Categorie
Monster Energy Cup Series

Max Papis sostituirà Tony Stewart in Sprint Cup a Watkins Glen

Sarà l’italiano Max Papis a sostituire Tony Stewart al volante  della Chevrolet S #14 dello Stewart-Haas Racing per la gara di Watkins Glen della NASCAR Sprint Cup Series, ventiduesima prova del campionato in programma sullo storico stradale dello stato di New York per questo fine settimana.

“Mad Max” è apparso fin da subito il candidato più logico per sostituire l’infortunato campione di Columbus, il quale ha subito la rottura di tibia e perone della gamba destra in un incidente durante una gara su sterrato in quel di Oskaloosa,  visto che in settimana aveva preso parte ad un test di sviluppo con il team di Stewart sul tracciato di Road Atlanta.

Papis vivrà dunque un week-end a cavallo tra la Grad-Am, dove correrà sabato a Mid-Ohio nella categoria GT al volante della Ferrari 458 Italia #61 del team AIM Motorsport Racing, e la NASCAR. Per il pilota di Como si tratta del ritorno in Sprint Cup Series dopo quasi tre anni, dal 15 agosto 2010 al Michigan International Speedway, luogo della sua ultima presenza al volante della Toyota Camry #13 del Germain Racing. Proprio al Glen, ma nel 2009, Max ha ottenuto l’ottavo posto che rappresenta il suo miglior risultato in Sprint Cup, per cui le possibilità di far bene, specie al volante di una vettura come la SS #14, ci sono tutte.

Quest’anno Papis è impegnato, oltre che in Grand-Am, anche in un programma in Nationwide Series che lo ha visto al via all’Iowa Speedway e a Road America – rispettivamente 31esimo e 17esimo – e che include ancora lo stradale di Mid Ohio. Ci sono poi l’impegno in Camping World Truck Series al Canadian Tire Motorsport Park il 1 settembre e quello nella NASCAR Whelen Euro Series, la serie NASCAR europea, in cui è stato presente al Tours Speedway – secondo posto in gara 1 Elite per lui – e sarà al via anche nell’appuntamento italiano, assolutamente da non perdere, in programma per il 28 e il 29 settembre all’Autodromo di Monza.

La situazione di Tony Stewart deve invece ancora delinearsi completamente. “Smoke” è stato operato nella notte una prima volta per ridurre la frattura di secondo grado, quindi moderata e non esposta, ma sarà necessario un secondo intervento per capire quanto a lungo dovrà stare lontano dai campi di gara.

Direttamente dall’ospedale, Tony Stewart ha mandato questo messaggio ai suoi fans attraverso la sua pagina facebook ufficiale:

“Ho detto a qualcuno di prendermi un telefono perché altrimenti mi sarei alzato a prenderlo per conto mio. Finalmente sono nuovamente connesso con il mondo e voglio solo ringraziarvi per tutte le preghiere e gli auguri. Il mio team resterà forte e io ritornerò”

Get well Tony and go Max!!

[divider]

Update: Le reazioni di Max Papis su Twitter

Max Papis ha affidato a Twitter le sue prime reazioni all’accordo raggiunto con lo Stewart-Haas Racing,  augurando un pronto recupero a Tony Stewart e ringraziando i fans per il supporto e Richard Childress, per cui lavora abitualmente, per la telefonata ricca di consigli e sostegno.

Mad Max ha poi dedicato un messaggio ai tifosi italiani:

Stay Tuned!

[follow id=”gian_138″ size=”large” count=”true” ]

 

 

Di Gian Luca Guiglia

Classe: 1979
Mito: Jim Clark
Pilota preferito: Juan Pablo Montoya
Piloti nel cuore da corsa: Tony Stewart, Jim Clarck, Stirling Moss,Max Papis, Alessandro Zanardi e mille altri…
Pilota donna preferita: Simona de Silvestro
Circuito Preferito: Nordschleife
Circuiti nel cuore da corsa: Le Mans, Rouen, la vecchia Monza, la vecchia Spa
Auto preferita: Ferrari P4
Auto nel cuore da corsa: Ford GT40, Lotus 79, Tyrrell P34, Lotus 49, Porsche 917
Gare dal vivo: Fia GT, Superstars, WTCC, F.Renault, LMES Monza, NASCAR Phoenix e Las Vegas 2011
Gare da vedere un giorno dal vivo: 24h Lemans, 500miglia Daytona
Livrea Casco Preferito: Alex Zanardi, Carl Fogarty
Livrea auto preferita: Ford gt40 Gulf, Lotus 49 Gold Leaf
Gara preferita: Troppe
Gara nel cuore da corsa: Daytona 500 2008, Darlington 2003, Lemans 67
Riviste preferite: Autosport, Motorsport magazine.