sulle piste senza restrittori: le vetture sono così vicine per aerodinamica e potenza che non c’è nulla a separare una dall’altra. Se qualcuno trova una soluzione tecnica che gli dia un vantaggio, allora riesce a sorpassare, ma in questo momento siamo tutti così vicini che non ci sono differenze”.

In queste condizioni è l’insieme dei dettagli a fare la differenza e quando un team ha il pacchetto pilota-vettura migliore, è molto difficile che non emerga per poi stare davanti.

Stay Tuned!

Gian Luca Guiglia – @gian_138

 

 

Di Gian Luca Guiglia

Classe: 1979
Mito: Jim Clark
Pilota preferito: Juan Pablo Montoya
Piloti nel cuore da corsa: Tony Stewart, Jim Clarck, Stirling Moss,Max Papis, Alessandro Zanardi e mille altri…
Pilota donna preferita: Simona de Silvestro
Circuito Preferito: Nordschleife
Circuiti nel cuore da corsa: Le Mans, Rouen, la vecchia Monza, la vecchia Spa
Auto preferita: Ferrari P4
Auto nel cuore da corsa: Ford GT40, Lotus 79, Tyrrell P34, Lotus 49, Porsche 917
Gare dal vivo: Fia GT, Superstars, WTCC, F.Renault, LMES Monza, NASCAR Phoenix e Las Vegas 2011
Gare da vedere un giorno dal vivo: 24h Lemans, 500miglia Daytona
Livrea Casco Preferito: Alex Zanardi, Carl Fogarty
Livrea auto preferita: Ford gt40 Gulf, Lotus 49 Gold Leaf
Gara preferita: Troppe
Gara nel cuore da corsa: Daytona 500 2008, Darlington 2003, Lemans 67
Riviste preferite: Autosport, Motorsport magazine.