Report: Backflip a Bristol! Carl Edwards vince una pazzesca Food City 500

Bi5OCddCYAExzQo

Si è visto di tutto al Bristol Motor Speedway: 2 bandiere rosse per quasi 5 ore complessive di interruzione a causa della pioggia, incidenti, contatti, gomme esplose, motori in fumo e molto altro, ma a cantare vittoria, nuovamente sotto la pioggia alla fine di 503 lunghissimi giri, è stato Carl Edwards, di ritorno in Victory Lane dopo il successo di Richmond del settembre 2013.

[divider]

[space height=”20″]

Il weekend NASCAR su Motorsport Rants

Pole e record in qualifica per Hamlin | Busch vince ancora in Nationwide Series | Video completo NNS | Galleria fotografica NNS | Gara in forse per la Sprint Cup | Backflip a Bristol! Vince Carl Edwards

[divider]

[space height=”20″]

Proprio quando iniziavamo a mettere in dubbio la competitività del Roush Fenway Racing, Cousin Carl ha sfoderato una prestazione dalla precisione chirurgica in una gara dalla lettura estremamente difficile, in cui piloti e team hanno dovuto fare i conti per ben due volte con una pista lavata dalla pioggia e poi con le basse temperature serali, adattando setup e strategia in corsa in quella che si è rivelata una corsa a eliminazione.

Il pilota della Ford Fusion #99, giunto alla 22esima vittoria in carriera, è passato in testa al giro 426 dei 500 in programma grazie alla scelta strategica di restare in pista in occasione della gialla fatta scattare da Martin Truex Jr. e non si è più voltato indietro, pensando solo a dare gas in pista. In occasione dell’ultimo restart, a 39 tornate dalla fine della Food City 500, Edwards ha sfruttato al meglio la lotta serrata tra gli inseguitori per accumulare più di 2 secondi di vantaggio, a quando mancavano appena 2 giri e mezzo le luci gialle lungo il tracciato si sono inspiegabilmente accese, neutralizzando la gara. A mettere tutti d’accordo ci ha pensato l’ennesimo scroscio di pioggia, che ha posto fine alle ostilità convincendo la NASCAR a dichiarare conclusa la gara sotto bandiera gialla.

La NASCAR ha poi dichiarato che le luci si sono accese a causa di un errore umano. Qualcuno ha inavvertitamente attivato un override manuale e fatto scattare l’interruttore delle luci di segnalazione. La direzione gara ha poi saggiamente deciso di congelare tutto, evitando un finale in Green-White-Checkered.

Edwards ha così capeggiato un ordine d’arrivo quantomai sorprendente e dominato dall’ovale blu di Ford. Ricky Stenhouse Jr. si è piazzato secondo – miglior risultato in carriera – davanti a Eric Almirola, estremamente brillante e anche lui mai così in alto in Sprint Cup.  Tony Stewart ha ricavato un fantastico quarto posto da una gara che in teoria doveva essere molto ostica per la sua gamba, mentre Marcos Ambrose ha chiuso la top-5 e regalato enormi sorrisi al Richard Petty Motorsport.

Di tutto e di più

Quella di Bristol si è rivelata ancora una volta una prova di sopravvivenza, adattamento e pazienza. Tanta pazienza. Che però va a cozzare dritta dritta con l’esigenza di stare davanti nel caso la corsa fosse definitivamente fermata dalla pioggia, ragion per cui la lotta sul banking del Tennessee è stata feroce e le 12 bandiere gialle (compresa l’ultima) ancora poche grazie alla bravura dei piloti.

Ad un certo punto è parso che nessuno riuscisse a portarsi a casa la Food City 500, perché dei 12 piloti che si sono avvicendati al comando Edwards è stato forse l’unico a non patire problemi o sfortune.

Matt Kenseth, autore del maggior numero di tornate al comando (165), è stato tamponato clamorosamente da Timmy Hill in gialla al gior 156, rimettendoci un bel pezzo di posteriore della Camry #20 e un mare di posizioni. Ritornato in vetta con una rimonta furiosa, è poi finito KO per un improvviso problema di assetto che lo ha relegato in tredicesima posizione.

Dopo aver vinto la gara Nationwide, Kyle Busch si è affacciato al comando anche ieri, a cavallo di metà gara, ma è stato costretto a una sosta anticipata da problemi di handling. Finito nelle retrovie, è rimasto intrappolato nel traffico ed è anche andato in testacoda, chiudendo 29esimo.

Jimmie Johnson è parso in buona condizione ad inizio gara, quando ha scelto di cambiare solo le gomme di sinistra in occasione della prima competition yellow, ma mentre era in testa la gomma anteriore destra ha ceduto, perdendo un lunghissimo ricciolo di battistrada e obbligando il pilota dell’Hendrick Motorsport a una sosta che lo ha relegato a 3 giri dal leader. Il gran numero di doppiati e la cadenza delle gialle successive non gli hanno consentito di rientrare in lotta per il successo.

Kurt Busch ha patito una foratura prima del giro 400, mentre Kevin Harvick, Jamie McMurray e Brad Keselowski sono finiti fuori dai giochi in un incidente a 50 tornate dalla bandiera a scacchi. Harvick stava andando ancora una volta fortissimo sulla Chevy #4 del team Stewart-Haas Racing, ma il suo motore ha ceduto di schianto, disperdendo olio in pista. Su quell’olio sono fini McMurray e Keselowski, con il secondo che non è riuscito in alcun modo a scansare la Chevy #1. Tamponata clamorosa e alla fine Keselowski 14esimo, McMurray 38esimo e Harvick 39esimo.

Da segnalare infine i curiosi incidenti che hanno visto protagonisti Alex Bowman e Danica Patrick. Il primo ha seminato per la pista una batteria e l’imballaggio con cui era stata avvolta, molto simile a della carta igienica. La seconda invece è ripartita da una sosta in controsterzo e ha centrato Clint Bowyer, fermo un paio di piazzole più avanti.

Rookie Watch

Kyle Larson sembrava il rookie messo meglio. Talmente in palla da lottare a tratti per la prima posizione con veterani del calibro di Matt Kenseth e Carl Edwards, il californiano di Elk Grove si è però letteralmente perso nel finale, ritrovandosi a 30 giri dalla bandiera a scacchi in decima posizione, tallonato dal rivale Austin Dillon, il quale ha compiuto il percorso opposto. Tra i doppiati a 100 giri dalla fine, Dillon ha mantenuto i nervi saldi, ha sfruttato un Lucky Dog per tornare a pieni giri e piazzarsi undicesimo sotto la bandiera a scacchi in quello che si è rivelato un sostanziale pareggio, almeno in termini di classifica.

Chase Watch

Dale Earnhardt Jr. 1[gdl_icon type=”icon-flag” color=”#FF0000″ size=”20px”]
Kevin Harvick 1[gdl_icon type=”icon-flag” color=”#FF0000″ size=”20px”]
Brad Keselowski 1[gdl_icon type=”icon-flag” color=”#FF0000″ size=”20px”]
Carl Edwards 1[gdl_icon type=”icon-flag” color=”#FF0000″ size=”20px”] 

Classifica

(1) B. Keselowski 163
(2) D. Earnhardt Jr. 153
(3) C. Edwards 152
(4) J. Gordon 152
(5) J. Johnson 143
(6) J. Logano 141
(7) D. Hamlin 140
(8) M. Kenseth 138
(9) R. Newman 125
(10) R. Stenhouse Jr. 122
(11) K. Kahne 120
(12) G. Biffle 118
(13) A. Dillon # 117
(14) Kyle Busch 111
(15) M. Ambrose 108
(16) J. Mcmurray 100

Ordine d’arrivo della Food City 500

Race Results
Bristol Motor Speedway
54th Annual Food City 500
UNOFFICIAL Provided by NASCAR Statistics Sunday, 3/16/2014 @ 9:45 PM Eastern UNOFFICIAL
Fin Str Car Driver Team Lap Pts BPts Status TLd LLd
1 12 99 Carl Edwards Kellogg’s / Frosted Flakes Ford 503 47 4 Running 1 78
2 21 17 Ricky Stenhouse Jr. Nationwide Insurance Ford 503 42 Running
3 23 43 Aric Almirola Smithfield Ford 503 41 Running
4 37 14 Tony Stewart Bass Pro Shops / Mobil 1 Chevrolet 503 40 Running
5 5 9 Marcos Ambrose STANLEY Ford 503 39 Running
6 1 11 Denny Hamlin FedEx Freight Toyota 503 39 1 Running 4 4
7 6 24 Jeff Gordon Axalta Chevrolet 503 37 Running
8 10 5 Kasey Kahne Farmers Insurance Chevrolet 503 37 1 Running 2 16
9 38 55 Brian Vickers Aaron’s Dream Machine Toyota 503 35 Running
10 20 42 Kyle Larson # Target Chevrolet 503 34 Running
11 26 3 Austin Dillon # Bad Boy Buggies / Realtree Chevrolet 503 33 Running
12 8 16 Greg Biffle Meguiar’s Ford 503 32 Running
13 3 20 Matt Kenseth Home Depot / Husky Toyota 503 33 2 Running 4 165
14 2 2 Brad Keselowski Miller Lite Ford 503 31 1 Running 1 40
15 15 15 Clint Bowyer 5-hour Energy Toyota 503 30 1 Running 1 5
16 9 31 Ryan Newman QuickenLoansBillionDollarBracketChallenge Chev 503 28 Running
17 30 51 Justin Allgaier # SEM Products Chevrolet 502 27 Running
18 36 10 Danica Patrick GoDaddy – Get Found Chevrolet 502 26 Running
19 11 48 Jimmie Johnson Kobalt Tools Chevrolet 501 26 1 Running 1 44
20 4 22 Joey Logano Shell Pennzoil Ford 500 25 1 Running 1 12
21 28 27 Paul Menard Richmond / Menards Chevrolet 500 23 Running
22 16 38 David Gilliland Long John Silver’s Ford 500 22 Running
23 32 98 Josh Wise Phil Parsons Racing Chevrolet 499 21 Running
24 14 88 Dale Earnhardt Jr. National Guard Chevrolet 499 20 Running
25 22 47 AJ Allmendinger Bush’s Grillin’ Beans Chevrolet 498 19 Running
26 34 7 Michael Annett # Pilot / Flying J Chevrolet 497 18 Running
27 25 13 Casey Mears GEICO Chevrolet 497 17 Running
28 35 36 Reed Sorenson Chevrolet 497 16 Running
29 7 18 Kyle Busch Skittles Toyota 496 16 1 Running 1 73
30 31 40 Landon Cassill(i) CRC Brakleen Chevrolet 496 0 Running
31 19 34 David Ragan Dockside Logistics Ford 495 13 Running
32 33 23 Alex Bowman # Dr Pepper Toyota 493 12 Running
33 39 32 Travis Kvapil AskMore-GetMore.com Ford 491 11 Running
34 41 30 Parker Kligerman # Swan Energy Toyota 487 10 Running
35 13 41 Kurt Busch Haas Automation Chevrolet 473 10 1 Running 3 28
36 29 78 Martin Truex Jr. Furniture Row Chevrolet 471 8 Running
37 24 95 Michael McDowell K-Love Ford 469 7 Running
38 17 1 Jamie McMurray McDonald’s Chevrolet 453 7 1 Accident 1 10
39 27 4 Kevin Harvick Budweiser Chevrolet 450 6 1 Accident 1 28
40 18 26 Cole Whitt # GEAR Speed Stick Toyota 430 4 Running
41 42 66 Joe Nemechek(i) Land Castle Title Toyota 322 0 Rear Gear
42 40 83 Ryan Truex # Borla Exhaust Toyota 271 2 Accident
43 43 33 Timmy Hill LittleJoesAutos.com Chevrolet 160 1 Accident