Categorie
Monster Energy Cup Series

Max Papis: “E’ un regalo meraviglioso, per me e per tutti gli appassionati italiani”

“Sono stra-felice di avere l’opportunità di guidare la macchina di Tony Stewart – un tri-campione della Sprint Cup Series – perché qui equivale a guidare una Ferrari in Formula 1. E’ una cosa incredibile, che mi rende orgoglioso per me e anche per il mio paese. Portare la bandiera italiana in alto in questo paese è importantissimo per me e spero che ne siate fieri quanto ne sono fiero io.

Mi auguro che tutti gli appassionati italiani siano entusiasti, perché è un momento importantissimo. Guidare nella massima categoria della NASCAR, e farlo in un top-team, per un campione amato da tutti come Smoke, è un sogno che si avvera per un ragazzo italiano che è venuto negli  Stati Uniti con tanta voglia di fare e ora viene premiato.

Auguro una pronta guarigione a Tony Stewart e lo ringrazio tantissimo, così come ringrazio i partner del team: Mobil 1, Bass Pro Shop e Chevrolet.”

Sono queste le parole che Max Papis ha voluto dedicare, attraverso Motorsportrants.com, a tutti gli appassionati di motori italiani dopo la conferenza stampa che lo ha visto protagonista insieme a Greg Zipadelli oggi a Charlotte. 

Nel corso dell’incontro con i media, Max e “Zippy” hanno chiarito quello che sarà l’impegno del pilota italiano al volante della Chevrolet SS #14 questo fine settimana a Watkins Glen e quali saranno le prossime mosse del team in relazione alle condizioni di salute di Stewart, reduce da una frattura di tibia e perone della gamba destra in seguito a un’incidente occorso in una gara per Sprint Cars nella notte tra lunedì e martedì.

“Non guardo a questa opportunità come a qualcosa che possa cambiare la mia carriera, perché ho 42 anni, ho fatto molto fino a oggi e vado orgoglioso di tutto. Credo che sia una fantastica occasione arrivata in circostanze terribili. Mi godrò ogni giro e ogni secondo con questi ragazzi e chissà, magari in futuro potremo raccontarci quello che ho combinato su questa macchina” ha detto Papis, che sottolineato anche come non si possa impedire ai piloti, sopratutto quelli del calibro di Tony Stewart, di fare quello che amano fare. “Ci si può far male anche camminando per strada, e noi siamo bravi in quello che facciamo. Stewart è bravissimo in quello che fa perché è Stewart. E’ uno dei pochi che hanno il dono di andar forte con qualsiasi auto. Credo che alla fine si possa ingigantire la cosa o prenderla come qualcosa sarebbe potuto accadere anche in garage o uscendo di qui.”

Max avrebbe dovuto prendere parte anche alla gara della categoria GT della Grand-Am di Road America, in programma per sabato, ma dopo un colloquio con il Remo Ferri, patron del team Remo Ferri Racing, ha annunciato che si concentrerà unicamente sulla prova della NASCAR Sprint Cup Series.

“Con lo Stewart-Haas Racing ci eravamo organizzati per essere in grado di farmi andare avanti e indietro da Elkhart Lake. Ma ieri ho parlato con Remo Ferri e devo ringraziarlo di cuore, perché mi ha detto che sarebbe stato meglio che per me concentrarmi unicamente sulla Sprint Cup. E’ un mio amico da molti anni e non posso che ringraziarlo. SArà un po’ triste per me, perché sono un pilota vecchia maniera. Mi toccherà trovare qualcosa da fare sabato pomeriggio e probabilmente guarderò la Grand-Am in televisione.”

L’ultimo pensiero è nuovamente per questa occasione speciale che gli si presenta davanti.

“La cosa che mi rende più orgoglioso è semplicemente l’essere stato considerato per questa scelta.Ci sono centinaia di ragazzi là fuori in grado di guidare questa vettura, ma credo che, come ho sempre detto, non sia solo una questione di quanti soldi guadagni o di quello che fai, ma che c’entri la storia che scrivi. E credo di aver scritto una storia mica male, fino ad ora, per meritarmi una chiamata dallo Stewart-Haas Racing.”

Non ci resta che augurare in bocca al lupo a Max, tifare per lui domenica a partire dalle 19 italiane e ricordarvi che potrete incontrarlo in pista all’Autodromo di Monza il 28 e il 29 settembre prossimi, in occasione della prima volta in Italia della NASCAR Whelen Euro Series.

Stay Tuned!

[follow id=”gian_138″ size=”large” count=”true” ]

 

 

 

Di Gian Luca Guiglia

Classe: 1979
Mito: Jim Clark
Pilota preferito: Juan Pablo Montoya
Piloti nel cuore da corsa: Tony Stewart, Jim Clarck, Stirling Moss,Max Papis, Alessandro Zanardi e mille altri…
Pilota donna preferita: Simona de Silvestro
Circuito Preferito: Nordschleife
Circuiti nel cuore da corsa: Le Mans, Rouen, la vecchia Monza, la vecchia Spa
Auto preferita: Ferrari P4
Auto nel cuore da corsa: Ford GT40, Lotus 79, Tyrrell P34, Lotus 49, Porsche 917
Gare dal vivo: Fia GT, Superstars, WTCC, F.Renault, LMES Monza, NASCAR Phoenix e Las Vegas 2011
Gare da vedere un giorno dal vivo: 24h Lemans, 500miglia Daytona
Livrea Casco Preferito: Alex Zanardi, Carl Fogarty
Livrea auto preferita: Ford gt40 Gulf, Lotus 49 Gold Leaf
Gara preferita: Troppe
Gara nel cuore da corsa: Daytona 500 2008, Darlington 2003, Lemans 67
Riviste preferite: Autosport, Motorsport magazine.